News Streaming

Inmusclâ: su Chili il visionario mediometraggio di Michele Pastrello

Un'affascinante visione aspetta dall'11 dicembre gli abbonati di Chili: vi parliamo del mediometraggio di Michele Pastrello, Inmusclâ, da non perdere.

Inmusclâ: su Chili il visionario mediometraggio di Michele Pastrello

Dall’11 dicembre è disponibile su Chili Inmusclâ (Ugni mâl nol à scrupol da tornâ), affascinante mediometraggio in lingua clautana (una variante del dialetto friulano parlata nel comune di Claut), autoprodotto dal regista Michele Pastrello, che l’ha anche scritto insieme alla sua protagonista, Lorena Trevisan. Non è una scoperta di oggi il talento di Pastrello, il cui 32, uno dei suoi primi cortometraggi, mi colpì al punto da inserirlo all’interno di Horror Night, la trasmissione di Comingsoon Television da me curata e di cui forse i più grandi tra voi si ricorderanno. La sua capacità di raccontare storie non solo e non tanto dell’orrore, quanto metafisiche e metaforiche attraverso le spoglie del genere, affidandosi alla forza delle immagini per generare sensazioni e riflessioni nin banali, ha prodotto in seguito numerosi altri corti, difficilmente incasellabili, tanto è originale e suggestiva la visione del mondo trasmessa dalle opere del regista. Questo suo nuovo film, infatti, pur percorrendo il terreno dell’inconscio e della realtà onirica, ha sequenze che potrebbero a buon diritto appartenere ad un horror soprannaturale, tanto inquietanti sono le immagini che rappresentano l’incontro della protagonista con una realtà altra, che probabilmente sarebbe meglio lasciare incognita, e dove i boschi e i paesaggi incontaminati della Valcellina abbagliano e terrorizzano, lasciando intendere, come Twin Peaks e The Blair Witch Project, l’esistenza al loro interno di un portale per un altro regno, che non contempla gli esseri umani.

Inmusclâ: un'esperienza sensoriale

In boschi innevati dove non si vede traccia di presenza umana se non in qualche rudere abbandonato, si aggira una donna impaurita e ferita. In mano ha dei volantini che attacca sugli alberi e con cui cerca una persona smarrita: se stessa? Una bambina? Il suo passato? Come nelle angoscianti fiabe della nostra infanzia, c’è davvero una porta attraverso la quale si finisce in un mondo dove non c’è neve e i colori scompaiono, e in cui strani esseri coperti di muschio (questo significa il titolo) sembrano darle la caccia, ma sarà poi vero? Inmusclâ è un film che non si può raccontare ma un’esperienza da fare, che con l'originalità della sua visione, nella banalità delle immagini che ci circondano, parlerà ad ognuno con voce diversa. Il fatto che sia stato prodotto in proprio, in modo indipendente, accresce il valore di una storia misteriosa e quasi misterica, a cui Lorena Trevisan dà corpo e intensità e l’anziana poetessa clautana Bianca Borsatti dà le parole, quelle di una lingua aspra e antica che evoca un passato in cui la natura dominava l'uomo e non viceversa. Noi vi consigliamo di vederlo, perché se il cinema è anche l'arte di narrare per immagini, questo mediometraggio e i suoi paesaggi primordiali ne sono una perfetta dimostrazione. E perché a volte è bello perdersi in un viaggio, o in una fuga, che non sappiamo dove ci porterà, o meglio come, alla meta finale: una perfetta metafora della nostra vita. Inmusclâ lo trovate su Chili e qua potete intanto vedere il trailer.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
  • Saggista traduttrice e critico cinematografico
  • Autrice di Ciak si trema - Guida al cinema horror e Friedkin - Il brivido dell'ambiguità
Suggerisci una correzione per l'articolo