Richard Linklater: Dream Is Destiny - la recensione del documentario sul regista texano

16 ottobre 2016
3 di 5
27

La sua carriera ripercorsa da Louis Black e Karen Bernstein.

Richard Linklater: Dream Is Destiny - la recensione del documentario sul regista texano

Se il senso di un’operazione come Richard Linklater: Dream is Destiny è far venire voglia di vedere i film del regista oggetto del documentario, allora è pienamente riuscita. Sarebbe fuori luogo chiedere qualcosa di più o di diverso, visto che l’onestà di fondo che c’è dietro a questo film è cristallina e rispettata. Niente evoluzione autoriale, ma un percorso a tappe, didascalico a tratti riuscito in altri momenti, che intende curiosare nella carriera di uno dei grandi autori del cinema americano contemporaneo - consentiteci una personale opinione - attraverso le immagini dei suoi film e un tentativo, non troppo problematico, di conoscere meglio il regista, se non addirittura l’uomo, che quelle immagini ha ideato. Per dirla come il titolo: il sognatore che ha sognato il destino di tanti amati personaggi, partendo dai suoi, di un ragazzo del Texas che abbandonò Houston dopo la separazione dei genitori per la rurale Huntsville, nota giusto per un carcere macchina da esecuzioni capitali.

Le radici texane sono cruciali, lo dimostrano gli inizi, appena stabilito in quella Austin che adesso chiama casa e ospita un vivace movimento culturale. Gli inizi amatoriali del cult Slacker o quelli più professionali di Dazed and Confused, La vita è un sogno. Titolo italiano per una volta premonitore per Linklater, che alle sue radici tiene molto, come spiega nel film, dicendo che Hollywood viene considerata il posto in cui i sogni possono diventare realtà, ma che per lui il sistema degli studios è invece costruito per farli evaporare, questi sogni. Rievoca qualche notte oscura, mai per il processo creativo, ma per la temuta industria.

Si delinea presto un regista indipendente in maniera sincera, senza essere isolazionista, che tiene al proprio metodo di lavoro, ma vuole rimettersi costantemente in gioco: basti pensare alle escursioni nell’animazione sperimentale indie di Waking Life o A Scanner Darkly (un vero gioiello sottovalutato, come ricorda il critico Kent Jones), ma anche i tentativi di affacciarsi a Hollywood. Quello riuscito, grazie alla libertà e l’intelligenza del produttore Scott Rudin e Jack Black, School of Rock, e quelli piuttosto disastrosi come il remake di Che botte se incontri gli orsi o The Newton Boys. A raccontarlo in Richard Linklater Dream is Destiny la documentarista Karen Bernstein, insieme al fondatore del settimanale alternativo The Austin Chronicle, Louis Black, fra i pionieri del festival indipendente più in voga del momento, il South by Southwest.

La maggior parte del tempo viene dedicato, giustamente, alla serie di film dedicati a Jesse e Céline, la serie iniziata negli anni 90 con Prima dell’alba e proseguita con altri due gioielli sulla storia d’amore fra due ragazzi, poi adulti e maturi. Un esperimento di racconto su come le esperienze, rigorosamente fuori dallo schermo, influenzano la vita di due persone che si amano. Finora la pietra miliare della carriera di Linklater, per cui sarà ricordato. Insieme almeno a un altro esperimento basato sul tempo che passa e la crescita, Boyhood. Proprio alcune immagini dietro le quinte di quel film, girato per pochi giorni ogni anno nel corso di 12, sono le cose più interessanti di questo documentario. Cosa farai fra 12 anni? viene chiesto nel 2002 ai piccoli protagonisti, Ellar Coltrane e Lorelei Linklater. Lui risponde un po’ spaurito ‘non lo so’, lei con saggezza ‘vorremmo saperlo tutti’. Pochi minuti dopo, dodici anni sono passati, e Ellar Coltrane sembra domandarsi la stessa cosa, mentre sul set ha appena finito l'ultima ripresa di Boyhood, e con un mezzo sorriso e le lacrime agli occhi guarda in camera e dice di essere incerto, all’idea di cosa sarà la sua vita senza questo progetto.

Richard Linklater: Dream Is Destiny
Clip del film, versione originale - HD


  • critico e giornalista cinematografico
  • intervistatore seriale non pentito
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento