News Cinema

Free State of Jones con Matthew McConaughey: storia vera e curiosità sul potente film civile

Diretto da Gary Ross, Free State of Jones è un film in costume con Matthew McConaughey basato su una vicenda realmente accaduta e molto significativa per gli Stati Uniti.

Free State of Jones con Matthew McConaughey: storia vera e curiosità sul potente film civile

Free State of Jones (2016) di Gary Ross con Matthew McConaughey, Mahershala Ali e Gugu Mbatha-Raw è un coinvolgente film in costume e civile, basato su un episodio realmente accaduto durante la Guerra Civile Americana e poco noto al di fuori degli Stati Uniti (forse poco noto persino nei confini nazionali). Vediamo di cosa si tratta.

Free State of Jones, la storia vera di Newton Knight

Nato nel 1829 nel Mississippi nella contea di Jones, Newton Knight (portato sullo schermo da Matthew McConaughey) era solo un contadino e un soldato. Nel 1861, allo scoppio della Guerra Civile Americana, si trovò a combattere per l'esercito Confederato, cioè quello degli Stati del Sud che si ribellavano all'Unione. Non che ci fosse mai stata scelta: Knight rivelò tempo addietro che nella sua contea la maggioranza delle persone era contraria alla secessione (avendo anche pochi interessi economici nella schiavitù), ma il loro rappresentante ebbe paura di opporvisi al ballottaggio, tradendo la fiducia della maggioranza degli abitanti.
Già nel 1862 fu chiaro che l'esercito Confederato non restituiva alla sua gente quello che chiedeva: mancavano le vettovaglie, l'esercito commetteva violenze verso gli stessi concittadini, ma soprattutto i grandi proprietari terrieri con più di venti schiavi erano esonerati dal prestare servizio. Esasperato dalle angherìe degli stessi Confederati per cui avrebbe dovuto combattere (compreso il sequesto dei cavalli nella sua tenuta), Knight disertò e dal 1863 al 1865 gestì una "Knight Company" di un centinaio di uomini, altrettanti disertori e ribelli davanti all'autorità confederata, impegnati a redistribuire risorse e attaccare il loro stesso esercito, dal quale non si sentivano rappresentati. Ogni tentativo prima della fine della Guerra di sedare la rivolta della contea di Jones, diventata de facto indipendente, non diede mai frutti concreti (anche se ci furono morti da entrambe le parti). La Knight Company non si aggregò comunque mai agli unionisti del Nord, anche se ci sono documenti che attestano un avvicinamento.
Dopo la Guerra, Knight fu una figura di spicco nella ricostruzione durata fino al 1877, ma poi si ritirò dalla politica, separandosi dalla prima moglie e sposando Rachel (Gugu Mbatha-Raw nel film), una schiava liberata. Deceduto nel 1922, otenne di essere seppellito accanto a Rachel, quando le leggi del Mississippi ancora proibivano cimiteri misti.

Free State of Jones, le curiosità sul film con Matthew McConaughey

Il progetto di Free State of Jones partì dallo stesso regista e sceneggiatore Gary Ross, che lo accarezzò per una decina d'anni e lo preparò in due anni di studio e ricerca costanti. Non riuscendo a trovare finanziatori per un grande progetto sulla Guerra Civile, prese tempo con il primo Hunger Games: nel frattempo l'uscita di Lincoln e 12 anni schiavo aveva nuovamente attirato le attenzioni delle major, così Ross tornò alla carica, ottenendo nel 2014 la preziosa ed entusiastica partecipazione di Matthew McConaughey, fondamentale per far decollare la lavorazione.
Quando si è saputo che era partito un biopic su Newton Knight, due suoi discendenti hanno voluto prendere parte al film come comparse: un Christopher David McKnight, bis-bis-bis-nipote di Newton, e Kensley Keys, l'unico afroamericano realmente della contea di Jones, anche lui discendente di Knight.
Il film non è stato girato nei luoghi reali, per ragioni puramente fiscali: la Louisiana ha offerto alla troupe concessioni più convenienti e allora si è scelto di ambientare lì le riprese.
Tra le licenze poetiche prese in sede di sceneggiatura, c'è la creazione di tre personaggi inesistenti (il luogotenente esattore Barbour, il nipote Daniel ucciso in trincea, lo schiavo Moses) per esigenze drammatiche ma sempre allo scopo di mettere a fuoco le idee reali del personaggio e della sua gente. Da segnalare inoltre tra le libertà l'attribuzione sicura dell'omicidio del maggiore Amos agli uomini di Knight (mai provata) e l'assenza di un arresto (con tortura) di Knight come disertore, avvenuto nel 1863 però non coperto dal film.



  • Giornalista specializzato in audiovisivi
  • Autore di "La stirpe di Topolino"
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming