Arnold Schwarzenegger biografia

Qui puoi conoscere la carriera e le curiosità sulla sua vita privata, leggere le notizie più recenti, trovare tutti i premi vinti e guardare le foto e i video.

share
Biografia

Arnold Schwarzenegger

ETÀ: Ha 71 Anni

NASCE A: Graz, Austria
NASCE IL: 30/07/1947
A dieci anni inizia a frequentare alcuni ambienti sportivi, soprattutto calcistici. Sviluppa quasi subito una passione per il bodybuilding, attività per il quale si ritiene adatto in quanto ben proporzionato nonostante la struttura esile. A 15 anni Arnold Alois Schwarzenegger si iscrive in palestra contro il volere del padre Gustav, capo della polizia della cittadina austriaca di Thal, che vorrebbe vederlo in divisa come lui. Contestualmente all'allenamento fisico, studia psicologia per capire l'importanza del potere della mente su quello del corpo. La sua devozione è tale che trova il modo di infiltrarsi in palestra anche nei weekend durante la chiusura, per non perdere un solo giorno di allenamento.

È a diciassette anni, nel 1965, che debutta come body builder professionista in una competizione tedesca. Partecipa alle prime gare internazionali a Londra, in Messico e negli Stati Uniti e a soli vent'anni conquista il titolo di Mr. Universo. Questo riconoscimento gli apre numerose porte, soprattutto in America dove ha la possibilità di conoscere e allenarsi con i suoi idoli del culturismo, Joe Weider e Reg Park. Nel 1969 gira Ercole a New York, un fantasy avventuroso a basso budget che segna il suo debutto come attore al cinema. L'anno seguente vince a New York il prestigioso titolo di Mr. Olympia, che conquisterà altre sei volte nell'arco di dieci anni. Nel 1971 muore il fratello Meinhard in un incidente stradale. L'anno dopo è il padre ad andarsene per infarto cardiaco. Schwarzenegger non partecipa a funerale di quest'ultimo, in parte per i dissidi che i due hanno sempre avuto, in parte perché in pieno allenamento per una gara internazionale.

Arnold è ormai una star del body building e grazie al suo carattere esuberante riesce a piacere agli americani nonostante il forte accento tedesco di cui non si libererà mai. Nel 1973 fa una comparsata nientemeno che in un film di Robert Altman, Il lungo addio con Elliott Gould nei panni di Philip Marlowe. Il cinema lo attrae e riesce ad ottenere ruoli più significativi, sicuro della sua stazza fuori del comune, sebbene venga subito premiato a sorpresa per il suo talento interpretativo con un Golden Globe come miglior attore esordiente. Il film in questione è Il gigante della strada (titolo originale Stay Hungry), anche conosciuto come Un autentico campione, di Bob Rafelson in cui Schwarzenegger recita accanto a Jeff Bridges e Sally Field. Successivamente divide il set con Douglas padre e figlio, accanto a Kirk nella commedia western Jack del Cactus e accanto a Michael in un episodio della serie TV Le strade di San Francisco. Del 1977 è il documentario di culto Uomo d'acciaio sul mondo del body building.

Il vero passo in avanti Schwarzenegger lo compie con Conan il barbaro (1982) di John Milius e prodotto da Dino De Laurentiis che super ogni aspettativa di incasso. Immediatamente arriva il sequel Conan il distruttore (1983). L'anno dopo interpreta il cyborg venuto dal futuro che lo consacra definitivamente. James Cameron lo scrittura per Terminator convincendolo ad accettare la parte della macchina, non dell'eroe umano che protegge Sarah Connor come Arnold avrebbe preferito. Oltre all'inevitabile Terminator 2 - Il giorno del giudizio (1991), l'attore austriaco è l'interprete principale di altri film d'azione in cui riveste stabilmente il ruolo dell'eroe forte, muscoloso, irresistibile, armato fino al collo: Commando (1985), Predator (1987), L'implacabile (1987), Danko (1988), Atto di forza (1990), Last Action Hero (1993), L'eliminatore (1996), per citarne solo alcuni. Arnold dimostra anche di sapersi sottrarre a quel cliché e di essere un attore completo partecipando alle commedie I Gemelli (1988) accanto a Danny De Vito e Un poliziotto alle elementari (1990), entrambe dirette da Ivan Reitman, ma soprattutto True Lies (1994) ancora una volta diretto da James Cameron.

Dopo Batman e Robin (1997) di Joel Schumacher in cui interpreta il viallain Mr. Freeze, abbandona il cinema per due anni che trascorre in lenta riabilitazione dopo essersi sottoposto a un intervento al cuore. Ritorna sul grande schermo con Giorni contati (1999), è protagonista de Il sesto giorno (2000) e Danni collaterali (2002) in cui recita accanto a Francesca Neri. Nel 2003 torna a vestire i panni del cyborg nel terzo capitolo della saga, diretto da Jonathan Mostow, Terminator 3 - Le macchine ribelli. Convinto sostenitore del Partito Repubblicano, nell'ottobre 2003 è eletto governatore della California. Resta in carica per due mandati concludendo l'attività politica nel gennaio del 2011. Durante questi otto anni sospende la carriera cinematografica fatta eccezione per brevi apparizioni in Il tesoro dell'amazzonia (2003), Il giro del mondo in 80 giorni (2004), The Kid & I (2005) e ne I mercenari - The Expendables (2010), l'operazione old action movie stars di Sylvester Stallone che offre parti più consistenti all’ex governatore nel secondo e nel terzo capitolo (2012 e 2014).

Arnold Schwarzenegger divorzia da Maria Shriver (nipote dell’ex presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy) con la quale era sposato dal 1986 e riprende l’attività cinematografica a tempo pieno. Il primo ruolo da protagonista arriva con l'action The Last Stand - L’ultima sfida (2013) e prosegue con film carcerario Escape Plan che rappresenta la prima vera collaborazione da co-protagonisti a tutti gli effetti tra Stallone e Schwarzenegger. Dopo l'action Sabotage (2014), l'attore è protagonista nel 2015 di Contagious - Epidemia mortale e Terminator Genisys che lo vede naturalmente riprendere le sembianze del cyborg più celebre della storia del cinema. Intanto si parla di un sequel de I gemelli, intitolato Triplets.
Filmografia
EROE PER FAMIGLIE (CHRISTMAS IN CONNECTICUT)
  • ANNO: 1995
  • Regista
Aftermath (Aftermath)
Killing Gunther (Killing Gunther)
Le meraviglie del mare (Wonders of the Sea)
Lascia un Commento