News Cinema

Oscar 2024: I Cinque attori candidati come migliori non protagonisti

22

Come ogni anno, nell'imminenza dell'assegnazione dei premi Oscar, ripassiamo insieme i candidati. Questi sono gli attori che si contendono la statuetta come miglior protagonista agli Oscar 2024.

Oscar 2024: I Cinque attori candidati come migliori non protagonisti

Come ogni anno facciamo un ripasso veloce, prima dell'assegnazione degli Academy Awards, dei cinque attori non protagonisti candidati, con qualche statistica che possa indicare le loro chance di vittoria dell'Oscar. Quest'anno, come vedremo, il parterre è particolarmente ricco di nomi di primissimo piano, dal più anziano, Robert De Niro, all'unica new entry, Sterling K. Brown. Un ritorno al classico, dopo gli eccessivi entusiasmi dell'anno scorso per il pastiche dei Daniels, Everything, Everywhere, All at Once, che ha regalato improbabili statuette un po' a tutti.

Ecco i 5 candidati nella categoria del miglior attore non protagonista agli Oscar 2024

  • Robert De Niro per Killer of The Flower Moon
  • Robert Downey Jr. per Oppenheimer
  • Ryan Gosling per Barbie
  • Mark Ruffalo per Povere Creature!
  • Sterling K. Brown per American Fiction

Robert De Niro per Killers of the Flower Moon

Se non avete ancora visto il fluviale film di Martin Scorsese, Killers of the Flower Moon, per cui Robert De Niro è candidato, potete recuperarlo su Prime Video. Per l'attore italo-americano, oggi ottantenne, è l'ottava candidatura come attore e la terza come non protagonista dopo quelle per Il Padrino- Parte II e Il lato positivo. E ovviamente di statuette da mettere sul caminetto o da usare come fermaporta ne ha già due: la prima vinta nel 1975 per il ruolo di Don Corleone da giovane in Il Padrino – parte II e nel 1981 per la splendida performance nel ruolo di Jack LaMotta in Toro scatenato. Dubitiamo che il malvagio William Hale nel nuovo film di Scorsese possa vederlo di nuovo vincitore.

Robert Downey Jr. per Oppenheimer

Hollywood adora le storie di redenzione e Robert Downey Jr. ne è l'esempio perfetto, oltre ad essere un attore di grande talento. I più giovani, che lo hanno conosciuto solo grazie alla Marvel o a Sherlock Holmes, non possono sapere che ai tempi in cui lavoravamo alla defunta Coming Soon Television, erano più le volte che facevamo servizi su di lui in manette e con la tuta arancione da carcerato che sui suoi film. Fortunatamente il buon Bob ne è uscito e questa per il personaggio di Lewis Strauss in Oppenheimer è la sua terza candidatura, dopo quella per Charlot e per Tropic Thunder. Potrebbe, davvero, essere la volta buona perché Hollywood gli dimostri tutto il suo amore.

Ryan Gosling per Barbie

Sappiamo di essere in una posizione impopolare ma non abbiamo apprezzato quasi nulla di Barbie e la candidatura a Ryan Gosling per Ken ci sembra più o meno un simpatico scherzo anche se, lo ammettiamo, è il più convincente del cast. Poi, per carità, si può discutere delle sue doti canore e attoriali finché vogliamo ma ci sembra altamente improbabile che il ruolo del bambolotto dia un Oscar a questo ex attore bambino cresciuto in casa Disney e oggi molto amato, che è già stato candidato per Half Nelson e La La Land.

Mark Ruffalo per Povere Creature!

Mark Ruffalo è un attore solido in tutti i sensi, capace di spaziare dai cinecomic al cinema indipendente e alle serie tv con lo stesso rigore e serietà. La quarta candidatura all'Oscar, sempre come non protagonista (in precedenza per I ragazzi stanno bene, Foxcatcher e Il caso Spotlight), gliela porta Povere Creature! di Yorgos Lanthimos e prima o poi Hollywood premierà la sua affidabilità, anche se non ci sembra questo il suo anno, ma potremmo anche sbagliarci e non ci dispiacerebbe affatto.

Sterling K. Brown per American Fiction

L'unico attore black in questa categoria è Sterling K. Brown, 47 anni, con all'attivo due premi Emmy e un Golden Globe. Protagonista amatissimo di una serie come This is Us, ha lavorato tantissimo sia al cinema che in tv, ma faticando un po' ad emergere tra tanta concorrenza. Il suo ruolo del fratello gay di Jeffrey Wright nella deliziosa meta-commedia American Fiction (uscita direttamente su Prime Video) gli porta la sua prima candidatura all'Oscar, ma per quanto lo abbiamo apprezzato, dubitiamo che sia arrivato il suo momento di stringere in mano la statuetta dorata. In futuro, chissà...

Chi la spunterà tra questi magnifici 5 lo sapremo il prossimo 10 marzo nella serata di consegna dei 96esimi Academy Awards, presentata da Jimmy Kimmel.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming