Alessandro Preziosi biografia

Qui puoi conoscere la carriera e le curiosità sulla sua vita privata, leggere le notizie più recenti, trovare tutti i premi vinti e guardare le foto e i video.

share
Biografia

Alessandro Preziosi

ETÀ: Ha 46 Anni
ALTEZZA: 187 cm

NASCE A: Napoli, Italia
NASCE IL: 19/04/1973

Nato il 19 aprile 1973 a Napoli, Alessandro Preziosi, dopo aver terminato gli studi classici, si laurea in giurisprudenza con il massimo dei voti presso l'Università Federico II. Inizialmente intraprende proprio la strada della magistratura, divenendo assistente di diritto tributario all'Università di Salerno. La notorietà arriva nel 1996, quando un ventitreenne Alessandro, sotto il nome Axel Preziosi, si presenta e vince il varietà di Rai 1, Beato tra le donne, condotto da Bonolis. Decide in seguito di intraprendere una carriera nel mondo dello spettacolo e debutta a teatro con alcuni spettacoli, a cui segue lo studio all'Accademia di Filodrammatici di Milano, dove viene notato da Antonio Calenda, insieme al quale mette in scena "Amleto", interpretando Laerte.

Nel 1999 arriva anche l'esordio in TV con la soap opera Vivere, in cui militerà fino al 2002, e con la miniserie Una donna per amico 2. Nel frattempo continuano gli impegni a teatro con la trilogia Orestea di Eschilo. Il successo per Preziosi arriva nel 2003, quando viene messa in onda la serie Elisa di Rivombrosa nei panni del conte Fabrizio Ristori, per il quale si aggiudica il Telegrolla e il Telegatto come personaggio maschile dell'anno. La seconda stagione, però, lo vede apparire solo nelle prime puntate, perché l'attore decide di dedicarsi maggiormente al teatro con "Re Lear".

Nel 2004 arriva anche il suo primo ruolo al cinema con Vaniglia e cioccolato, dove è protagonista insieme a Maria Grazia Cucinotta. Torna in Tv con la serie Il capitano (2005), con cui si aggiudica un nuovo Telegrolla, e la miniserie L'uomo che rubò la gioconda (2006). È in questi anni che si dedica anche alla musica scrivendo le ballate per il film di Pupi Avanti, La seconda notte di nozze (2005), ma da prova delle sue doti musicali anche sul palco dell'Ariston cantando e suonando "Che mistero è" insieme a Nicky Nicolai e Stefano Di Battista. Intanto escono al cinema I Viceré (2007), La masseria delle allodole (2007) e Il sangue dei vinti (2008). È sul piccolo schermo, però, che Preziosi riceve più ingaggi, tutti, tra l'altro, nel ruolo di protagonista, come Il commissario De Luca (2008), per il quale vince l'Efebo D'Argento per la magistrale interpretazione, e Sant'Agostino (2010), con cui si aggiudica il Ciak d'oro Stile d'attore.

Sul fronte cinema, nel 2009 all'attore napoletano viene proposto il ruolo in Mine Vaganti (2010), commedia pluripremiata di Ferzan Özpetek che permette a Preziosi di riceve il Premio Federico II come Migliore attore non protagonista. Nello stesso anno è al cinema con la commedia Maschi contro femmine (2010), a cui seguirà Femmine contro maschi (2011). Dopo la serie Un amore e una vendetta (2011), Preziosi si allontana temporaneamente dalle scene televisive per dedicarsi al grande schermo con le commedie Il volto di un'altra (2013) e Passione Sinistra (2013). Tornerà in TV nel 2014 con la miniserie Gli anni spezzati e Per amore del mio popolo e in seguito prenderà parte alla prima stagione della serie anglo-italiana I Medici (2016), nella quale interpreta l'architetto Filippo Brunelleschi accanto a Dustin Hoffman.

Al cinema affianca Elena Sofia Ricci e Stefania Rocca ne L'amore rubato (2016), interpreta il Preside Firgotto nella commedia scolastica Classe Z (2017) ed è il protagonista del drammatico Nessuno come noi (2018). I maggiori successi, però, Preziosi li colleziona in TV e anche nel 2019 non mancano le performance che conquistano il pubblico, come quella del giudice Lo Bianco nel telefilm Liberi di scegliere o quella del chirurgo Andrea, accusato di stupro, nella serie Non Mentire.

Filmografia
Liberi di scegliere (Liberi di scegliere)
Nessuno come noi (Nessuno come noi)
Classe Z (Classe Z)
Un'estate a Firenze (Lost in Florence)
Lascia un Commento