The Gunman: la recensione dell’action con Sean Penn e Jasmine Trinca

26 marzo 2015
2 di 5
1

Cosa succede quando un attore serio e impegnato cede alle lusinghe della muscolatura perfetta.

The Gunman: la recensione dell’action con Sean Penn e Jasmine Trinca

E così anche Sean Penn, dall’alto dei suoi cinquantaquattro anni ottimamente portati, ha ceduto a quello che un collega recensore spiritosamente chiama "lo spaccaculismo", in altre parole l’irresistibile tentazione di trasformarsi in una macchina di odio, carne e sangue che proprio non riesce a non rispondere ai torti subiti con rabbia, aggressività, bombe a mano, pugni e coltelli.

Cosa ci fa, però, uno degli artisti più politici e impegnati di Hollywood in un film di Pierre Morel, il regista del fortunato Taken - Io vi troverò? Perché il doppio premio Oscar ha ingaggiato un personal trailer e mangiato bistecche a colazione per sviluppare una muscolatura alla Stallone dei tempi d’oro? C’entra forse la vecchiaia che comincia lentamente ad avanzare?
Probabilmente no, perché in The Gunman l’attore ha fortemente creduto. Lo ha prodotto e in parte scritto, cavalcando il tema scottante dello sfruttamento delle risorse minerarie della Repubblica Democratica del Congo e denunciando le scorrettezze delle multinazionali.
Benissimo, il problema è che queste sacrosante prese di posizione mal si adattano a un genere cinematografico – fra l’altro piuttosto apprezzato – che per non diventare ridicolo, deve restare fracassone, macho e molto adrenalinico.

Adrenalinico The Gunman lo è sicuramente, grazie a una buona dose di inseguimenti e a una sequenza in una plaza de toros emozionante e ben montata; ma siccome Penn non ha un passato di action hero su cui scherzare, né l’ironia compassata di un George Clooney o di un Harrison Ford quando si lanciano in scatenate avventure, l’impressione generale è quella di un film che si prende troppo sul serio, proprio come sembra fare il suo interprete principale.
Non che la prova di Mr. Charlize Theron non sia buona, per carità, però è difficile credere in un personaggio che si accorcia il giubbotto antiproiettile per mostrare gli addominali obliqui…

Decisamente migliori le sequenze in cui Sean Penn incarna fragilità, timore, amore, senso di colpa per aver commesso malefatte ingiustificabili. E’ in questi momenti che il suo Jim Terrier ricorda il sicario inventato dal sublime Jean-Patrick Manchette, che lo ha reso protagonista del romanzo del 1981 da cui The Gunman è tratto.
Lo scrittore francese, che nella vita era anche sceneggiatore, critico e jazzista, forse avrebbe "salvato" Sean Penn.
Di certo non avrebbe approvato la performance, fra l’isterico e il caricaturale, di Javier Bardem, grandissimo attore chiamato per l’ennesima volta a impersonare, in un blockbuster, un tipaccio di scarsa levatura morale dall’improbabile capigliatura.

Quanto a Jasmine Trinca, ci piace pensare che l’autore di noir l’avrebbe apprezzata. Alla sua prima prova hollywoodiana, l’attrice italiana rivela di avere le carte in regola per tentare una carriera all’estero. E’ lei la cosa più vera del film, l’elemento di dolcezza, spontaneità e semplicità. Per nulla Bond Girl o scream girl, la sua Annie non va mai sopra le righe.
Perla rara è anche Ray Winstone, il cui piccolo ruolo dà alla storia quella minima connotazione umoristica di cui fin dall’inizio si sente il bisogno.

Al nuovo film "picchiaduro" di Morel nessuno chiede di essere come I mercenari, intendiamoci, ma di decidersi sì: essere contemporaneamente una love story, un manifesto politico e un action allo stato puro non gli giova.
Se non altro, lo stile di regia non è fastidosamente "videoclipparo". Infine, un minimo di coolness è assicurata grazie alla fugace apparizione di Idris Elba, lui sì "portatore" di carisma epico e di grande capacità di sornione ammiccamento. 

 



  • Giornalista specializzata in interviste
  • Appassionata di cinema italiano e commedie sentimentali
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento