Bad Moms 2 - Mamme molto più cattive, la nostra recensione

06 dicembre 2017
5

Un film sgangherato che tenta la carta della storia natalizia.

Bad Moms 2 - Mamme molto più cattive, la nostra recensione

Stressate dall'arrivo del Natale, Amy (Mila Kunis), Kiki (Kristen Bell) e Carla (Kathryn Hahn) stanno per affrontare la più terribile delle sfide: affrontare il Natale con le rispettive madri, cioè l'egocentrica maniaca del controllo Ruth (Christine Baranski), una Sandy vedova (Cheryl Hines) morbosamente attaccata alla figlia, e la scapestrata alienata Isis (Susan Sarandon). L'impatto e i successivi confronti permetteranno a tutti di vivere meglio.

Registi e sceneggiatori, Jon Lucas e Scott Moore in Bad Moms 2 - Mamme molto più cattive riprendono a strettissimo giro i loro personaggi di Bad Moms, per tentare l'apparentemente improponibile impresa di ibridare un classico feel good movie natalizio con la carica sboccata e politicamente scorretta del prototipo. Così come la scorrettezza è regolata in Bad Moms 2, non è poi tanto difficile: la costruzione narrativa del film è al 100% quella di un normale smielato racconto buonista, contaminato, si potrebbe dire intralciato, da inserti di volgarità trascendentale sulla carta liberatori. A parte tuttavia il personaggio di Carla, interpretato ancora una volta senza rete da Kathryn Hahn e protagonista di una scena di depilazione obiettivamente esilarante, il senso di ribellione che dovrebbe essere veicolato da queste esplosioni di scurrilità è al minimo sindacale. Quel che è peggio, il contrasto tra la carica pseudoeversiva delle gag più pesanti e la volontà di far finire tutti i salmi in Gloria non sempre rende le azioni dei personaggi del tutto sensate e il fluire della narrazione senza sbalzi, specialmente nel climax.

L'idea portante dovrebbe essere quella di duplicare le interpreti con le controparti più anziane, bravissime quando si tratta di costruire situazioni sopra le righe e macchiettistiche, limitate anche loro quando gli autori pretendono di sfoderare trascorsi sensati per squadrati personaggi da sitcom. Christine Baranski si diverte quel che basta e in sceneggiatura il suo conflitto con la figlia Mila Kunis è il più importante, anche se – distanza o meno – si fa fatica a credere che le due siano imparentate. Più plausibile nel contesto la coppia Cheryl Hines - Kristen Bell, mentre viene spontaneo paragonare questa Susan Sarandon, sguinzagliata nell'autoparodia, con il Robert De Niro a briglia sciolta di Nonno scatenato, e non è un complimento.
Alla fine Lucas & Moore realizzano il loro "feel good and just a little dirty movie", dove si passa da un gigantesco membro intuibile sotto gli slip (gag peraltro uguale a quella vista in Come ti rovino le vacanze) a un commosso mea culpa in chiesa. Il vero "bad" però è evaporato in un gioco equilibristico più commerciale che sensato.



  • Giornalista specializzato in audiovisivi
  • Autore di "La stirpe di Topolino"
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento