Schede di riferimento
News Cinema

Mary Poppins: la censura si abbatte sul musical con Julie Andrews per una semplice parolina...

405

Nell'era del politicamente corretto, anche il delizioso Mary Poppins, che ci ha donato felicità durante l'infanzia, va a processo. I signori della censura hanno trovato un termine che giudicano discriminatorio.

Mary Poppins: la censura si abbatte sul musical con Julie Andrews per una semplice parolina...

La mannaia del politicamente corretto si è abbattuta anche su un classico per l'infanzia, un musical che tutti noi, da bambini, avremo visto almeno dieci volte. Si tratta - udite, udite! - di Mary Poppins, film targato Walt Disney che prende spunto dai romanzi di Pamela Lyndon Travers e in cui recitava Julie Andrews.
Avete capito bene: proprio quel Mary Poppins, che tra l'altro ha ispirato a John Lee Hancock il delizioso Saving Mr. Banks, con Tom Hanks nei panni di Walt Disney. Sembra che la censura britannica abbia individuato, all'interno del film, un linguaggio discriminatorio.

Perchè Mary Poppins ha scontentato la censura inglese

Nella giornata di venerdì, la British Board of Film Classification ha stabilito che Mary Poppins, invece di figurare nella categoria U, doveva essere etichettato come film PG. Limitandoci al linguaggio discriminatorio, possiamo dire che un film U non ha scene o parole offensive, mentre un film PG contiene per esempio un personaggio il cui comportamento e le cui parole discriminano una persona o un gruppo di individui.
Ora, che cosa non è andato esattamente a genio ai signori della censura del Regno Unito?

Un portavoce della BBFC ha comunicato a Variety che l'utilizzo della parola Ottentotti in riferimento ai pastori nomadi sudafricani Khoekhoe è inappropriato e razzista, tanto più che a usare la parola, per ben due volte, è l’ammiraglio Boom (Reginald Owen), che se ne serve per definire gli, spazzacamini che hanno il viso scuro di fuliggine. Il motivo della nuova classificazione è legato alla preoccupazione che hanno i genitori che i loro figli imparino termini inappropriati per poi riutilizzarli a loro piacimento.

Interpretato anche da Dick Van Dyke, Mary Poppins fu subito un successo e negli Stati Uniti incassò 31 milioni di dollari. Vinse 5 Oscar: per la miglior attrice protagonista (Julie Andrews), per il miglior montaggio, i migliori effetti speciali, la migliore colonna sonora e la miglior canzone originale (Chim Chim Cher-ee).

Ricordiamo che nel 2018 è uscito un sequel di Mary Poppins, intitolato Il ritorno di Mary Poppins e interpretato da Emily Blunt.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
Schede di riferimento
  • Giornalista specializzata in interviste
  • Appassionata di cinema italiano e commedie sentimentali
Suggerisci una correzione per l'articolo