News Cinema

Senza nessuna pietà: Pierfrancesco Favino alla sua prima trasformazione fisica

Nel noir di Michele Alhaique con Greta Scarano l'attore è ingrassato per diventare, per amore, un quasi supereroe di periferia.

Senza nessuna pietà: Pierfrancesco Favino alla sua prima trasformazione fisica

Si chiama Mimmo e ha la maglietta gialla, ma non è il protagonista di uno degli episodi di Bianco, rosso e Verdone. E non è Carlo Verdone, ovviamente, ma Pierfrancesco Favino, un Favino alla sua prima vera trasformazione fisica. Già, perché impersonando il protagonista di Senza nessuna pietà, l'attore che di recente è prima diventato Tommaso Buscetta ne Il Traditore e poi ha preso le sembianze di Bettino Craxi in Hammamet ha dovuto cambiare pesantemente il proprio corpo. Ora, "pesantemente" è proprio l'avverbio giusto, visto che il nostro talento top ha sentito il bisogno di ingrassare per l'esordio dietro alla macchina da presa di Michele Alhaique, conosciuto sul set de L'uomo che ama di Maria Sole Tognazzi.
Senza nessuna pietà è un noir ambientato in quella periferia romana che il regista conosce bene e che da attore aveva già frequentato in Qualche nuvola. Racconta una vicenda di malavita, non in stile gangster movie o Romanzo criminale, e si domanda se chi è nato in un ambiente violento non abbia scritte nel proprio destino l'infelicità e l'impossibilità di riscatto. Storia d'amore fra un muratore che "recupera crediti" spaccando ossa e una escort di nome Tania (Greta Scarano), il film ha visto Favino anche nella veste di produttore, riportandolo su un set italiano dopo gli statunitensi World War Z e Rush.

Senza nessuna pietà: un film di supereroi all'italiana

Pierfrancesco Favino ha detto sì a Senza nessuna pietà perché voleva fare il supereroe? In un certo senso sì, anche se il suo gigante buono non vola, non impugna un martello o uno scudo e non è stato morso da nessun ragno. Mimmo è un supereroe perché scopre di avere delle qualità di cui non era a conoscenza e di sfruttarle a fin di bene. Si risveglia e, come un personaggio della Marvel, compie una scelta e diventa un uomo migliore. Quest'uomo migliore era per l'attore un personaggio inedito e raro, "qualcuno che non è consapevole dei suo mutamenti interiori e che non si guarda l'ombelico, spiegando tutto ciò che sa di sé".
Quando Favino ha letto la sceneggiatura di Senza nessuna pietà era sul set di Rush. L'intreccio e i personaggi di un film che fin dall'inizio gli ricordava certo cinema di Clint Eastwood, e che soprattutto "non era un'idea, ma una storia", gli hanno fatto dimenticare il mondo intorno a sé, e quando il buon Ron Howard lo ha chiamato per una nuova scena, a malincuore ha posato il copione. Un istante dopo è partita la telefonata per Michele Alhaique: "Sono salito sulla barca prima che finissero di costruirla" - ha raccontato Favino tempo dopo - "e ho deciso di essere tra i produttori, rinunciando completamente alla mia paga”.

La trasformazione fisica di Pierfrancesco Favino

Come Robert De Niro in Toro scatenato e come molti altri attori Usa, in primis la "fisarmonica" per eccellenza Christian Bale, Pierfrancesco Favino ha accettato di buon grado di mettere su 20 chili: di grasso e non di muscoli. Dapprima l'attore ha toccato quota 100 kg, per poi assestarsi su 98. La sua bella compagna Anna Ferzetti lo ha sostenuto, salvo lamentarsi qualche volta per il suo russare. Le sue bambine, invece, lo chiamavano ciccione. La trasformazione non è stata poi così traumatica, dal momento che per Favino il cibo è un ottimo strumento per conquistare il buon umore, e comunque era necessaria: "Se mi fossi messo un cuscino sulla pancia, non avrei capito cosa significa economizzare le energie quando fa caldo, né avrei mai sperimentato il timore e il rispetto che incute alla gente una grossa mole. Con venti chili in più cambia il respiro, il battito del cuore, il modo di dormire".
Picchio, che dopo il film ha riconquistato la splendida forma di sempre, è stato anche contento di restituire al suo pubblico un'immagine diversa di sé: "Un attore deve sorprendere lo spettatore. Per me era importante fargli dimenticare che dietro Mimmo c'era Favino".

La nostra recensione di Senza nessuna pietà

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
  • Giornalista specializzata in interviste
  • Appassionata di cinema italiano e commedie sentimentali
Suggerisci una correzione per l'articolo