News Cinema

La ragazza dei tulipani: la vera storia sulla Tulipmania raccontata nel film

3

La ragazza dei tulipani è un film tratto dal romanzo di Deborah Moggach e racconta una storia di passioni sullo sfondo di una Amsterdam del 1600 colta dalla frenesia collettiva per i tulipani.

La ragazza dei tulipani: la vera storia sulla Tulipmania raccontata nel film

La ragazza con l'orecchino di perla, con Colin Firth e una Scarlett Johansson in ascesa, è il film che ha dipinto la città di Amsterdam nel 1600, mostrandoci dove trovavano l'ispirazione quei grandi pittori olandesi le cui tele erano e sono tutt'oggi portatrici di bellezza ipnotica. Quel film uscì nel 2003, mentre è del 2017 La ragazza dei tulipani che si ambienta sempre Amsterdam nello stesso periodo. Diretto dal regista britannico Justin Chadwick, il film racconta di un'orfana cresciuta dalle suore che viene presa in sposa da un ricco mercante più matura di lei. Tra i due personaggi, interpretati da Alicia Vikander e Christoph Waltz, si crea un clima amaro quando lei non riesce a rimanere incinta. Decidono intanto di posare per un ritratto che li renderà immortali, senonché la ragazza subisce il carisma del giovane pittore, che il volto di Dane DeHaan, innamorandosene. Le complicazioni sentimentali aumentano sullo sfondo di un'Olanda preda di una follia collettiva, la febbre dei tulipani. La ragazza dei tulipani è tratto dal romanzo di Deborah Moggach, pubblicato in Italia nel 2000 da Garzanti con il titolo di Il sogno dei tulipani e in una seconda edizione da Sperling & Kupfer con l'uscita del film di cui riprende il titolo originale Tulip Fever.

La ragazza dei tulipani: la storia della Tulipmania è realmente accaduta?

Quella che è conosciuta come Tulipmania o Bolla dei tulipani, è consideratala la prima operazione speculativa del capitalismo (perlomeno la prima documentata) che è tutt'oggi studiata nelle università a indirizzo economico. I tulipani furono importati in Olanda dalla Turchia, dove erano regolarmente coltivati sin dall'anno 1000. Come raccontato nel film La ragazza dei tulipani, nel 1636 la gente di Amsterdam impazzì alla vista di questi fiori e il libero mercato generò uno spropositato gioco al massacro di compravendita. Si dice che il prezzo di un singolo bulbo di tulipano arrivasse a un valore pari a quello di una casa signorile con giardino, carrozza e cavalli. La gente acquistava i bulbi ad un prezzo alto tentando di speculare rivendendoli a cifre spropositate, tanto che chi non aveva mai avuto niente a che fare con il mercato dei fiori si reinventò venditore da un giorno all'altro. Stando a quanto raccontava lo scrittore scozzese Charles MacKay in un libro del 1841, "nobili, cittadini, contadini, meccanici, marinai, facchini, camerieri, sarte e persino spazzacamini erano attratti dai tulipani" che esercitavo sugli olandesi tutto il loro fascino esotico. "Molti di coloro che, per una breve stagione, erano emersi da percorsi di vita più umili, sono stati rigettati nella loro oscurità originale", scriveva Mackay, "mercanti furono ridotti a mendicanti e molti rappresentanti della nobiltà videro le fortune delle loro casa rovinate oltre la redenzione".

Non andò proprio così, secondo gli studi di Anne Goldgar pubblicati in un libro nel 2008. L'autrice nonché storica, esperta di XVII e XVIII secolo, sostiene che le fortune gettate al vento e le persone lanciatesi nei canali della città perché rovinate economicamente, sono più storie di fiction che realtà. "È un grande mito e lo è per un motivo, perché fa sembrare le persone stupide" spiega la Goldgar, che lamenta anche il fatto che seri economisti continuino a trattare l'argomento come se la Bolla dei tulipani fosse stata una grande crisi economica. “L'idea che la Tulipmania abbia causato una grande depressione è completamente falsa e non ha causato alcun effetto reale sull'economia" continua l'autrice, secondo cui il problema è il materiale originale utilizzato da MacKay. "Nell'Olanda del XVII secolo, esisteva una ricca tradizione di poesie e canzoni satiriche che prendevano in giro quelli che la società olandese considerava fallimenti morali ed è da quella tradizione che uscirono divertenti opuscoli e sonetti che prendevano di mira la presunta follia legata ai tulipani, il cui crimine era pensare che il commercio dei fiori sarebbe stato il loro biglietto per l'alta società dell'epoca".

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming