Interviste Cinema

Thor Love and Thunder, Christian Bale è Gorr: "cercavano un tizio antipatico, solitario e inquietante e hanno pensato a me"

100

Il grande attore Christian Bale in Thor: Love and Thunder è Gorr, il Macellatore di Dei, un personaggio interessante e sfaccettato di cattivo di cui ci ha parlato, con molto spirito, nella conferenza stampa mondiale.

Thor Love and Thunder, Christian Bale è Gorr: "cercavano un tizio antipatico, solitario e inquietante e hanno pensato a me"

Il momento tanto atteso dai fan del MCU sta per arrivare: Thor: Love and Thunder, questo oggetto misterioso che è il quarto film - e il secondo diretto da Taika Waititi - dedicato al personaggio del dio asgardiano, uscirà nei cinema il 6 luglio. Intanto, è stato presentato in anteprima in America e alla critica internazionale e anche se non possiamo ancora entrare nel merito, ne hanno parlato senza spoiler il regista, i protagonisti e il boss dei Marvel Studios Kevin Feige nel corso di una conferenza stampa mondiale. Tra le presenze più attese c'erano anche quella di Christian Bale, attore premio Oscar e pluricandidato, famoso per le sue trasformazioni fisiche e psicologiche, che per la prima volta interpreta un cattivo della Marvel, anzi, un supervillain, nientemeno che Gorr, il Macellatore di Dei, la cui missione è quella di sterminare tutte le divinità. Baffuto e barbuto, burbero all'apparenza, Bale si rivela in realtà brillante e spiritoso, e ci apre inediti spiragli sul film e sulla sua performance.

Christian Bale è/e Gorr

Quando gli viene chiesto come si è trovato a interpretare Gorr, di fatto la sua prima volta con un personaggio del genere, Christian Bale risponde:

"Penso che per Gorr cercassero un attore agli antipodi di Chris, ovvero una persona non simpatica, un po' solitaria, inquietante, uno con cui nessuno vuole stare e di cui nessuno vuol vedere il culo. E penso che Kevin abbia detto “Ce l'ho! È Christian!”, e così è andata. Diciamolo, c'è un grande piacere nel fare un cattivo, è molto più facile interpretarlo rispetto a un eroe, Chris ha avuto un compito molto più difficile. Tutti siamo affascinati dai cattivi e poi la bellezza della cosa è che Taika sa renderlo al tempo stesso spassoso e davvero commovente nella storia. E poi, non vorrei spingermi troppo oltre dicendo che si prova simpatia per lui. ma sicuramente in un certo senso si comprende, forse, perché quest'uomo prenda delle decisioni terribili. È un mostro, un macellaio, ma in un certo senso si può capire perché sia diventato tale".

Da quello che sappiamo di Taika Waititi e che hanno raccontato gli altri attori, i suoi sono set su cui si improvvisa parecchio e anche un po' matti. Com'è stato lavorare in quelle condizioni per un attore come lui?

"Non è stata la prima volta, ho lavorato con molti registi che amano l'improvvisazione, prima si fa quello che è scritto poi si vede se si può aggiungere qualcosa. Quello che mi è piaciuto molto è che le emozioni arrivano attraverso l'udito: Taika mette di continuo musica in sottofondo sul set, una cosa fantastica. Arrivavo e si sentiva molto spesso “Tubular Bells”, una delle sue preferite, e poi Kate Bush, per cui lo ringrazio moltissimo, ma poi ho scoperto anche Bruce Haack, che si costruisce i suoi sintetizzatori ed ha una sensibilità molto alla Gorr, che viene dagli anni Settanta. Tutto questo è stato molto utile e molto divertente, commedia e tragedia che vanno mano nella mano".

A proposito di Kate Bush (che sta conoscendo un grosso revival, anche grazie al boom di "Running Up The Hill" in Stranger Things), torniamo a parlare della danza che secondo alcuni Bale e Waititi avrebbero fatto fare al personaggio. Ma, ahimé, non la vedremo mai. Questa è la (triste) verità:

"Non abbiamo tagliato la sequenza della danza, l'abbiamo solo progettata, ne abbiamo parlato, forse solo sussurrato io e Taika. Ma non abbiamo trovato mezza giornata per poter fare una danza di Gorr. Siamo entrambi ammiratori di Kate Bush e sarebbe stata molto bizzarra. Ma è rimasta nelle nostre teste. Penso che ci siamo resi conto che probabilmente non sarebbe mai stata inserita nel montaggio finale".

Tessa Thompson suggerisce che la potrebbe fare sul momento e Taika Waititi risponde “forse nei week-end” ma è un vero peccato sapere che non esiste. Ci fa comunque piacere che un attore serio come Christian Bale si sia trovato in perfetta sintonia col mondo colorato - anche se il suo è un personaggio in bianco e nero - e folle del Thor di Waititi, di cui poi ci parleranno oltre a lui, anche Chris Hemsworth, gli altri interpreti e Kevin Feige. Dopo aver dato agli artisti del make-up il giusto credito per il trucco (4 ore per applicarlo ogni giorno) che lo ha trasformato, sostenendo che il loro lavoro vale quanto la sua performance nel dare vita a Gorr, si aggancia a una risposta data da Natalie Portman sull'essere supereroi. La conferenza si è tenuta il giorno stesso in cui la Corte Suprema degli Stati Uniti ha di fatto abolito il diritto di aborto, delegando agli Stati e non al governo centrale la sua applicazione. Da sempre impegnato per i diritti civili, Christian Bale chiude così: "Parlando di supereroi, posso aggiungere una cosa? A proposito di quello che fatto oggi la Corte Suprema, noi abbiamo un superpotere: quello di andare a votare".

Thor: Love and Thunder si avvicina e ci aspetta dal 6 luglio al cinema.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
  • Saggista traduttrice e critico cinematografico
  • Autrice di Ciak si trema - Guida al cinema horror e Friedkin - Il brivido dell'ambiguità
Suggerisci una correzione per l'articolo