News Cinema

Irish Film Festa: dal 4 al 7 aprile torna alla Casa del Cinema il festival del cinema irlandese

20

Torna a Rona alla Casa del cinema dal 4 al 7 aprile il tradizionale appuntamento con l'Irish Film Festa, che porta il meglio del cinema irlandese. Il programma e gli ospiti di questa edizione.

Irish Film Festa: dal 4 al 7 aprile torna alla Casa del Cinema il festival del cinema irlandese

Torna in piena primavera, dal 4 al 7 aprile, un immancabile appuntamento per tutti gli appassionati di cinema romani, turisti e... irlandesi, alla Casa del cinema di Roma, dove si svolgerà la 15esima edizione dell'Irish Film Festa, ideato e diretto da Susanna Pellis, che porta al pubblico il meglio della cinematografia irlandese, ricchissima di talento nonostante le esigue dimensioni, come abbiamo visto agli Oscar 2023. Diamo un'occhiata a cosa ci aspetta in questa edizione.

Irish Film Festival 2024: cosa ci aspetta quest'anno

Il film di punta della quindicesima edizione dell'Irish Film Festa -  26 i titoli totali, tra lungometraggi, cortometraggi e documentari - è l'ultimo lavoro di Pat Collins, che sarà ospite d'onore del Festival: That They May Face The Rising Sun, (nella foto) ispirato all'omonimo romanzo di John McGahern, con protagonista Barry Ward. Nell'ampia sezione documentari segnaliamo In The Shadow of Beirut e Notes on Sheepland, candidati al premio IFTA 2024. Lo Speciale “Irish Classic” presenterà un omaggio a Cillian Murphy, vincitore quest'anno dell'Oscar come miglior attore protagonista, e la riscoperta della storica figura di Anne Devlin. Il concorso, per cortometraggi, vede 15 titoli in gara e una proiezione fuori concorso, tutti titoli in anteprima nazionale, a fronte di oltre 200 candidature ricevute. Molto ampia la sezione Documentari, a testimoniare il fatto che il “cinema del reale” in Irlanda è in continua crescita, e davvero interessanti i lungometraggi di finzione, scelti tra le migliori novità presentate nei festival irlandesi. Spiega Susanna Pellis, direttore artistico: “Il cinema irlandese è più vivo che mai e, anche grazie a un pubblico italiano sempre più affezionato, Irish Film Festa arriva alla sua 15esima edizione. Quest’anno abbiamo voluto seguire diversi percorsi, che si rincorrono e si sovrappongono. Ne sottolineo un paio: la significativa presenza di documentari, molto vari per temi e toni, e decisamente tutti di grande qualità, e i diversi titoli legati alla letteratura, con una messa a fuoco in particolare sullo scrittore John McGahern e sul film tratto dal suo ultimo romanzo, That They May Face the Rising Sun. Interpretato da un magnifico cast corale e diretto da Pat Collins, il più irlandese dei registi, che sarà l’ospite d’onore di questa edizione”.

Pat Collins, regista di documentari e film di finzione, presenterà in anteprima italiana il suo That They May Face The Rising Sun, straordinario adattamento dell’omonimo romanzo dell’acclamato scrittore irlandese John McGahern (1934-2006), di cui in Italia sono state tradotte alcune delle principali opere ("Moran tra le donne", Einaudi 1990; "Il pornografo", Einaudi 1994; "The Dark", Minimum Fax 2016, "Cose impossibili di tutti i tipi", Racconti 2020). Attore protagonista il pluripremiato Barry Ward, già ospite di Irish Film Festa, divenuto celebre in Italia nel ruolo di Jimmy Gralton in Jimmy’s Hall di Ken Loach. McGahern ha descritto in modo incomparabile l’Irlanda rurale, i suoi rituali e la sua durezza, l’incanto della natura ma anche le ipocrisie e le violenze nascoste delle piccole comunità. That They May Face the Rising Sun segue un anno di vita di Joe e Kate Ruttledge, tornati a vivere in un villaggio di campagna, e dei memorabili personaggi del luogo (caricaturali e insieme incredibilmente autentici), assecondando il ritmo del lavoro, gli accadimenti quotidiani, il passare delle stagioni. Proprio a John McGahern sarà dedicata la sezione “Cinema e letteratura”, con cui Irish Film Festa torna a dedicarsi all’inesauribile panorama letterario irlandese: il documentario John McGahern: A Private World, realizzato proprio da Pat Collins nel 2005, regala una visione intima del processo creativo e della vita di colui che è considerato il principale scrittore irlandese dell’epoca moderna. La proiezione sarà introdotta dal Professore John McCourt, Rettore dell’Università di Macerata e docente di Letteratura inglese e irlandese, personaggio di spicco della comunità internazionale degli studiosi di James Joyce. Per Cillian Murphy, appena premiato agli Oscar come Miglior Attore (primo irlandese nella storia) e originario, come Pat Collins, della contea di Cork, un omaggio speciale: Breakfast on Pluto di Neil Jordan, del 2006, che lo vede protagonista e mostra le eccezionali doti di Murphy, ai tempi giovanissimo. La proiezione sarà all’interno della sezione “Irish Classic”, che comprenderà anche Anne Devlin di Pat Murphy, del 1984, con cui la regista dublinese ha fatto riscoprire una figura storica che collaborò con Robert Emmett alla preparazione dell’insurrezione irlandese contro i britannici nel 1803. Anne è interpretata da Bríd Brennan, tuttora tra le maggiori attrici irlandesi di cinema e teatro. Della stessa regista nel 2000 uscì Nora, con Ewan McGregor e Susan Lynch nei ruoli di James Joyce e Nora Barnacle.

Tra i titoli dei film di finzione dell'Irish Film Festa: Lies We Tell di Lisa Mulcahy, ispirato al romanzo gotico ottocentesco "Uncle Silas" di Joseph Sheridan Le Fanu, è un period drama a tinte forti, che rispetta gli elementi tipici del genere ma non rinuncia a un approccio contemporaneo. Nel cast, con l’emergente Agnes O'Casey (che rivedremo in Small Things Like These, tratto dall’omonimo racconto dell’autrice di The Quiet Girl, Claire Keegan), anche David Wilmot, già in ‘71, Ordinary Love e The Wonder. Candidato a 13 premi IFTA. Lie Of The Land, film d’esordio del nordirlandese John Carlin, è un thriller claustrofobico. Un’anziana coppia di agricoltori (magistralmente interpretati da Nigel O’Neill e Ali White) decide di fuggire dal disastro finanziario. L’occasione arriva con un misterioso sconosciuto che promette, dietro compenso, di allontanarli dai loro problemi. Ma il giorno della partenza la coppia cambia idea. Premio Migliore opera prima al Galway Film Fleadh 2023. Verdigris di Patricia Kelly, esordiente che ha riscosso grandissimo successo nei festival in patria, porta in scena una classica strana coppia composta dalla neopensionata Marian, insoddisfatta del proprio matrimonio, e dall'adolescente Jewel, che per vivere si prostituisce. Marian si rende conto che, grazie all’improbabile alleata, il suo futuro può cambiare. La storia di una particolare amicizia intergenerazionale.

Pwr il resto di questi 4 giorni, gli ospiti, gli incontri e la programmazione giornaliera del ricchissimo programma del festival, vi rimandiamo al sito ufficiale della manifestazione: www.irishfilmfesta.org

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
Netflix
Amazon Prime Video
Disney+
NOW
Infinity+
CHILI
TIMVision
Apple Itunes
Google Play
RaiPlay
Rakuten TV
Paramount+
HODTV
  • Saggista traduttrice e critico cinematografico
  • Autrice di Ciak si trema - Guida al cinema horror e Friedkin - Il brivido dell'ambiguità
Suggerisci una correzione per l'articolo