News Cinema

Il Bolzano Film Festival assegna premi alla carriera a Jacopo Quadri e Christine A. Maier

Il Bolzano Film Festival si presenterà con una nuova veste e una direzione artistica il prossimo aprile '23 e premierà alla carriera il montatore Jacopo Quadri e la direttrice della fotografia austriaca Christine A. Maier.

Il Bolzano Film Festival assegna premi alla carriera a Jacopo Quadri e Christine A. Maier

Nato nel 1987 per portare cinematografie di paesi confinanti in un territorio in apertura al mondo, il Bolzano Film Festival è da poco stato rinnovato con la direzione artistica di Vincenzo Bugno, italiano di casa in Germania, storico collaboratore della Berlinale. La trentaseiesima edizione, che si svolgerà dal 18 al 23 aprile, "sarà un festival aperto, in qualche modo ibrido, rappresentativo di una realtà inserita in una intensa rete di collaborazioni con le numerose istituzioni e iniziative che operano sul territorio, tessere di un mosaico multiforme che mette in evidenza ambiti confinanti come cultura, evoluzione artistica e innovazione sociale".

Ci sarà un doppio premio alla carriera , in linea con l'anima bilingue del territorio. Il riconoscimento sarà attribuito alla direttrice della fotografia austriaca Christine A. Maier e al montatore italiano Jacopo Quadri.

Cosi ha commentato la prima scelta il direttore artisticoLa realizzazione di un film non si limita certamente al contributo di regist*, attor* e produttor*. Credo sia necessario riconoscere ulteriormente e dare visibilità ad altre professioni che il cinema lo costruiscono, immaginano, inventanoÈ seguendo questa convinzione che abbiamo deciso di assegnare un premio alla carriera a Christine A. Maier, meravigliosa ricercatrice e creatice d’immagini, direttrice della fotografia affermata nel paese d’origine, l’Austria e altrove, che fin dall’inizio della sua attività ha contribuito al successo e alla visibilità di una cinematografia decisamente di frontiera, quella bosniaca”. 

Nata nel 1969 a Graz, Austria, Christine A. Maier, dopo lo studio alla  Filmakademie di Vienna, nel 1998 gira il primo film come direttrice della fotografia, Nordrand  di Barbara Albert, acclamato in vari festival internazionali. Nel 1996, in un viaggio di lavoro in Bosnia, conosce la regista Jasmila Žbanic, all'epoca studentessa di arte a Sarajevo: nasce un sodalizio professionale che si concretizza in Grbavica, Orso d’oro alla Berlinale 2006, e poi in Quo vadis, Aida?, vincitore del Premio come miglior film europeo agli European Film Awards 2021. Dal 2005 lavora anche con l’artista americana Amie Siegel, per film d’essay e installazioni. 

Sono due i film scelti dalla Maier a rappresentare il suo lavoro alla prossima edizione del BFFB. Oltre a Quo vadis, Aida? di Jasmila Žbanic, - storia di Aida, interprete nei negoziati con le unità serbo-bosniache nella Bosnia del 1995, dopo aver cercato rifugio nel campo delle Nazioni Unite di Srebrenica -  a Bolzano sarà proposto anche Licht, film del 2017 di  Barbara Albert, sulla storia vera della giovane pianista non vedente Maria Theresia von Paradis, parabola sugli ostacoli che il talento femminile deve affrontare per affermarsi ambientata nella Vienna di Mozart.

Per quanto riguarda Jacopo Quadri, ad oggi 13 premi e 21 candidature nel scorso nella sua carriera. Il montaggio come anima del cinema, un’anima forse molto pragmatica, metodica ma sicuramente costruttrice di identità artistiche e narrative”, così Vincenzo Bugno descrive l’importanza del montaggio e di conseguenza la scelta dell’altro premio alla carriera 2023, che va a Jacopo Quadri, "una delle personalità a mio parere più significative del cinema italiano degli ultimi (almeno) trent'anni: grandissimo montatore, o meglio autore di montaggio, preziosissimo partner di registi tra cui, solo per citarne alcuni, Bernardo Bertolucci, Mario Martone, Gianfranco Rosi, Marco Bechis, Paolo Virzi, Apitchatpong Weerasethakul".

Jacopo Quadri, classe 1964, ha lavorato a più di 90 lungometraggi e documentari, presentati nei più prestigiosi festival internazionali e spesso vincitori di importanti riconoscimenti: dal Gran premio della Giuria a Venezia per Morte di un matematico napoletano di Mario Martone nel 1992, al Leone d’oro per Sacro Gra a Venezia nel 2013, all’Orso d’oro a Berlino nel 2016 per Fuocoammare di Gianfranco Rosi. 

Anche nell’ambito del Premio alla Carriera dedicato a Jacopo Quadri saranno proposti due titoli, da lui scelti. Si tratta di Garage Olimpo film del 1999 di Marco Bechis, sulla tragica stagione della dittatura argentina, presentato ad innumerevoli festival e al quale Jacopo Quadri si sente particolarmente legato, e di Lorello e Brunello, di cui lo stesso Quadri firma la regia nel 2017, storia di due gemelli che, nella Maremma Toscana, si occupano della fattoria di famiglia: film premiato al Torino Film Festival  e presentato tra gli altri anche alla Berlinale.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
  • critico e giornalista cinematografico
  • intervistatore seriale non pentito
Suggerisci una correzione per l'articolo