Noi siamo tutto Recensione

Titolo originale: Everything, Everything

3

Noi siamo tutto: recensione della rom-com dal best seller di Nicola Yoon

- Google+
Noi siamo tutto: recensione della rom-com dal best seller di Nicola Yoon

Se non ci hanno informati male (e lo scopriremo forse viaggiando), nei paesi di lingua anglosassone esiste nelle librerie uno scaffale che raccoglie la cosiddetta "Sick Lit", i libri in cui uno dei personaggi è affetto da una malattia grave e il più delle volte incurabile. Nello scaffale quasi certamente si posso trovare: "Colpa delle stelle", una vecchia copia o magari una riedizione del best-seller tratto dalla sceneggiatura di Love Story e il fenomeno editoriale del 2015 "Noi siamo tutto", che ha proiettato l’ex analista finanziaria Nicola Yoon, nata in Giamaica e cresciuta a Brookyn, nell'olimpo dei più incensati autori di letteratura per giovani adulti. E si sa che i giovani adulti - dalle liceali di rosa vestite, ai geek, e agli Emo - vanno in sollucchero per lo struggimento che accompagna le relazioni impossibilitate a durare nel tempo a causa di infausti problemi di salute.

Al di là della facile ironia, questo filone letterario (insieme a qualcuno dei film che ha generato) ha avuto il pregio di smettere di rendere la malattia un tabu, trasmettendo in qualche modo un messaggio di speranza. "Noi siamo tutto", poi, ha fatto una cosa ancor più importante: ha scelto una protagonista femminile nera corteggiata e adorata da un ragazzino bianco e si è concentrato su amore e immunodeficienza senza tirare in ballo questioni razziali. Anche Stella Meghie ha evitato ogni retorica esortazione all'uguaglianza e si è ben guardata dal dire: "Le donne di colore devono essere amate come tutte le altre", perché è una cosa scontata e perché la sua Maddy è talmente bella, solare e attraente che nemmeno DiCaprio ai tempi di Titanic e del Titanic avrebbe potuto resisterle. E in effetti Nick Robinson somiglia un po’ al Leo di una volta, oltre che a Dane DeHaan, nonostante la regista abbia voluto conferirgli un che di ribelle, dotandolo di skateboard e look total black.

Tornando a Maddy "bubble girl", il limite del personaggio (e una delle pecche di Noi siamo tutto) è proprio nel suo essere una piccola bomba sexy dalle curve sempre in evidenza nonostante l'innocenza delle tonalità pastello dei suoi outfit. Che dietro questa scelta ci sia il comprensibile desiderio di mostrare una fanciulla che sboccia e si apre alla vita e alla passione va benissimo, ma davvero una diciottenne che non è mai uscita di casa dorme con una mini camicia da notte in seta bianca e indossa solo capi attillati? Magari, trascorrendo intere giornate a navigare su Internet, avrà sviluppato un personalissimo gusto in fatto di vestiti, ma un'attenzione così maniacale all'abbigliamento e quindi all'esteriorità del personaggio gli toglie vivacità intellettuale e parte di quel carisma che pure la bravissima Amandla Stenberg riesce a dargli. E' però vero che la bellezza che irradia da Madeleine si intona con le atmosfere rarefatte di una messa in scena che rifiuta il realismo a favore della magia e della favola. Come non indugia in una morbosa descrizione dei sintomi e delle conseguenze della SCID, allo stesso modo Noi siamo tutto evita di mostrare corpi deformati o visi smagriti, creando, accanto al mondo vero, un universo immaginario dove i due neo-innamorati possono parlarsi senza che una parete in vetro li separi, mentre un astronauta a grandezza naturale nato dalla fantasia di uno di loro li osserva compiaciuto.

E' un'impronta stilistica interessante, che dà un senso di morbida intimità a Noi siamo tutto, ci mette in condizione di perdonargli altre piccole inverosimiglianze ed evita di rendere ripetitivo un film che, per più di metà del tempo, si basa su incontri e conversazioni che si svolgono sempre nei medesimi luoghi. Il problema è che, in questi luoghi e in queste conversazioni, viene fuori solo la personalità della protagonista femminile, mentre Olly sembra essere stato "creato" solo per adorare la sua bella e di lui non scopriamo proprio nulla, se non che ha un padre violento (ma chissà perché è violento?). La presenza di questo adulto cattivo serve comunque a rendere la favola nera, complice qualcuno (di cui non sveleremo l'identità) che a un certo punto diventa una strega cattiva, troppo cattiva per sembrare credibile al 100%... ma non fateci aggiungere altro: il rischio di spoiler è altissimo. 

Ciò che invece possiamo dire è che Noi siamo tutto parla - bene e diffusamente - dell’amore nelle sue varie declinazioni e forme: amore fra genitori e figli, amore fra teenager, amore per cui vale la pena sacrificare tutto e di buttarsi, amore puro e amore soffocante e morboso, amore che qui è per forza un po’ all'antica, con la tecnologia che resta in secondo piano e gli sguardi, i sospiri e le attese in primo piano proprio come in un "Romeo e Giulietta" con una finestra di fronte al posto del balcone. 

E’ per illudersi di vivere l'amore come fossero Maddy e Olly che tanti ragazzi andranno al cinema, e a chi ha letto e apprezzato il libro consigliamo vivamente di restare fino alla fine per non perdersi i titoli di coda.

Noi siamo tutto
Il trailer italiano del film - HD
28854


Lascia un Commento