Schede di riferimento
News Cinema

Addio a Silvana Pampanini, diva sexy degli anni Cinquanta

6

L'attrice, famosa per i film con Totò, aveva compiuto da pochi mesi 90 anni.


Il cinema italiano piange la sua prima scomparsa illustre del nuovo anno. Ci ha lasciato, alla ragguardevole età di 90 anni compiuti nel settembre scorso, Silvana Pampanini, una delle dive più celebri degli anni Cinquanta, che nell'immaginario del nostro paese ha incarnato la sensualità più eclatante e spregiudicata, donna e attrice moderna rimasta nel cuore dei nostri genitori e dei nostri nonni con la sua immagine provocante e rassicuranete insieme. Era da tempo ricoverata al Policlinico Gemelli di Roma dove era stata operata lo scorso ottobre. A differenza di altre star della sua epoca, la Pampanini, come veniva da sempre chiamata, aveva continuato ad apparire in televisione fino agli anni Duemila, senza timore di mostrare la sua vecchiaia che poco o nulla ricordava dei fasti della sua gioventù, ed è forse con questa immagine non lusinghiera che l'hanno conosciuta le nuove generazioni.

La sua carriera era iniziata, nel rispetto della tradizione famigliare (la zia Rosetta era una nota cantante lirica) sotto il segno del bel canto, al Conservatorio. Ma era stata proprio la sua maestra in questa disciplina ad iscrivere a sua insaputa l'aspirante Callas al concorso di miss Italia del 1946, dove era arrivata seconda ma a furor di popolo venne promossa al primo posto ex-aecquo con Rossana Martini. Inizialmente apparsa in film musicali, già nel 1949 viene affiancata a Totò nel comico I pompieri di Viggiù. La sua presenza prosperosa e procace accanto al principe della risata la rende se possibile ancora più popolare. Con lui appare anche in 47 morto che parla. A lungo si è parlato del corteggiamento dell'attrice, allora venticinquenne, da parte di Totò, tanto da diffondere la voce che proprio per lei avesse scritto la canzone Malafemmena (ispirata in realtà da un'altra donna). Nella vita la Pampanini, corteggiatissima anche da attori stranieri, non si è mai sposata e non ha avuto figli.

Tra i suoi film della giovinezza si ricordano titoli allegri e leggendari come Bellezze in bicicletta, l'esilarante Io sono il capataz (un Dittatore dello stato libero di Bananas ante-litteram) con Renato Rascel, La paura fa 90, O.K. Nerone (dove era, appropriatamente, Poppea), ma anche titoli più seri come Processo alla città di Luigi Zampa e La tratta delle bianche di Luigi Comencini. Prima dell'esplosione delle più giovani Sophia Loren e Gina Lollobrigida, Silvana Pampanini è LA diva per eccellenza, simbolo di bellezza assieme a Lucia Bosé e Silvana Mangano. A differenza delle colleghe non accetta le proposte di Hollywood, ma lavora in Francia (in film come Koenigsmark), dove è conosciuta come Ninì Pampan.

Tra gli altri film di rilievo della sua lunga carriera, il ruolo di protagonista in Un marito per Anna Zaccheo di Giuseppe De Santis, Un giorno in pretura, Allegro squadrone, La bella di Roma, La strada lunga un anno, Il gaucho di Dino Risi (dove, novella Gloria Swanson, interpreta un diva sfiorita sul suo Viale del tramonto) fino a Mazzabubù... quante corna stanno quaggiù?, del 1971, sua ultima apparizione cinematografica (anche se appare nel ruolo di se stessa in Il tassinaro di Alberto Sordi).

E' stata anche autrice di una autobiografia intitolata “Scandalosamente perbene” e ha diretto nel 1958 due cortometraggi sulla sua grande passione, la musica: Melodie a Sant'Agata e Giuseppe Verdi.

Con la Pampanini – che a suo dire aveva avuto più spasimanti che mal di testa - se ne va un altro pezzo di un Italia un po' ingenua e peccatrice, castamente spregiudicata, che negli anni del dopoguerra e del predominio della DC imposero la visione di una Roma oggi scomparsa, rimasta per sempre nel nostro immaginario e ingentilita nei suoi aspetti meno nobili dalla nostalgia.  

 

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
Schede di riferimento
  • Saggista traduttrice e critico cinematografico
  • Autrice di Ciak si trema - Guida al cinema horror e Friedkin - Il brivido dell'ambiguità
Suggerisci una correzione per l'articolo