Tanti auguri alla Diva Claudia Cardinale

- Google+
93
Tanti auguri alla Diva Claudia Cardinale

“The stars are ageless”, le dive non hanno età, diceva giustamente Gloria Swanson/Norma Desmond nel capolavoro di Billy Wilder Viale del tramonto. Al contrario di Dorian Gray, hanno un'immagine fisica che invecchia, specialmente se scelgono di non restare giovani a tutti i costi, ma hanno uno specchio dove restono eternamente giovani, che sono i film che hanno interpretato in gioventù e il ricordo che resterà per sempre impresso a chi le ha conosciute sul grande schermo. Il 15 aprile una delle nostre dive più belle ed amate, Claudia Cardinale, compie 80 anni, una cifra importante e una carriera composta di oltre 170 titoli (parole sue) e che non accenna a fermarsi. Con le più anziane Sophia Loren, Gina Lollobrigida, Silvana Mangano, Monica Vitti e Lea Massari ha dominato il cinema non solo italiano negli anni Sessanta e Settanta (e oltre), lavorando con tutti i maggiori registi e con gli attori e le attrici più grandi.

Una carriera iniziata prestissimo, quella di Claude Joséphine Rose Cardinale, figlia di italiani a Tunisi, che solo a 16 anni inizia a parlare bene l'italiano ma che conosce l'arabo, il francese e il dialetto siciliano. Bruna, esotica, sensuale, dal grande e luminoso sorriso, grazie a Mario Monicelli, nel piccolo ruolo di Carmelina, la sorella del gelosissimo Ferribotte di Tiberio Murgia corteggiata da Renato Salvatori, conquista il cuore degli italiani nei Soliti Ignoti, anno 1958. Nello stesso anno ha una parte anche al fianco di Omar Sharif nel francese I giorni dell'amore, ma è dopo la commedia di Monicelli che tutti la vogliono. Lavorerà più volte con registi come Luchino Visconti e Mauro Bolognini e sarà bravissima con Pietro Germi, attore e regista, in un Un maledetto imbroglio, il film che la convince definitivamente a intraprendere la carriera d'attrice, fino ad allora vissuta con sofferenza anche per le dolorose vicende private legate al figlio nato da una violenza, che è costretta a spacciare per un fratello, a causa dell'immagine pubblica che – al pari di quello che capita alle star nello Studio-System americano – le viene costruita dal produttore Franco Cristaldi, che ha con lei un rapporto da Pigmalione che diventa anche personale ma mai paritario.

Finalmente con la sua bella voce, non più doppiata, è - citando alla rinfusa - Claudia e la ragazza della fonte di 8 e 1/2 di Fellini, la luminosa Angelica del Gattopardo di Visconti, la Ragazza con la valigia di Valerio Zurlini, che le vale un David speciale, La ragazza di Bube (dal romanzo di Carlo Cassola) per Luigi Comencini. Una serie di film e di ruoli praticamente perfetta, che prosegue col lavoro nel western per Sergio Leone in C'era una volta il West e Richard Brooks nel bellissimo I professionisti, dove ritrova il principe Salina del Gattopardo, Burt Lancaster, con cui ha ballato un valzer immortale. Potremmo riempire pagine e pagine parlando dei suoi premi, dei film, dei personaggi, di una carriera da vera diva: nel 1966 la Longanesi pubblicò addirittura un volumetto, “Cara Claudia”, con le lettere dei suoi fan, un libro che abbiamo e conserviamo con particolare affetto.

Ci fermiamo qui, perché un compleanno è solo un'occasione per fare gli auguri a coloro a cui vogliamo bene e che in qualche modo ci hanno migliorato la vita, non quella di fare la storia della loro, cosa in questo caso ancor più superflua, viste le centinaia di pagine che le sono state dedicate. Anche se non l'abbiamo mai incontrata di persona (e chissà, a volte è meglio non contaminare il mito) per tanti di questi momenti sul grande schermo noi vogliamo davvero bene a Claudia Cardinale, e la ringraziamo, augurandole buon compleanno, per le interpretazioni che ci ha regalato nel corso della carriera, alcune delle quali troverete nella photogallery qui sotto.



Daniela Catelli
  • Saggista e critico cinematografico
  • Autrice di Ciak si trema - Guida al cinema horror e Friedkin - Il brivido dell'ambiguità
Lascia un Commento
Lascia un Commento