News Serie TV

The Last of Us: Craig Mazin anticipa una terza stagione e affronta le conseguenze dello sciopero

Lo sciopero degli sceneggiatori e degli attori potrebbe compromettere la tabella di marcia di The Last of Us, ma il co-ideatore della serie ha assicurato di essere a buon punto con la seconda stagione e ha anticipato cosa aspettarsi dal futuro.

The Last of Us: Craig Mazin anticipa una terza stagione e affronta le conseguenze dello sciopero

Sebbene lo sciopero degli sceneggiatori (e quello degli attori) sia ancora in corso a Hollywood, il co-ideatore di The Last of Us Craig Mazin ha condiviso un breve aggiornamento sullo stato della seconda stagione della Serie TV e i programmi per il futuro. Dopo una prima, entusiasmante stagione che ha lanciato ancora di più la carriera di Pedro Pascal e definito quella di Bella Ramsey, HBO riporterà le avventure di Joel ed Ellie il prima possibile sul piccolo schermo. L'obiettivo di Mazin, infatti, è quello di rispettare la tabella di marcia nonostante l'agitazione ancora in corso.

The Last of Us: Craig Mazin anticipa una terza stagione e parla delle conseguenze dello sciopero

Ambientata in un mondo post-apocalittico, The Last of Us basa la propria storia sull'acclamata serie di videogiochi. Dopo il primo capitolo che ha guadagnato ben 24 nomination agli Emmy 2023, la seconda stagione al momento è ferma a seguito dello sciopero degli sceneggiatori. Ma, prima che iniziasse, Craig Mazin era già a buon punto. Ai microfoni di Deadline, lo sceneggiatore e produttore esecutivo ha raccontato che insieme al gruppo di sceneggiatori di The Last of Us hanno raggiunto un buon risultato prima dell'inizio dello sciopero (iniziato il 2 maggio). Hanno delineato il piano per l'intera seconda stagione e terminato la stesura della sceneggiatura del primo episodio.

Siamo arrivati abbastanza lontano in realtà. Stavamo andando alla grande. Quindi ora cerco di appuntare tutto nella mente. Mi concedo delle passeggiate e ripenso alle scene, perché quando arriverà il momento dovrò mettere il turbo se vogliamo provare a mandare in onda questo show rispettando la data prevista.

La data in questione non è stata ancora definita, ma la responsabile di HBO Francesca Orsi aveva dichiarato a Deadline di prevedere come finestra di lancio il 2025 per la seconda stagione di The Last of Us. Tutto dipenderà da quando terminerà lo sciopero e anche dalle condizioni metereologiche per le riprese. Craig Mazin ha aggiunto:

Avevamo un po' di flessibilità, credo, rispetto al solito, solo perché abbiamo dovuto aspettare per allineare la produzione alle condizioni metereologiche. Molto di quello che facciamo è all'aperto, quindi avevamo un programma che non è stato immediatamente influenzato. Ma ci stiamo avvicinando. Non possiamo rispettare le date originariamente previste per sempre, naturalmente. Se questi scioperi continueranno ancora per molto, inevitabilmente dovremo posticipare e questo fa male a noi, al pubblico e a HBO.

Ragionando sul futuro di The Last of Us, Mazin ha garantito che la seconda stagione non sarà l'ultima perché la storia da raccontare è piuttosto corposa e non può essere racchiusa tutta nei prossimi episodi. Ciò significa che è in programma anche una terza stagione?

C'è molta storia da raccontare, quindi questo show non finirà con la seconda stagione a meno che la gente non lo guardi e verrà cancellato. In caso contrario inseriremo alcuni passaggi come nel gioco, altri che non sono presenti nel videogame e altri ancora che sono presenti ma li faremo a modo nostro. Non importa che conosciate o meno il gioco: sarete sorpresi nel corso della stagione. Abbiamo previsto alcuni colpi di scena interessanti.
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming