News Cinema

Oscar 2023 - inclusività, cinema indipendente e blockbuster: l'Academy prova a tracciare un (possibile) nuovo percorso

Analizziamo le nomination all'Oscar 2023, che sanciscono il trionfo del cinema indipendente - e delle nuove generazioni - e il ritorno al senso puro dello spettacolo.

 Oscar 2023 - inclusività, cinema indipendente e blockbuster: l'Academy prova a tracciare un (possibile) nuovo percorso

Sono state appena annunciate le nomination agli Oscar 2023 e il mondo dei social è stato letteralmente invaso da ricerche, interrogativi e scommesse. Moltissimi dei favoriti sono stati infatti snobbati, mentre star del cinema indipendente e titoli apparentemente lontani dai gusti dell'Academy hanno invece trovato il proprio posto. Accanto ai soliti noti - Steven Spielberg, James Cameron, Michelle Williams, Cate Blanchett - figurano infatti grandi star in cerca di riscatto e di meritati riconoscimenti (mai giunti in decenni di carriera) - Angela Bassett, Jamie Lee Curtis, Colin Farrell, Bill Nighy - ma anche moltissimi nomi nuovi, alcuni dei quali il pubblico ha imparato a conoscere durante questa imprevedibile stagione dei premi: Austin Butler, Paul Mescal, Barry Keoghan, Stephanie Hsu, Ke Huy Quan, Brian Tyree Henry e Ana De Armas. Per quanto riguarda i titoli in gara, si è rinnovata una tendenza in atto già nelle precedenti edizioni, che vede quasi contrapporsi - ma destinati ad unirsi - il grande cinema e il cinema indipendente, spesso più protagonista nel circuito dei Festival che a cerimonie come quella degli Oscar. Spazio, poi, ai blockbuster che hanno contribuito alla "rinascita" delle sale vessate dalla pandemia, i quali dominano nelle categorie tecniche, riuscendo però ad imporsi anche in alcune cinquine principali. 

Oscar 2023 - Le categorie attoriali e i volti nuovi del cinema 

Cinema indipendente e grande cinema, dunque. Sono questi i due poli di un'edizione degli Oscar destinata a far parlare di se. Scombinati molti dei pronostici, le cinquine dell'edizione 2023 - soprattutto quelle attoriali - accolgono dunque al loro interno giovani star di cui si parlerà a lungo. Fra tutti spiccano due nomi: Paul Mescal, protagonista indiscusso del piccolo "caso cinematografico" Aftersun, sbocciato con la serie Normal People e presto al centro di progetti molto attesi - il sequel de Il gladiatore e l'ultima fatica di Richard Linklater, Merrily We Roll Again - e Barry Keoghan - giovane star irlandese in grado di coniugare sin dagli inizi del suo percorso progetti autoriali e grandi blockbuster - è stato Druig nel cinecomic Marvel Eternals e Joker in The Batman. Discorso a parte vale poi per Andrea Risebourough, una delle più talentuose attrici della sua generazione, in grado di imporsi con una pellicola - To Leslie - persino priva di una distribuzione internazionale, adorata però da uno star system in visibilio che ne ha sposato la causa, lanciando una propizia campagna per veder candidata la sua interprete agli Oscar - qui trovate l'elenco di tutti gli attori impegnati nella "campagna". In questo quadro, non trovano quindi spazio nomi dati per certi - Viola Davis per The Woman King, Margot Robbie, Diego Calva e Brad Pitt per Babylon, Hugh Jackman per The Son

Oscar 2023 - I 10 titoli in gara come miglior film 

Per quanto riguarda invece i dieci titoli in gara come miglior film i pronostici sono andati maggiormente a segno. Non sono mancate, però, sorprese: Niente di nuovo sul fronte occidentale - dopo le 14 candidature ai Bafta - si conferma come uno dei titoli da battere e ripete quanto accaduto con Parasite, venendo candidato sia come miglior film che come miglior film internazionale. Triangle of sadness - candidato come miglior film in quanto girato in lingua inglese - sancisce inoltre una nuova tendenza, che (ri)porta in auge il cinema europeo agli Oscar. Il resto delle pellicole candidate conferma la "polarizzazione" fra blockbuster e cinema indipendente. Sono ben due i titoli in gara campioni d'incassi del 2022 - Avatar: La via dell'acqua e Top: Gun Maverick - che si scontrano con titoli come Women Talking ed Everything Everywhere All at Once. Ed è proprio il film dei The Daniels il portabandiera dell' "assalto" del cinema indipendente, il quale, al tempo stesso, riunisce insieme le due nature di questa edizione dell'Academy. Jamie Lee Curtis viene infatti candidata per la prima volta nella sua prolifica carriera proprio per Everything Everywhere All at Once, accanto agli altri tre interpreti principali: Michelle Yeoh, Stephanie Hsu e Ke Huy Quan. Ed è sempre grazie ad un blockbuster - Black Panther: Wakanda Forever - che ottiene la sua prima nomination Angela Bassett, divenendo la prima interprete del MCU ad ambire - e probabilmente vincere - la statuetta. 

In questo quadro così complesso e variegato, espressione di un cinema che cerca il cambiamento ma che, allo stesso tempo, prova a riabbracciare le sue origini e la sua essenza - ovvero quella legata al puro senso dello "spettacolo" - nomi un tempo fra i favoriti, come quello di Damien Chazelle, si devono quindi accontentare di tre nomination - Babylon concorre per i migliori costumi, per la scenografia e la colonna sonora - mentre altri, come quello dAlejandro González Iñárritu, spariscono del tutto - unica nomination a Bardo è per la fotografia. Del resto, per comprendereil quadro del cinema promosso dall'Academy, basta guardare i titoli con maggior numero di candidature: 11 nomination per Everything Everywhere All at Once, 9 per Niente di nuovo sul fronte occidentale e Gli Spiriti dell'Isola - dell'ormai onnipresente Martin McDonagh - e 7 per The Fabelmans, ritratto autobiografico di Steven Spielberg, insieme omaggio e canto del cigno di un certo tipo di cinema. Tutto è quindi ancora possibile e la notte degli Oscar - che si terrà il 12 marzo 2023 - potrebbe stravolgere definitivamente le carte in tavola. Nel frattempo, ecco la lista di tutti i candidati agli Oscar 2023, per arrivare preparati a quella rimane la notte più magica per l'industria cinematografica. 

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming