Schede di riferimento
News Cinema

Addio a Umberto Lenzi, regista dei generi

4

È morto a 86 anni l'autore amato da Tarantino, noto per i gialli, per aver dato vita al Monnezza e per i poliziotteschi.

Addio a Umberto Lenzi, regista dei generi

Di sé diceva sempre: “Se non avessi fatto il regista, avrei insegnato storia contemporanea”. Era questa, da sempre, la grande passione di Umberto Lenzi insieme al cinema. I suoi film che preferiva erano quelli in cui era riuscito a coniugarle entrambe, come Attentato ai tre grandi, del 1967. Il regista di Massa Marittima, che tanto ha dato al nostro cinema popolare e di genere, ci ha lasciato oggi 19 ottobre all’età di 86 anni. La notizia si è diffusa da poco e ha colpito i tanti ammiratori del suo cinema tardivamente rivalutato.

Nato come critico e diplomato al Centro Sperimentale di Cinematografia, Lenzi arriva al cinema prima come aiuto regista e viene promosso a regista grazie al suo carattere deciso e a volte aspro. Dopo un film girato in Grecia e mai distribuito, esordisce con Le avventure di Mary Read nel 1961, e prosegue con una serie di pellicole tratte dai romanzi di Emilio Salgari, un film su Robin Hood e perfino un improbabile Zorro contro Maciste.

Dopo un unico western, genere che non gli è congeniale, passa alle spy stories e al giallo con titoli come Kriminal, Orgasmo, Così dolce… così perversa, Sette orchidee macchiate di rosso e Spasmo. Negli anni Settanta inizia l’era del poliziesco all’italiana, di cui firma alcuni dei titoli migliori. E se la critica lo bolla da reazionario fascista, lui rivendica orgogliosamente la propria anarchia. Milano rovente, Milano odia: la polizia non può sparare, Napoli violenta, sono solo alcuni dei film realizzati in questo periodo fecondo, con grande successo di pubblico.

Nel 1976 crea con Dardano Sacchetti il personaggio di Er Monnezza interpretato da Tomas Milian in Il trucido e lo sbirro, ma litiga con l’attore e non dirige i successivi. Negli anni Ottanta ci sono gli horror e i cannibal movies, da Mangiati vivi! a Incubo sulla città contaminata al celeberrimo Cannibal Ferox. Lenzi dichiara in più di un’occasione di trovare orrendi questi film, fatti solo per motivi alimentari. Tra i film di guerra realizza Il grande attacco, dove dirige un cast di prim’ordine che comprende anche Henry Fonda e John Huston, Un ponte per l’inferno e Tempi di guerra mentre tra gli horror firma anche Demoni 3. L’ultimo film, del 1992, è Hornsby e Rodriguez.

Dopo un lungo periodo in cui lamenta di esser stato dimenticato, pure in tempi di rivalutazione del cinema di genere e di serie B, ha la sua riscossa grazie all’apprezzamento di autori come Quentin Tarantino, Colto e letterato, scrive anche romanzi gialli ambientati nell’epoca dei Telefoni Bianchi. Era sposato dai primi anni Settanta con l’attrice tedesca Olga Pehar, conosciuta sul set di Orgasmo. Con lui scompare un altro dei grandi irregolari del nostro cinema, uno di quelli che senza pretese di fare del grande cinema ha raggiunto il grande pubblico, nobilitando un artigianato ormai praticamente estinto.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
Schede di riferimento
  • Saggista traduttrice e critico cinematografico
  • Autrice di Ciak si trema - Guida al cinema horror e Friedkin - Il brivido dell'ambiguità
Suggerisci una correzione per l'articolo