Una festa esagerata Recensione

Titolo originale: Una festa esagerata

23

Una festa esagerata: recensione della commedia di e con Vincenzo Salemme

-
Una festa esagerata: recensione della commedia di e con Vincenzo Salemme

"Una festa esagerata" non è la prima pièce teatrale da lui scritta, diretta e interpretata che Vincenzo Salemme porta sul grande schermo, ma è senza dubbio quella che nel passaggio diventa più autenticamente cinematografica, fino a conquistarsi il titolo di miglior film del regista e attore napoletano (insieme, secondo noi, ad Amore a prima vista e A ruota libera). Incalzante perché "strabordante" di personaggi che si affannano intorno a tavole da apparecchiare e bomboniere da distribuire, e non "limitata" dall'unità di luogo perché del palazzo in cui la vicenda si svolge non vediamo soltanto il superattico, la commedia su un compleanno da celebrare secondo i dettami dell'alta borghesia sorprende perché è insieme un omaggio alla grande commedia all'italiana e un "distillato" della migliore produzione "eduardiana", con un chiaro e puntuale riferimento a "Natale a casa Cupiello" e a un protagonista che, invece di trascorrere una pacifica giornata, si ritrova a vivere un movimentato dramma familiare. 

L'omaggio di Salemme al grande padre della drammaturgia partenopea è dichiarato, ma il regista di SMS e de L'amico del cuore non lo copia né lo scimmiotta, piuttosto lo attualizza e si fa portavoce di una fetta di umanità sempre più ristretta che vive spaesata, osservando sbigottita un mondo meschino e superficiale, un mondo avido in cui ognuno vorrebbe avere sempre di più e nel quale la felicità altrui genera invidia, un mondo, infine, contaminato dall'ipocrisia, difetto fra i più turpi raccontato con un occhio rivolto a Molière e l’altro ai "signorotti" 21°secolo (con e senza abito sacro). La presa in giro e lo sconforto nascono proprio da questo spaesamento di chi è ancora una brava persona, nello specifico dal buonsenso bistrattato di un Ulisse che, tornando nella sua Itaca di Via Carducci, si accorge che anche Penelope e Telemaco sono diventati come i Proci, anzi forse lo sono sempre stati.

E il divertimento, invece, da dove scaturisce? Più o meno dalla stessa dialettica: dal contrasto fra "normalità" e follia, dai grotteschi tentativi di Gennaro di dare un ordine al caos, dalle sue rocambolesche crociate contro l'ignoranza e da un'indignata meraviglia. Salemme/Parascandalo non si capacita delle bizzarie del bestiario che gli si agita intorno, e noi con lui, e per questo, oltre a spassarcela, riflettiamo, eccome se riflettiamo, e talvolta ci sembra perfino di trovarci, anche se solo in un paio di sequenze, in un claustrofobico inferno satriano o bergmaniano, o come ha detto qualcuno, ibseniano.

Capita insomma che l'orrore balzi in primo piano in Una festa esagerata, perché non è possibile che un tripudio di crocchette e babà conti più di un morto nel palazzo e succede che una vicina disperata, vogliosa e folle possa diventare inquietante. Però poi ci sono tantissimi momenti esilaranti, affidati a un finto cameriere indiano che dondola la testa come un pupazzetto (Vincenzo Borrino), a un prete scroccone (Giovanni Cacioppo) e al "secondo" portiere Lello (Massimiliano Gallo). E’ sicuramente quest'ultimo il personaggio più spassoso della commedia, quello con cui Salemme duetta con una maestria e una spontaneità che hanno del miracoloso, soprattutto quando sono di scena buffi giochi di parole e il ritmo accelera e accelera. Ma in nessuno di questi dialoghi scoppiettanti, riadattati insieme a Enrico Vanzina, il comico calca la mano, alzando la voce appena più del dovuto o facendo smorfie e smorfiette. No, la sua recitazione è sempre naturalistica, e il suo sguardo è sempre lo sguardo dello spettatore, che si posa a turno su parenti serpenti, ospiti illustri e sui ragazzi di oggi, imperatori dei selfie e schiavi della smania di condividere la propria vita sui social.

La verità del film è anche nel modo in cui questi personaggi difettosi vengono rappresentati, e nemmeno il più buffo fra loro è si confonde mai con la macchietta, perché ne esistono di uomini e donne così, e paradossalmente Vicenzo Salemme li ama, così come ama gli attori della sua "famiglia", che ha scelto con cura e sui quali non ha mai prevaricato rubando loro la scena.

C'è un altro personaggio, in Una festa esagerata, a cui vale la pena accennare, perché sempre di più balza in primo piano nei film, anche quelli dei registi "forestieri". E’ Napoli, la città di Salemme, innanzitutto, culla di una cultura millenaria che fa rima con spontaneità, sana arte di arrangiarsi e vitalità. Gennaro la guarda dal balcone estasiato ma non nostalgico. La guarda come fosse una mamma che accudisce amorevolmente i propri figli, figli che non vanno abbastanza a scuola e che il film afferra per le orecchie e trascina dietro la lavagna senza però prenderli a bacchettate sulle dita. A questi bambini cresciuti Napoli ha insegnato anche cose buone: il senso della famiglia, per cominciare, e poi l’amore per la squadra del cuore e il rispetto di antichi rituali e generose tradizioni, per fortuna anche culinarie.

Una festa esagerata
Il Trailer Ufficiale del Film - HD
11180


Carola Proto
  • Giornalista specializzata in interviste
  • Appassionata di cinema italiano e commedie sentimentali
Lascia un Commento