Se mi lasci non vale Recensione

Titolo originale: Se mi lasci non vale

29

Se mi lasci non vale: recensione della nuova commedia di Vincenzo Salemme

-
Se mi lasci non vale: recensione della nuova commedia di Vincenzo Salemme

Se i due protagonisti di Se mi lasci non vale vengono piantati in asso e costretti ad attraversare un calvario che sembra durare in eterno, paradossalmente la colpa potrebbe essere proprio di Julio Iglesias, che nell'omonima canzone diventata una hit di metà anni Settanta giustificava un cattivo comportamento maschile dichiarando impunemente che "quando un uomo tradisce, tradisce a meta", salvo poi non capacitarsi di essere stato scaricato dalla sua bella.

Ora, è probabile che i goffi Paolo e Vincenzo non abbiano mai pensato al brano dell'ex calciatore del Real Madrid (lo sapevate?) mentre erano fidanzati con Federica e Sara, ma come lui appartengono a una categoria che Vincenzo Salemme dichiara essere sempre più diffusa: quella dei maschi bambini che esitano a prendersi le giuste responsabilità.
Certo, i due "compari" della sua storia non si macchiano di bigamia, ma peccano comunque di incapacità di mettersi nei panni delle compagne, di pazienza e di volontà di lasciarsi andare alle emozioni.
Simili mancanze bastano eccome per giustificare un abbandono, oltre che per gettare le premesse per un film godibile, onesto, gradevole e, per l'autore e attore napoletano, decisamente diverso dal solito.

Sarà perché, sviluppando un'idea di Paolo Genovese e Martino Coli, il regista non si è lasciato schiacciare dall'ansia di prestazione che minaccia quasi ogni one man band; sarà perché temi come l'amore e l'amicizia lo hanno liberato dalla schiavitù di portare al cinema situazioni forti e comicità farsesca; sarà perché la  Salemme-maniera è stata contagiata dalla personalità d'attore di Paolo Calabresi, che nel ritratto di un uomo trafitto dal dardo di Cupido mette tenerezza, ingenuità e grande realismo; sta di fatto che il caro Vincenzo cambia stile e apre le porte a un cinema più sussurrato, più aggraziato e più naturalistico.
Nel farlo, sta però bene attento a non snaturarsi, perché in una vicenda che nella trama iniziale ricorda Così fan tutte (emblema della leggerezza nell'Opera), non manca di mettere la giusta dose di napoletanità.

Ma anche in questa operazione il comico si muove in maniera nuova, lasciando che a fare la parte del guascone, e in alcuni casi a rubargli la scena, sia Carlo Buccirosso, amico e collega di lunga data ritrovato di recente dopo un lungo divorzio artistico. Attraverso il personaggio di un attore che si finge prima autista e poi ricco signore, Buccirosso dichiara per così dire guerra all'iper-recitazione - oltre che alla superbia di molti teatranti. Entrando e uscendo continuamente dalla finzione nella finzione, l'attore impedisce inoltre a Se mi lasci non vale di cadere in quella sdolcinatezza e prevedibilità che guastano tante nostre commedie romantiche.

Fanno bene il proprio lavoro, in questa storia di uomini capricciosi, Serena Autieri e Tosca d'Aquino. Se il personaggio della prima è più semplice, ma comunque funzionale al racconto, l'architetto apparentemente arrivista della seconda è una donna straordinariamente vera nella sua modernità. Il coraggio con cui dichiara di non volersi accontentare di un uomo che la porta in pizzeria o che non la coccola e la sua grande ironia la allontanano per fortuna da tutti i cliché femminili: dalle varie Cenerentole e crocerossine, dalle "gatte morte" e dalle Capitane Neme paventate da Roberto Vecchioni in "Voglio una donna".
Sempre per restare in tema di canzoni...

Se mi lasci non vale
Il nuovo trailer ufficiale del film - HD
7005


Carola Proto
  • Giornalista specializzata in interviste
  • Appassionata di cinema italiano e commedie sentimentali
Lascia un Commento