News Cinema

L’energia libera del Cocoricò e degli anni ’90 invade Pesaro

96

Uno dei locali simbolo della movida della riviera romagnola degli anni '90 è al centro di Cocoricò Tapes un trascinante documentario a ritmo di musica techno presentato in Piazza al Pesaro Film Festival.

L’energia libera del Cocoricò e degli anni ’90 invade Pesaro

Immagini d’archivio in 4/3, segnate dal tempo e rese testimonianza vintage. Una storia che echeggia ancora, sotto forma di leggenda vitale raccontata dai boomer della riviera, ma anche dai tanti che ogni fine settimana facevano serata a Riccione, al Cocoricò, venendo da Roma o da Genova, o ancora da più lontano. Perché negli anni ’90 di posti come quello, discoteche che “poi entravi e non sapevi cos’era, ma era bello”, non ce n’erano. E probabilmente non ce ne sono più oggi. 

La Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro dimostra la sua anima variegata proponendo per una proiezione in piazza (strapiena, appassionata e a ritmo di musica e ballo) il documentario Cocoricò Tapes di Francesco Tavella. Una produzione a chilometri poco più che zero (dal mare), che ha coinvolto le romagnole La Furia Film di Cesena e Sunset Studio di Forlì, sostenute dalla Regione Emilia-Romagna e aiutate anche da un crowdfunding molto partecipato. Il Cocoricò, infatti, rimane ancora oggi un luogo iconico per la Generazione X, un tempo della musica techno. Il primo passo c'è stato domenica 18 giugno a Pesaro, per poi partire per un giro di festival e sale in tutta Italia.

Il film nasce dal ritrovamento “casuale di VHS contenenti immagini inedite e amatoriali degli anni ‘90, racconta il tempio della musica techno, il suo valore culturale, sociale, politico, e la generazione che l’ha vissuto. Attraverso la combinazione di un vasto repertorio di materiali d’archivio inediti con interviste ad alcuni volti protagonisti di quel periodo, mette in luce la natura speciale di luogo di espressione artistica, politica e sociale di quel posto. Un contenitore di desideri, speranze e sogni di un’intera generazione”.

Una piramide appena nell’entroterra di Riccione che ha segnato un decennio cruciale, aperto con la scarica di energia della caduta del Muro, passando poi nel 1996 dalla partecipazione come rappresentante per l’Italia alla Love Parade proprio di quella Berlino che rappresentava un presente ostinatamente rivolto al futuro, dopo aver rotto con il passato. La guerra fredda appena conclusa, il sogno della pace e della “fine della storia” in un unico “impero occidentale” senza più conflitti in vista. Un sogno da cui presto il mondo si svegliò, e ce lo racconta lo stesso Tavella in Cocoricò Tapes, con qualche fotogramma dell’attacco alle Torri gemelle di New York del 2001, quando la Piramide aveva già perso la sua carica energetica e, diciamolo pure, magica.

Nel film sono intervistati protagonisti dell’epoca, il direttore Renzo Palmieri, i Pr Silvia Minguzzi e Giuseppe Moratti, Nicoletta Magalotti aka NicoNote, madrina della sala morphine, e il Principe Maurice, il performer per eccellenza. Ma su tutti, il direttore artistico che segnò la rivoluzione del Cocoricò, Loris Riccardi, che portò una sala da ballo tradizionale a diventare un luogo di riflessione anche artistica, in cui la diversità era celebrata ogni fine settimana, ospitando artisti e scrittori, gente comune e curiosi in cerca della nuova moda.

Un posto diverso, nato per fare “l’opposto degli altri, un posto per i giovani” dell’epoca, che viene ricordato ancora oggi. Un luogo, lo ripetono tutti, nei materiali di repertorio come nelle interviste realizzate oggi, in cui “sentirsi liberi, stando bene, senza regole di comportamento se non essere sé stessi”. Persone diverse in cerca di catarsi che si ritrovavano nello stesso posto, e forse, come dice un testimone, “a forza di essere te stesso una, due, tre, dieci volte là dentro, allora iniziavi a esserlo anche fuori”.

Poi c’erano le droghe, non negate, ma il senso era il divertimento attivo, un bel “fancullo alla quiete intellettuale”, dopo una settimana nei ranghi l’occasione per uscirne e sentirsi, per una sera, liberi.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
Netflix
Amazon Prime Video
Disney+
NOW
Infinity+
CHILI
TIMVision
Apple Itunes
Google Play
RaiPlay
Rakuten TV
Paramount+
HODTV
  • critico e giornalista cinematografico
  • intervistatore seriale non pentito
Suggerisci una correzione per l'articolo