Baywatch: recensione della commedia d'azione con Dwayne Johnson, Alexandra Daddario e Zac Efron

31 maggio 2017
3 di 5
18

La serie televisiva icona degli anni Novanta sbarca al cinema, in versione espansa e rinnovata.

Baywatch: recensione della commedia d'azione con Dwayne Johnson, Alexandra Daddario e Zac Efron

Dice: "ma la trama è ridicola, quasi inesistente". Dice: "ma le scene d'azione sono girate malissimo, e gli effetti speciali sono pessimi".
Che poi è tutto vero, ma è anche vero che se vai a vedere un film che s'intitola Baywatch, forse non sono queste le cose importanti.
Se vai a vedere Baywatch al cinema, ci vai per ritrovare un po' di quello che c'era in una serie tv (che allora si chiamava ancora telefilm, da noi) che di certo non era famosa per i suoi sofisticati intrecci narrativi né per la straordinaria qualità della messa in scena.
Se vai a vedere Baywatch, vuoi la spiaggia, i bagnini e le bagnine col costume rosso, le corse in slo-mo. Vuoi tette che ballano, culi sodi, bicipiti d'acciaio, addominali scolpiti, intrecci da soap e un intrattenimento all'insegna del minor impegno mentale possibile. E allora ecco che Baywatch, il film, non tradisce.

Però c'è di più.
C'è che il film diretto da Seth Gordon e scritto da Damian Shannon e Mark Swift fa ridere, grazie a una vera ironica sboccata, che non teme le parolacce o il sesso, ma che non è mai volgare o greve, né morbosa.
C'è che Baywatch è un film che ha piena consapevolezza di ciò che è, e che proprio per questo è onesto, sincero, diretto. Un film buono, ma non buonista. Che sa quali sono le cose importanti (per lui, per il suo universo) e che ne ne infischia di ambizioni e sovrastrutture.

Baywatch è come i suoi protagonisti: bagnini semplici e orgogliosi che vivono il loro mestiere come una missione, anzi di più ("it's way of life", dice il Mitch di The Rock), che si rifiutano di giocare al ribasso e di fare il minimo indispensabile, che credono fermamente nell'importanza del gruppo e nel rifiuto degli egoismi e degli edonismi individuali, che vogliono tutelare la loro baia - che è tutto il loro mondo - non solo salvando i bagnanti in difficoltà, ma tenendo gli occhi aperti e i muscoli pronti contro furti, traffici di droga, dissennate speculazioni edilizie.
Si potrebbe fare una battuta, e dire che Baywatch è un "film politico": non lo è, ovviamente, ma è un film dal cuore sano ("siamo l'anima e il cuore della spiaggia," dice appunto The Rock), che dice cose sacrosante senza voler impartire lezioni a nessuno.

Certo, Mitch e compagnia si mettono a fare i poliziotti quando non ne avrebbero alcun titolo, ma se chi dovrebbe non è in grado, perché stare a guardare mentre tutto va a rotoli?
E allora, se pure i difetti, nel film di Seth Gordon, ci sono e sono tanti, come si fa a volergli male, così sincero, no frills, hang loose com'è?
Come non invidiare un po' quella vita sana e serena, quelle case sulla spiaggia, quel mare all'alba o al tramonto?

E poi, Dwayne Johnson è simpatico come al solito, e fa davvero ridere quando - con umorismo quasi romanesco - chiama per tutto il film il Matt Brody di Zac Efron con nomiglioli come One Direction, New Kid on the Block, Jonas Brother, Malibu Ken o Justin Bieber. Quel Matt Brody che è l'elemento egoista e altezzoso che dalla way of life dei Baywatch verrà redento, anche grazie agli occhioni blu-blu-blu e al seno abbondante di Alexandra Daddario, che verso la fine del film appare vestita dello stesso punto di viola della canottiera di San Andreas.
E sinceramente, quanta tenerezza c'è nella storyline del nerd cicciottello che ce la fa a entrare nella squadra, perché non molla mai (anima e cuore, no?), ed è imbranato e innamoratissimo della statuaria Kelly Rohrbach, uscita dritta dritta dalla Swimsuit Issue di Sports Illustrated, e che non solo non lo respinge infastidita, ma anzi?

Tutto ingenuo? Ridicolo? Forse. Sicuramente un po'. Ma anche semplicemente rilassato, incurante e privo di cinismo. Sincero e rinfrescante, come un bagno al mare, come una doccia che, col sale, porta via un po' di ansie e incrostazioni: dallo sguardo, e dal cuore.



  • Critico e giornalista cinematografico
  • Programmatore di festival
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento