Il sapore del successo: recensione del film culinario con Bradley Cooper e Sienna Miller

05 novembre 2015
3 di 5
19

John Wells si divide fra la frenetica vita nelle cucine e un importante messaggio da diffondere.

Il sapore del successo: recensione del film culinario con Bradley Cooper e Sienna Miller

Uno dei motivi per cui il lungimirante e scaltro Harvey Weinstein ha rimandato l’uscita de Il sapore del successo – alias Chef e poi Adam Jones prima di diventare definitivamente Burnt – sono state alcune recensioni pubblicate anzitempo nelle quali il non eccelso gradimento dell’avventura londinese di un cuoco un po’ maudit era stato manifestato attraverso l’uso spasmodico di similitudini culinarie.
Quindi, nel rispetto del potentissimo produttore e dell’ottima coppia Bradley Cooper/Sienna Miller, non esprimeremo le nostre perplessità dicendo che il film di John Wells è una pietanza non abbastanza sapida, una maionese impazzita, un soufflé che non è cresciuto al punto giusto o semplicemente un piatto i cui ingredienti non sono bene amalgamati.

No, la caccia alla terza stella Michelin di un ex ragazzaccio che per tenere lontana la bottiglia preferisce sgusciare migliaia di ostriche invece di ricorrere ai 12 passi degli Alcoolisti Anonimi non merita paragoni tanto scontati né un trattamento così inclemente, perché nonostante tutto serve benissimo il suo scopo, anzi i suoi scopi, che sono due: deliziare la vista e stuzzicare la golosità dei maniaci del Food Porn e intrattenere piacevolmente coloro che amano e si riconoscono nelle vicende di redenzione, nei viaggi metaforici e nelle storie che contengono un messaggio, una lezione da tenere presente quando la bilancia dell’esistenza pende inesorabilmente dalla parte del no. L’insegnamento in questione – che suggerisce di non contare unicamente sulle proprie forze ma di cercare aiuto negli altri – forse non è originale, ma non va dimenticato, perché dovunque e comunque l’unione farà sempre la forza.

Poi c’è l’ossessione per la perfezione del personaggio di Bradley blue eyes, che è la grande nevrosi dell’oggi, una fonte di guadagno per moltitudini di strizzacervelli e un viatico per una sicura immedesimazione da parte chi macina cose a 300 all’ora e poi va al cinema.
Il Chris Kyle di American Sniper, inoltre, si destreggia a meraviglia tra i fornelli, e questo aggiunge frecce all’arco del suo chef che è sempre super cool, sia con una giacca di pelle che con la divisa da cuoco, risposta contemporanea (in fatto di appeal) alle uniformi da ufficiale di una volta.

Il problema di Adam Jones, piuttosto, (e del film stesso) è che a un certo punto comincia a prendersi troppo sul serio. Senza invocare al suo posto un Will Ferrell (come fa un critico americano), ci basti dire che avremmo voluto fra le sue caratteristiche una minima dose di quell’ironia che accompagna le scene introduttive. In fondo, Il sapore del successo comincia come un divertente heist movie, ne quale il bad-ass di turno recluta i suoi complici/scagnozzi. Qui gli aiutanti, che vengono dai quattro angoli d’Europa, fanno bene la loro parte di spiritosa Armata Brancaleone, poi però la macchina da presa li abbandona, concentrandosi quasi sempre solo sul protagonista. Abbiamo detto "quasi", perché fra le “figurine” Omar Sy, Riccardo Scamarcio e Matthew Rhys si fa strada un misuratissimo e gentile Daniel Brhuel, attore superbo che continua fortunatamente a fare capolino in tante produzioni nordamericane.

E Sienna? Sienna se la cava, ma la suos-chef che interpreta è un personaggio di cui è difficile capire azioni, ragioni, innamoramenti e remissività.

Per fortuna, a questi problemi sostanzialmente di sceneggiatura – fra cui annoveriamo l’inutile aggiunta di sottotrame che non vengono sviluppate – ripara in qualche modo l’abilità con cui il regista filma la vita di cucina, muovendosi freneticamente fra pentole e coltelli e concedendosi primissimi piani dei manicaretti serviti ai clienti del Langham Restaurant. Che poi ci vada o meno di sfamarci con questi "piattini miserelli" è un discorso da fare in altra sede, ma Wells dimostra comunque perizia e attenzione al particolare, rendendo lo spettatore non abituato ai cooking show partecipe dell’isteria mista ad ansia di prestazione che caratterizza la preparazione di un grande piatto. Così facendo cavalca l’onda delle mode contemporanee, appagando il nostro desiderio un po’ malato di reality, ma dimenticando di sottolineare, salvo in un paio di momenti, la funzione più importante che il cibo dovrebbe avere: quella di riunire, aggregare, creare una condivisione.

Per noi condivisione fa rima con garbo e con lentezza, con la calma ritualità de Il pranzo di Babette e di  Big Night. Ma si tratta di film che sono stati girati negli anni ‘80 e ’90, quando nelle cucine non regnavano prime donne aggressive e chi alzava la voce veniva messo a lavare i piatti.



  • Giornalista specializzata in interviste
  • Appassionata di cinema italiano e commedie sentimentali
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento