Schede di riferimento
News Cinema

La Isla Minima: la spiegazione del teso thriller spagnolo

1

È una tesissima atmosfera quella che riesce a creare il film spagnolo La Isla Minima, un thriller con un finale concitato.

La Isla Minima: la spiegazione del teso thriller spagnolo

Non è certo passato inosservato il film spagnolo La Isla Minima, vincitore nel 2015 del premio del pubblico agli European Film Awards e in patria di ben 10 premi Goya tra cui quelli per il miglior film, la miglior regia, la miglior sceneggiatura, la miglior fotografia e il miglior attore.
Diretto da Alberto Rodríguez, il film racconta la storia della scomparsa di due giovani sorelle su cui sono chiamati a indagare due detective interpretati da Javier Gutiérrez e Raúl Arévalo. Siamo nel 1980 in Andalusia, in una zone estremamente rurale dove si vive a malapena del raccolto dei campi e di qualche altro traffico non proprio legale. Il regime franchista è finito da alcuni anni, ma le cicatrici della Spagna ancora non si sono rimarginate e c'è una velata tensione tra chi sosteneva la dittatura e chi abbraccia la neonata democrazia. I due poliziotti arrivano da Madrid per risolvere il caso e non passano molti giorni prima che capiscano di non essere i benvenuti. C'è un equilibrio tra la gente della campagna e loro lo stanno rendendo instabile, ma nessuno dei due ha intenzione di mollare le ricerche.
De La Isla Minima è stato fatto un remake tedesco nel 2019 intitolato Freies Land.

La Isla Minima: spiegazione del thriller spagnolo

La Isla Minima è un film teso, affilato e a volte brutale nel mostrare gli orrori. È stranamente simile per i paesaggi paludosi, per i caratteri dei poliziotti e per l'atmosfera che riesce a creare, alla prima stagione di True Detective, nonostante le riprese del film spagnolo siano iniziate prima del debutto televisivo della serie americana. Chiunque non abbia ancora visto La Isla Minina, è bene che non continui la lettura in quanto le righe qui sotto puntano a fare un'analisi della risoluzione del caso.

Dopo poco dall'inizio del film i detective Robles e Suárez scoprono i cadaveri delle due sorelle scomparse e grazie alla testimonianza di un uomo che si presenta ubriaco al loro hotel, scoprono che c'è un legame con un'altra ragazza deceduta l'anno prima la cui morte è stata archiviata come un incidente nel fiume. Le indagini proseguono portando a un altro caso di omicidio ancora precedente, di fronte al quale diventa evidente che ci sia un serial killer di ragazze giovani.

I poliziotti scoprono poco per volta che un trentenne attraente di nome Quini adesca le studentesse, le frequenta per qualche tempo, guadagna la loro fiducia e poi le sequestra portandole in una casa isolata con la tacita complicità della proprietaria che riceve i soldi dell'affitto a giornata. Le ragazze in questa casa vengono violentate da lui, ma soprattutto da un uomo importante per la comunità locale, il proprietario d'azienda Don Alfonso Corrales, che probabilmente paga Quini per il "servizio". Le ragazze vengono fotografate e ricattate da quegli uomini, per garantirsi il loro silenzio, e se non lo fanno la fine che le aspetta è atroce.

Quini, né Corrales però sono i reali assassini, nonostante siano a conoscenza di tutto. Il criminale malato di mente che si diverte a torturare le ragazze prima di ucciderle è un altro, anche lui presente alle "sessioni fotografiche". Si tratta di un certo Sebastián Rovira Gálvez che lavorava all'hotel Mediadia di Malaga fino a un paio di anni prima da dove è fuggito, per aver presumibilmente molestato una ragazza, e si è rifugiato in quel labirinto di paludi grazie all'aiuto della proprietaria della villa. È proprio lui che i detective incontrano quando vanno a interrogare per la prima volta la donna, la quale lo copre dicendo che è il custode e si chiama Antonio. Ci vorranno altre indagini prima di capire che sia lui Sebastián, il vero colpevole. Ucciso lui, è Quini ad essere arrestato per complicità nel sequestro, ma non Corrales che gode della protezione della polizia locale, come apprendiamo in una scena precedente.

Riguardo alla rivelazione ultima su Robles, sul fatto che anni prima sia stato un poliziotto in prima linea nella repressione franchista, questa non incide sulla risoluzione del caso, ma offre una doppia lettura riguardo alle diverse motivazioni che può trovare un uomo nell'usare violenza e torturare altri esseri umani. Come si è avuto modo di capire nel corso del film, i detective hanno metodi e idee politiche diverse e, nell'ultimo sguardo che chiude il film, rappresentano le due anime della Spagna spaccata a metà di quel periodo.

E per chiudere anche quell'ultimo dettaglio sulla morte di Robles, è probabile che la presunta veggente, quando gliela profetizza come non molto lontana, abbia ragione. In diversi momenti risulta evidente che il detective abbia problemi di salute e che non stia portando bene i suoi anni, come dice anche il fotografo giornalista che lo ritiene "invecchiato male". La morte per lui incombe, dunque, ma non all'interno della storia narrata dal film.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming