Schede di riferimento
News Cinema

Richard E. Grant & I: un ritratto dell'attore inglese candidato all'Oscar 2019 come miglior attore non protagonista

43

La prima nomination ottenuta in carriera da questo bravissimo caratterista britannico attivo al cinema dal 1987.

Richard E. Grant & I: un ritratto dell'attore inglese candidato all'Oscar 2019 come miglior attore non protagonista

Prima di essere l'ex detenuto e truffatore Jack Hock, il personaggio di Copia originale che gli è valsa la sua prima nomination all'Oscar, come miglior attore non protagonista, Richard E. Grant è stato molte cose.
È stato il villain di Logan, Zander Rice; il footman George di Gosford Park; il Larry Lefferts di L'età dell'innocenza; Lord Warburton in Ritratto di signora; il marito di Anaïs Nin, Hugo, in Henry & June; il ministro per lo sviluppo economico (prima) e della difesa (poi), e rivale interno di Margaret Thatcher, in The Iron Lady; l'amico e confidente dei Kennedy, William Walton, in Jackie.
È stato perfino il rigido manager delle Spice Girls Clifford in Spice World, e lo stilista Federico Marinoni in Sotto il vestito niente - L'ultima sfilata.
Ha interpretato anche il Dottore (una volta solo come doppiatore) in due episodi del Doctor Who fuori dalla continuity principale della serie, ed è stato Franz Kafza in un corto diretto da quello che poi sarebbe divenuto il Dodicesimo dottore, Peter Capaldi. Ha perfino presentato una serie di documentari televisivi sui più celebri e lussuosi alberghi del mondo e sui loro segreti: Richard E. Grant's Hotel Secrets.

Grant è, insomma, uno dei migliori e più amati attori, spesso limitato al ruolo di caratterista, e di cattivo (o comunque di antagonista e di sconfitto), di quella che è senza dubbio la miglior scuola attoriale del mondo, quella inglese.
E però spero che non se la prenda a male, quest'attore altro e magro dagli occhi intensamente celesti, che è amico intimo di Carlo d'Inghilterra e Camilla Parker Bowles, che è sposato dal 1986 con la stessa donna, che è padre di Olivia Grant, anche lei attrice, che è tifoso del West Ham e che nel 2006, con l'aiuto del programma BBC Newsnight, ha svelato una truffa da 98 milioni di dollari legata a un farmaco farlocco che avrebbe dovuto curare l'AIDS, se per me rimane e rimarrà sempre il personaggio che, nel 1987, ha segnato il suo debutto cinematografico.
Se quando lo guardo torno sempre col pensiero al Withnail di Withnail & I, il film di Bruce Robinson che è un mio cult personale e che è uno di quei film per i quali l'etichetta di cult movie sembra sia stata creata appositamente.

Per quel film che raccontava la sue esperienze giovani di attore semi-disoccupato e randagio nella Londra dinamica e flippatissima di fine anni Sessanta, per la parte di quell'amico carismatico, sopra le righe e alcolizzato, Robinson lo preferì a gente del calibro di Daniel Day-Lewis, Bill Nighy e Kenneth Branagh.
Preferì a loro quell'attore quasi trentenne, cui chiese di perdere massicciamente peso ("half of you has got to go", gli disse), e che era da sempre stato totalmente astemio (gli mancano nel sangue gli enzimi necessari a metabolizzare l'alcool) e che fece sbronzare prima delle riprese per dargli un'idea di cosa volesse dire, e di come raccontare, da attore, l'ubriachezza e i postumi.
Grant lo fece alla perfezione, con un'interpretazione esilarante e maestosa eppure malinconica e struggente. Withnail, il folle che nel corso di 107 minuti di film beve nove bicchieri e mezzo di vino rosso, mezza pinta di sidro, due shot e mezzo di gin, sei bicchieri di sherry, tredici scotch e mezza pinta di birra, ma che a un certo punto capace di gridare "I demand to have some booze" prima di tracannare la latta della benzina degli accendini e quasi vomitare (anche perché, per girare quella scena, Robinson mise aceto nella boccetta al posto dell'acqua, senza dirlo a Grant).
Withnail, l'amico egocentrico, arrogante e megalomane che si rifiuterà di crescere, e rimarrà solo, davanti ai lupi dello zoo di Regents Park, sotto la pioggia, a recitare l'Amleto e farci salire le lacrime agli occhi per la commozione dopo avercele fatte venire per le risate.
What a piece of work, is Richard E. Grant.
Chin-chin.



  • Critico e giornalista cinematografico
  • Programmatore di festival
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming