News Cinema

Water Horse: il film e il mito folkloristico del mostro di Loch Ness

10

Water Horse La leggenda degli abissi è un film che rielabora la mitica storia del mostro di Loch Ness, puro folklore contemporaneo.

Water Horse: il film e il mito folkloristico del mostro di Loch Ness

Il film fantastico per famiglie Water Horse: La leggenda degli abissi (2007) è una rivisitazione del mito del mostro di Loch Ness, uno dei misteri contemporanei più gettonati di sempre: un'ispirazione perenne dalla storia piuttosto interessante e curiosa. Confrontiamo la folkloristica realtà con la fantasia senza remore del cinema.

Water Horse, il mostro di Loch Ness è l'originale creatura del lago

Molti fanno risalire l'esplosione del mito del mostro di Loch Ness a una foto scattata nel 1934, si diceva da Robert Kenneth Wilson, un ginecologo londinese in vacanza presso la cittadina sul lago di Loch Ness nelle Highland scozzesi. Purtroppo per quelli che "want to believe", nel 1975 fu rivelata come il prodotto di un elaborato scherzo. Tuttavia bisogna capire come mai agli autori venne in mente di scherzare in quel modo: in effetti le radici del mito sono lontanissime, se si pensa che nel VI secolo d.C. il monaco irlandese Adamnano di Iona scrisse una vita di San Columba di Iona, dove raccontava di un incontro con una bestia acquatica proprio sulle rive di Loch Ness. Naturalmente, è arduo considerare un prodotto letterario di questo tipo attendibile.
Dal 1871 al 1934 furono registrati cinque avvistamenti, di cui il più preciso risultò essere l'ultimo, da parte dello studente di veterinaria Arthur Grant, che in motoclicletta passava sulle rive del lago in piena notte, verso l'una: descrisse come un "incrocio tra una foca e un plesiosauro" avesse velocemente attraversato la strada davanti a lui, per sparire nel lago. Produsse anche un disegno, probabile fonte dell'ispirazione per lo scherzo di cui sopra.
Negli anni Cinquanta una rilevazione anomala di un sonar sembrò indicare un grande oggetto seguire il movimento della barca a 146 metri sott'acqua, per una distanza di 800 metri. Tra gli anni Sessanta e Settanta gli "avvistamenti" si sono rarefatti, descritti in modo più vago e misterioso, forse per la consapevolezza di un crescente numero di modi per verificarne l'attendibilità. Chi ha mostrato foto prima o poi ha ceduto, ammettendo la truffa. Nella maggior parte dei casi, sin dagli anni Trenta, gli studiosi interpretano gli avvistamenti in buona fede come grosse lontre o anguille, o banchi di vegetazione marina, se non come oggetti inanimati o spostamenti improvvisi dell'acqua del lago causati dal vento. Uno studio del DNA nel lago, eseguito nel 2018 e reso noto nel 2019, non ha mostrato sorprese di alcun tipo, nè DNA di rettili. Ci sono anche studiosi che, concentrandosi sul rarefarsi degli avvistamenti, hanno ipotizzato che la creatura o le creature si siano estinte nel corso del secolo.


Water Horse La leggenda degli abissi

The Water Horse - La leggenda degli abissi di Jay Russell, tratto dal romanzo di Dick King-Smith, si ambienta in piena II Guerra Mondiale (quindi ancora nel periodo clou degli avvistamenti). Il bambino Angus, con babbo al fronte, vive con la mamma e la sorellina su lago di Loch Ness. Il piccolo trova sulle rive un uovo strano, che ripone di nascosto in un capanno. L'uovo si schiude rivelando un animale non identificabile, col quale però Angus stabilisce subito un rapporto di amicizia e dipendenza, battezzandolo Crusoe. Quando Crusoe, che nel frattempo è stato riconosciuto da un amichevole ex-mitragliere ferito come un raro cavallo marino ermafrodito, è diventato ormai troppo grande per essere nascosto, Angus deve decidere se restituirlo o meno al lago (preservando così facendo la leggenda).
Il film cita il celebre falso scatto del 1934, spostandolo quindi però di quasi dieci anni, e si prende diverse libertà sulla geografia di Loch Ness, collocandovi isolotti in realtà inesistenti e un collegamento col mare tramite un fiume abbastanza capiente da ospitare un sottomarino (in realtà il fiume Ness connesso al lago non sarebbe mai navigabile in quel modo). "Water Horse" richiama poi un'immagine diversa: di solito infatti indica il "kelpie", un mostro marino della mitologia scozzese.
Water Horse - La leggenda degli abissi comunque è stato effettivamente girato sul simile vicino Lago Morar: indovinate un po'? C'è una leggenda riguardante un mostro degli abissi anche lì...



  • Giornalista specializzato in audiovisivi
  • Autore di "La stirpe di Topolino"
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming