Cip & Ciop Agenti Speciali: la recensione del revival che non ti aspetti

17 maggio 2022
3.5 di 5

Cip & Ciop Agenti Speciali, film originale Disney+ in tecnica mista, non è un semplice reboot della serie animata di trent'anni fa: a sorpresa, è un autoironico omaggio a Chi ha incastrato Roger Rabbit.

Cip & Ciop Agenti Speciali: la recensione del revival che non ti aspetti

Ricordate Cip & Ciop Agenti Speciali, la serie animata Disney andata in onda tra la fine degli anni Ottanta e i primi Novanta? Trent'anni dopo la ricordano molto bene i suoi due protagonisti, che hanno preso strade diverse, in una Hollywood popolata da esseri umani e cartoon. Cip è rimasto in 2D e si è rassegnato a vivere come agente delle assicurazioni, mentre Ciop si è rifatto in CGI ed è un presenzialista nelle rievocazioni nostalgiche delle fiere tipo Comic-Con. La scomparsa del loro vecchio amico e collega Monterey Jack li riporterà insieme, aiutandoli magari a seppellire vecchi rancori.

La sorpresa di Cip & Ciop Agenti Speciali, le radici antiche

Questo Cip & Ciop Agenti Speciali, film originale per Disney+ in tecnica mista diretto da Akiva Schaffer, è una felice sorpresa. In una montagna di produzioni revival e nostalgiche, tra remake e reboot, la Disney e gli sceneggiatori Dan Gregor e Doug Mand hanno concepito un affettuoso omaggio addirittura a Chi ha incastrato Roger Rabbit (con tanto di esplicita comparsata del coniglio, come benedizione).
Il loro film è infatti una cavalcata metalinguistica piena di comparse illustri, pur costituendo nei fatti il reboot sul quale gli stessi personaggi però ironizzano costantemente! Da questa furbesca acrobazia non può venir fuori qualcosa di enormemente sofisticato, perché bisogna dare pure un colpo al cerchio e l'altro alla botte, però per lo meno il punto di vista è più ragionato e fresco dei remake copie-carbone alla quale la stessa Disney ci ha abituato. Non che questo tipo di gag sullo show business e sulla stessa tecnica dell'animazione siano originali: la Warner le perfezionò nella Golden Age dell'animazione americana tra gli anni Trenta e Quaranta, e persino l'ironia sul passaggio dal 2D alla CGI è stata affrontata qualche mese fa da Space Jam: New Legends. La convivenza tra esseri umani e personaggi di fantasia, ancora con uno sguardo allo storico film di Zemeckis, è stata poi qualche anno fa alla base anche di Pokémon: Detective Pikachu.

Cip & Ciop Agenti Speciali: come sopravvivere al tempo che passa

Non parliamo quindi di originalità assoluta, ma sarebbe un peccato sminuire il film ignorandone l'originalità relativa, la sua capacità di fotografare bene tendenze dell'intrattenimento attuale, votato alla nostalgia e alla riproposta del passato. La migliore animazione Disney è sempre stata in equilibrio tra ambizioni artistiche e necessità commerciali, quindi un reboot, per quanto necessario, non può avvenire a cuor leggero: significativo, oltre che spassoso, il paragone tormentone con la concorrenza di Alvin Superstar, sottoposta ad aggiornamento superficiale senza troppe remore (Cip odia che i personaggi classici debbano rappare per sembrare "aggiornati"). Walt voleva che le sue creazioni fossero eterne prima che aggiornabili. Sono responsabilità. La narrazione abbraccia questo conflitto, e la storia diventa emotivamente reale, un valore molto disneyano: Cip è il passato che rimane passato, preferendo chiudere il sipario piuttosto che tradirsi, mentre Ciop è quello che non demorde e non vuole rimanere ai margini. Nessuna delle due opinioni prevale sull'altra, la sceneggiatura comprende le ragioni di entrambi, il problema semmai è quando lo show system spezza i rapporti affettivi, che alla fine devono avere la meglio sia sull'arte sia sugli affari. Il terribile (davvero!) villain del film è un ex-simbolo Disney degenerato, che con la crescita ha avuto sempre qualche problema: è precipitato nel "lato oscuro", proprio perché gli è mancato quell'affetto con un suo pari, quel legame col quale ci si può difendere nei momenti più difficili, in un mondo che cambia inesorabilmente.

Il gioco delle citazioni e della storia animata in Cip & Ciop Agenti Speciali

Cip & Ciop Agenti Speciali è il trionfo della caccia alle citazioni cartoon, filosoficamente non troppo diversa dall'analoga marveliana, e superficialmente simile a quella di Chi ha incastrato Roger Rabbit. A ben guardare però questo film si spinge oltre, fondendo entrambi quegli approcci, cioè l'ammiccamento ai miti e agli hashtag discussi oggi (il personaggio di Ugly Sonic è geniale) e la nostalgia pura e semplice per i cartoon di trent'anni fa e oltre. Chiaramente non può essere all'altezza dell'opera magistrale di Robert Zemeckis e Richard Williams, ma bisogna capire per quali ragioni, scartate le ovvie: non mantiene lo stesso ritmo, è meno curato artisticamente, meno elaborato in regia... ma c'è soprattutto una motivazione storica.
Chi ha incastrato Roger Rabbit aveva una missione: ribadire l'importanza di un immaginario culturale e di un'arte che gli investimenti di Hollywood e il pubblico avevano dimenticato. Oggi fortunatamente l'animazione è sulla cresta dell'onda commerciale e artistica, al centro di discussioni e passioni di ogni generazione di spettatori: Cip & Ciop Agenti Speciali non può avere quella forza autorevole di un richiamo, può solo incarnare la festa, magari alzando la posta del nerdismo tecnico: cita tutte le forme e le epoche d'animazione, dal 2D a mano libera alla CGI, passando per la stop-motion in plastilina e la performance capture imprecisa "stile Polar Express" (Seth Rogen si presta con goliardia alla trasformazione).
E poco importa che gran parte dell'animazione 2D e anche la stop-motion siano simulate sempre in CGI: il trucco riesce credibile agli occhi dello spettatore meno navigato, e in fondo anche questa simulazione rappresenta un ulteriore approccio a un'arte che fa sempre piacere celebrare.



  • Giornalista specializzato in audiovisivi
  • Autore di "La stirpe di Topolino"
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento