News Cinema

Danko: 10 curiosità sul buddy movie poliziesco con Arnold Schwarzenegger

9

Nel 1988 Walter Hill in piena perestrojka affiancò al severo ufficiale sovietico di Schwarzy il poliziotto di Chicago Jim Belushi.

Danko: 10 curiosità sul buddy movie poliziesco con Arnold Schwarzenegger

Nel 1988 Walter Hill decide di tornare al buddy movie poliziesco, dopo l'hit di sei anni prima 48 ore (cui darà un sequel nel 1990), affiancando in Danko la star dell'action Arnold Schwarzenegger all'emergente attore brillante James Belushi, fratello del compianto John. La particolarità della storia è quella di mettere insieme due personaggi ancora più agli antipodi della coppia “mista” Eddie Murphy/Nick Nolte: un rigido ufficiale sovietico e un più scanzonato detective di Chicago, in una storia che attraversa confini geografici e culturali, dettata dal desiderio di Hill di lavorare con Schwarzenegger, dandogli un ruolo “realistico” che giustificasse in qualche modo il suo accento straniero: per il film l'attore passerà tre mesi a studiare il russo, perché, come tutti sappiamo, è austriaco. Danko viene girato in piena perestrojka gorbacioviana ed esce un anno prima della caduta del Muro di Berlino, presago della dissoluzione dell'Impero sovietico. Vediamo di scoprire insieme le curiosità principali di questa produzione.

La troupe del film fu davvero autorizzata a girare sulla Piazza Rossa di Mosca?

In realtà no. Il permesso fu chiesto dalla produzione ma rifiutato dalle autorità. Hill non si perse d'animo: fece indossare a Schwarzenegger l'uniforme e con un paio di membri della troupe lo riprese come se si trattasse di un film privato. Questo ovviamente non bastò: comunque fermati ma lasciati andare, grazie all'estrema popolarità del protagonista tra la popolazione e le forze dell'ordine.

Uno scambio di “pesi”

Per il film Walter Hill chiese a Schwarzenegger, troppo muscoloso, di perdere almeno cinque chili, e a Belushi di guadagnarne altrettanti.

Arnold come Greta (Garbo)

Per quanto strano possa sembrare, Walter Hill sembra che abbia chiesto davvero al protagonista di ispirarsi per la sua performance a quella della divina Greta Garbo in Ninotchka, il film di Ernst Lubitch del 1939, in cui l'attrice interpreta un integerrimo ispettore del governo sovietico, mandata in missione ufficiale a Parigi, dove ovviamente si lascerà conquistare dai corrotti costumi occidentali.

Un'arma inventata

Nel film Ivan Danko usa una Podbyrin 9.2 mm. In realtà è una pistola inesistente, creata dall'armiere del film, Tim LaFrance, modificando una 357 Magnum IMI Desert Eagle MK, con l'impugnatura di una P-38 e una canna allungata, da lui ribattezzata Hollywood Eagle. La pistola sparava a salve proiettili per .357 Magnum. L'armiere creò anche dei finti marchi sovietici applicati sull'arma perché sembrasse effettivamente di costruzione russa.

La prima scena, “quella della gamba”

Non è farina del sacco di Walter Hill, ma proviene da una sceneggiatura di Harry Kleiner che gli era stata inviata. Fu quella che il regista raccontò a Schwarzenegger e che tra le altre cose lo convinse a interpretare il film, ancora senza copione, e per cui Kleiner venne pagato. Hill, sempre modesto nei riguardi del suo lavoro, ha dichiarato in seguito “Penso che sia la scena migliore del film. Dopo che Danko lascia Mosca il resto non è granché, ma quella scena penso sia fantastica”.

La fiducia nelle capacità espressive di Schwarzenegger

All'epoca l'ex body builder era noto più per ruoli di pura azione muscolare che per le sue doti di attore, ma Hill scommise su queste ultime: “Avevo fiducia in lui come attore – disse – Non mi interessava che fosse in grado di gettare una Volkswagen sopra un edificio. Arnold ha una capacità innata di comunicare, che arriva a culture e paesi diversi. Tutti adorano vederlo vincere. Ma tutti pensano che sia per i suoi muscoli. Non è assolutamente vero: è per il suo volto, i suoi occhi. Ha una faccia che rimanda a un guerriero del Medioevo o dell'Antica Grecia”.

Una sceneggiatura work in progress

Se quando Schwarzenegger accettò il ruolo non c'erano che alcune idee per la storia, le cose non cambiarono durante le riprese, quando la sceneggiatura venne continuamente riscritta. Tra gli “autori” ci sono, oltre a Hill, Harry Kleiner, Troy Kennedy Martin, Steven Meerson e Peter Krikes, John Mankiewicz e Daniel Pyne. In parte questo avvenne anche per il metodo di lavoro preferito dal regista, cioè quello di creare il film strada facendo, partendo anche, come in questo caso, senza un copione definito.

Una musica eroica

La colonna sonora venne affidata a James Horner (prolifico compositore, scomparso in un incidente aereo nel 2015, vincitore di due Oscar per Titanic), a cui Hill chiese una musica eroica, “come se partecipassi alle Olimpiadi e avessi appena vinto la medaglia d'oro”. Una parte della colonna sonora di Horner è stata riutilizzata in The Killer di John Woo. La musica sui titoli di testa e di coda è invece la Cantata per il ventesimo anniversario della Rivoluzione d'Ottobre di Sergej Prokofiev.

Una statua impossibile da spostare

Si tratta del Flamingo, una gigantesca scultura eseguita da Alexander Calder, alta 16 metri e collocata stabilmente nella Federal Plaza di fronte al Kluczynski Federal Building di Chicago. Per girare un inseguimento tra bus, i produttori provarono a chiedere di spostarla "un po'", ma non ci fu verso, considerando che la scultura è fatta interamente di acciaio, per cui la scena venne tagliata.

Schwarzenegger batte Schwarzenegger al box office

Danko non andò come si sperava negli Stati Uniti, meglio nel resto del mondo, e in seguito si è rifatto grazie all'home video. Nel 1988 venne strabattuto da un altro film uscito lo stesso anno con Arnold Schwarzenegger, I gemelli, la commedia di Ivan Reitman che lo affiancava a Danny De Vito e che fu un enorme successo: nel box office USA dell'anno, Danko è al 31esimo posto con 34 milioni di dollari e I gemelli al sedicesimo con 111 milioni.



  • Saggista e critico cinematografico
  • Autrice di Ciak si trema - Guida al cinema horror e Friedkin - Il brivido dell'ambiguità
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming