Le strade del male: recensione del film Netflix

22 settembre 2020
2.5 di 5

Robert Pattinson, Tom Holland, Riley Keough, Bill Skarsgård e tanti altri sono i protagonisti di un ambizioso e violento southern gothic scritto e diretto da Antonio Campos.

Le strade del male: recensione del film Netflix

Alla morte e alla violenza, e la sua rappresentazione (cinematografica o meno) Antonio Campos è sempre stato interessato.
Afterschool, presentato a Cannes, parlava dell’ossessione di un ragazzo per il video realizzato accidentalmente di due compagne di scuola che morivano per overdose. L'ottimo Christine, con Rebecca Hall brava e intensa protagonista, portava al cinema la storia vera di Christine Chubbuck e del suo celebre suicidio in diretta tv.
In Le strade del male del rapporto tra morte e immagine si parla esplicitamente nella sottotrama legata ai personaggi di Jason Clarke e Riley Keough, con lui serial killer che fotografa le sue vittime in atteggiamenti intimi con lei, ma è tutto il film, tratto da un romanzo di Donald Ray Pollock, a rappresentare un implicito ragionamento sull’immagine cinematografica in relazione con la rappresentazione della morte e della violenza.

Ambientato tra gli anni Cinquanta e i Sessanta in due cittadine sperdute nel profondo Sud degli Stati Uniti, Knockemstiff in Ohio e Coal River in West Virginia, Le strade del male parla di una serie di personaggi le cui vite finiscono per incrociarsi in maniera imprevedibile: un reduce della II Guerra Mondiale traumatizzato da un’immagine atroce, suo figlio, i killer amanti del sesso e della fotografia, uno sceriffo corrotto, predicatori folli o dalla moralità più che dubbia e le loro giovani vittime.
A ogni snodo, a ogni incontro, la morte e il sangue sono un denominatore comune, che riecheggia anche in sottofondo, attraverso una guerra rievocata o vissuta daccapo, col Vietnam che arriva dopo il conflitto mondiale e la Corea.
E fin dall’inizio è chiarissimo, nel film di Campos, che morte e sangue fanno il paio, inevitabilmente con una concezione di fede e di Dio ossessiva e perversa, che richiama una Passione inevitabilmente deprivata da ogni afflato mistico e spirituale, e ridotta a puro gesto di tortura.
Allo stesso modo, i suoi personaggi invocano e si prostrano davanti a un Dio che non riconoscono essere solo il Diavolo abilmente mascherato, e suppliscono a quella disperata sete di conforto spirituale che hanno, in mancanza di risposte migliori, con la violenza.

Leggi anche Christine di Antonio Campos visto al Torino Film Festival 2016 da Mauro Donzelli

Ambizioso nei temi, nei modi che sembrano andare a tirare in ballo le grandi tradizioni letterarie di Faulkner, e nei tempi (il film dura la bellezza di 2 ore e 18 minuti), Le strade del male, che non a caso in originale s’intitola The Devil All the Time, sembra vivere di un’analoga incapacità di aggrapparsi a qualcosa di più profondo della sua superficie, di catturare e restituire un disagio e una disperazione reali, e non puramente formali.
Campos gira con mestiere, azzecca i volti e i nomi coinvolti nel suo film (oltre a Clarke e Keough, Tom Holland e Bill Skarsgård, i più bravi del lotto, e ancora Robert Pattinson, Haley Bennett e tantissimi altri, tutti più o meno funzionali al ruolo da interpretare), ma non riesce a scalfire la superficie del racconto, limitandosi a mettere in scena sangue e cadaveri con il ritmo disteso e pastoso del racconto del Sud statunitense.
Contrariamente a quanto mostrato in Christine, che tanto era rigoroso nella forma quanto accurato nell’approfondimento psicologico, Le strade del male è un film a due dimensioni, dove l’abilità del racconto e la precisione della messa in scena non smuovono una virgola emotiva, dove la messa in scena della morte e della violenza non è mai sublimata in qualcosa di diverso e più complesso della sua rappresentazione grafica. Riducendosi a una Passione southern senza cuore né anima, che sembra non provare molto nemmeno per i personaggi che racconta.



  • Critico e giornalista cinematografico
  • Programmatore di festival
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento