News Cinema

Spiriti nelle tenebre: la storia vera dei leoni mangiatori di uomini con Michael Douglas e Val Kilmer

12

Avventura e azione al centro del film Spiriti nelle tenebre, una incredibile storia vera raccontata da Stephen Hopkins con Val Kilmer, Tom Wiliknson e Michael Douglas sulla costruzione di un ponte in Kenya.

Spiriti nelle tenebre: la storia vera dei leoni mangiatori di uomini con Michael Douglas e Val Kilmer

L’Africa profonda ha un fascino particolare anche oggi, figuriamoci negli ultimi anni dell’800, in un Kenya in cui ci porta Stephen Hopkins in Spiriti nelle tenebre, raccontando la storia vera della costruzione di un ponte sul fiume Tsavo per la Uganda Railway, in cui due leoni maschi attaccarono in varie occasioni gli operai, e per questo furono soprannominati Tsavo Man-Eaters, mangiatori di uomini.

Il film è del 1996, è tratto dal libro di John Henry Patterson, Mangiatori di uomini dello Tsavo, scritto nel 1907. Nel cast è Val Kilmer a interpretare Patterson, insieme a lui Tom Wilkinson, Michael Douglas, Om Puri.

Spiriti nelle tenebre, la trama

Siamo nel 1898, quando il colonnello Patterson viene incaricato dalle autorità coloniali di costruire un ponte sul fiume Tsavo, in Kenya. Parte rapidamente, sperando di tornare prima della nascita del figlio. Sul posto trova già operativi operai indiani e africani, ci sono un capo indigeno, insieme a un medico e un reverendo. I lavori presto però vengono sconvolti dalle ripetute aggressioni di un leone, che subito riesce a uccidere. 

Sembra che il pericolo sia scampato, e viene anzi accolto come un eroe, dopo la prodezza. Ma la mattina dopo viene trovato il cadavere di uno del loro gruppo, oltretutto noto per aver ucciso a mani nude un leone in passato. Il cadavere è devastato dai corvi, il dottore spiega che le è stata strappata la pelle per bere il suo sangue, divorandolo poi partendo dai piedi. Una cosa del genere non è normale nei leoni, lo stesso dottore è sconvolto, anche perché le aggressioni e le uccisioni sono appena iniziate.

I leoni cacciano per fame, di solito, e non in coppia. È tutto molto strano, e inquietante, le vittime arrivano a una quarantina, e tutti gli operai vogliono andarsene. Le leggende parlano di spiriti maligni notturni o di anime di stregoni morti che tornano sotto forma del re della foresta per portare devastazione e morte. Di sicuro portano malvagità, la situazione è disperata, fino a che arriva un esperto cacciatore, Remington (Michael Douglas), insieme a una squadra di caccia di Masai. Ma è solo l’inizio di una lotta feroce, per la sopravvivenza e per proseguire con i lavori del ponte senza che gli operai se ne vadano.

Spiriti nelle tenebre, una storia vera nell’Africa profonda

La sceneggiatura di discosta in vari punti dalle avventure di Patterson, ad esempio inserendo il personaggio di Remington, e ignorando il curioso particolare che i mangiatori di uomini dello Tsavo erano leoni maschi privi di criniera. Spiriti nelle tenebre vinse l’Oscar per il miglior sonoro. Lo sceneggiatore, William Goldman, sentì per la prima volta parlare di questa storia mentre viaggiava negli anni ’80 per l’Africa, pensando subito che ne sarebbe venuta fuori una bella sceneggiatura, pronta poi nel 1990 e definita un incrocio fra Lawrene d’Arabia e Lo squalo. “La mia sensazione è che fossero semplicemente malvagi”, secondo Goldman. “Credo che per nove mesi il male si palesò a Tsavo”.

Kevin Costner manifestò interesse per il film, ma la Paramount voleva Tom Cruise, che alla fine declinò. Val Kilmer aveva appena girato Batman Forever e da frequente visitatore dell’Africa era entusiasta del copione. Per il ruolo di Remington si pensò prima a Sean Connery e Anthony Hopkins, che rifiutarono, e allora Michael Douglas, fino a lì coinvolto solo come produttore, decise di farlo lui. Il film fu girato in Sudafrica, da dove provenivano buona parte degli attori che interpretavano gli operai. Una curiosità: nel 1924, il colonnello John Henry Patterson vendette le pelli dei due leoni stagisti dello Tsavo al museo di storia naturale Field di Chicago, che creò due leoni imbalsamati, che sono ancora lì in esposizione.

Anche se Patterson parlò di 135 uomini uccisi dai leoni, studi più affidabili parlano di una trentina, esclusi quelli eventualmente uccisi, ma non mangiati, dagli animali.



  • critico e giornalista cinematografico
  • intervistatore seriale non pentito
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming