News Cinema

The Whale - Brendan Fraser difende la pellicola e Darren Aronofksy dalle accuse di grassofobia

Brendan Fraser, protagonista assoluto di The Whale, difende il suo lavoro e quello del regista dalle accuse di grassofobia, affermando che la pellicola è stata realizzata con amore e rispetto.

The Whale - Brendan Fraser difende la pellicola e Darren Aronofksy dalle accuse di grassofobia

The Whale - nelle sale italiane dal 23 febbraio - è stato oggetto di numerose critiche e polemiche sin dalla sua uscita. Darren Aronofsky, regista della pellicola, è stato infatti accusato di grassofobia in relazione all'uso della cosiddetta fat-suit, un indumento di scena che viene solitamente utilizzato per "ingrassare" un attore. Nei giorni scorsi, a difendere il lavoro del cineasta è stato il suo protagonista assoluto, Brendan Fraser, che nel drama presta corpo e voce a Charlie - un professore di letteratura gravemente obeso.

The Whale - Brendan Fraser difende le intenzioni del progetto

Durante una recente intervista pubblicata dal Los Angeles Time, Brendan Fraser è quindi tornato a parlare della sua esperienza sul set di The Whale, raccontando del suo processo per "calarsi" nei panni di Charlie e delle intenzioni che hanno mosso sia lui sia il regista nella realizzazione del progetto: 

Rispetto tutte le persone che non sono d'accordo con lo scopo di questo film, ma personalmente non condivido il loro pensiero. So che alla base della pellicola non ci sono mai state cattive intenzioni. Ho anche cercato di capire se io - Brendan Fraser - ho fatto qualcosa di sbagliato o se ho ferito qualcuno, ma la risposta che ho ricevuto dalla Obesity Action Coalition è stata di continuare a fare ciò che stavo facendo. Abbiamo realizzato il film esattamente nel modo in cui volevamo e nel migliore dei modi possibile. Sostengo fino in fondo il lavoro che abbiamo fatto (...) Far indossare un costume ad un attore per simulare un aumento di peso ha ridotto spesso l'autenticità di molti progetti nel corso degli anni. Di solito si tratta di un costume indossato da un attore abbastanza atletico per denigrare un personaggio. Ma non è quello che abbiamo fatto noi. Il mio obiettivo è sempre stato di interpretare il mio ruolo con talento, cura e preparazione

L'attore, dunque, ha cercato di interpretare il difficile ruolo di Charlie con empatia, amore e soprattutto tanta preparazione. Fraser - che più volte ha ringraziato Darren Aronofksy per l'opportunità e la fiducia mostrata nei suoi confronti - è tornato alla ribalta proprio grazie alla sua partecipazione a The Whale, pellicola che ha conquistato il plauso di pubblico e critica e ben tre nomination ai premi Oscar 2023 - miglior attore protagonista, miglior attrice non protagonista per Hong Chau e miglior make-up. Forte della vittoria ai SAG, Fraser si prepara dunque a vincere l'ambita statuetta - anche se la strada pare bloccata dal frontrunner di categoria, Austin Butler, nominato per la sua straordinaria performance in Elvis. Non resta dunque che attendere il 12 marzo - data in cui è prevista la cerimonia dei premi Oscar - per scoprire il vincitore, sperando che le recenti polemiche non influenzino le votazioni dei membri dell'Academy. 

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
  • Master in Critica Giornalistica per lo Spettacolo
  • Attenta alle nuove tendenze cinematografiche
Suggerisci una correzione per l'articolo