Lucca Comics & Games 2013, edizione da record

- Google+
Share
Lucca Comics & Games 2013, edizione da record

L'edizione 2013 di Lucca Comics & Games, in 4 giorni (di cui uno estremamente piovoso) ha fatto registrare lo stratosferico record di 200.000 presenze, che hanno creato non pochi problemi alla viabilità stradale e ferroviaria toscana. Ormai seconda in Europa dopo il Festival del cinema d'animazione di Angouleme, e – dicono gli esperti – terza nel mondo dopo il Comiket di Tokio, superiore come presenze anche al mitico Comic Con di San Diego, la kermesse lucchese rischia di soffocare la città. Si tratta di un'invasione pacifica, coloratissima e molto allegra, ma il rischio dell'ipertrofia esiste eccome: basti pensare alla sezione Games, che quest'anno compiva 20 anni, e che è passata da uno spazio di 500 mq a 10.000. Eppure i problemi maggiori si sono riscontrati proprio lì, con gente in fila per ore prima di riuscire a entrare e pericolosi ammassamenti. L'organizzazione è perfetta, ma una città piccola come Lucca rischia di soccombere sotto il peso di tante presenze, a meno che non si decida di aprire altri spazi sulle Mura, alleggerendo un po' il centro storico. Ciò detto, chi ama sia il fumetto che il cinema che i videogames, ahimé, si deve rassegnare: come è stato - giustamente - calcolato da altri, quest'anno c'è stato un evento ogni minuto e mezzo, quindi avreste dovuto necessariamente scegliere - a meno che non abbiate il dono dell'ubiquità - tra lo show di Daniele Silvestri, le ricchissime anteprime cinematografiche, la sfilata dei 1600 Cosplayer, gli spettacolari eventi cinematografici di Piazza San Michele, gli incontri con i grandi artisti del fumetto mondiale, gli scrittori più famosi e le star nostrane, le bellissime mostre, i nuovi videogame, i giri per gli stand a caccia di autografi, schizzi, rarità e ultime uscite, il Salto della Fede (spettacolare bungee jumping dalle Mura) e il concerto di Cristina D'Avena per i 30 anni di carriera. Tornerete a casa carichi di immagini, stanchi morti e con qualche rimpianto. Ma di sicuro l'anno prossimo, dopo qualche tentennamento, cederete alle sirene di Lucca Comics And Games.

Noi ci siamo concentrati soprattutto sulla sezione Lucca Movie, al suo terzo anno lucchese: a ingresso libero e aperte a tutti, le anteprime di quest'anno si sono unite ad eventi divertenti e spettacolari. Per anticipare l'anteprima romana di Hunger Games – La ragazza di fuoco, ad esempio, la Universal Pictures ha allestito un set in cui stilisti e truccatori hanno vestito e acconciato in stile Capitol City modelli e volontari, in un continuo e coloratissimo happening che rendeva pressoché impraticabile il Loggiato di Palazzo Pretorio in piazza San Michele.

Spettacolare è stato, sabato 2 novembre, il SaTHORday inaugurato dallo svelamento di un gigantesco Mjolnir, il martello di Thor, piovuto dal cielo nella piazza, mentre la Warner nel suo padiglione aveva in mostra una replica del Trono di Spade con tanto di figuranti, preso d'assalto come set fotografico, oltre a presentare i divertenti trailer di The Lego Movie e Piovono polpette 2, quelli spettacolari di 300 – L'alba di un impero, Godzilla 3D e l'anteprima del tesissimo thriller Prisoners, in sala a giorni. Sold out infine al cinema Centrale dove domenica mattina i doppiatori de Lo Hobbit hanno letto dei brani del romanzo, prima della presentazione dei 40 minuti della Extended Edition del primo film.

La Disney ha confermato la sua predilezione per Lucca regalando assaggi del suo nuovo film di animazione, Frozen, con le sculture di ghiaccio realizzate live nella piazza, ma soprattutto con l'anteprima nazionale di Thor: The Dark World, le cui tre proiezioni in lingua originale, introdotte dai doppiatori italiani, hanno fatto registrare il tutto esaurito in una sala gremita da Cosplayer e fan, che hanno accolto con ovazioni parecchie scene del film, soprattutto quelle con protagonista il carismatico Loki, in questo sequel più affascinante e imprevedibile che mai. Alan Taylor riprende la lezione di Joss Whedon e condisce il film di umorismo e numerose chicche, tra cui il cammeo di un membro degli Avengers e ben due sottofinali. Ottimo l'uso del 3D per la conferma del grande momento Marvel, accentuato dalla proiezione a sorpresa del teaser di The Avengers 2 e di un divertentissimo e promettente trailer di Guardians of the Galaxy.

La Lucky Red ha portato a Lucca 7 minuti di Capitan Harlock, replicati per la grande attesa e l'entusiasmo dei fan presenti in sala, e il ritorno di un eroe dell'action come il mitico Danny Trejo, protagonista di Machete Kills, sequel in cui la trama è solo un pretesto per più morti spettacolari, più sparatorie e più battute, con Mel Gibson nel ruolo del cattivo e molte partecipazioni eccellenti, tra cui quella di Lady Gaga. Anche in questo caso, le ovazioni si sono sprecate.

Affollatissime le due master-class di Paolo Ruffini, col cast del suo Fuga di cervelli (Medusa, presto nei cinema) e di La mafia uccide solo d'estate, di Pierfrancesco Diliberto in arte PIF, distribuito da 01 a fine mese. I fan del trash si sono invece scatenati col tv movie americano Sharknado, della Minerva Pictures, proiettato su grande schermo e in versione italiana tra le risate e le battute dei presenti. Nel film, diventato un fenomeno grazie al web, Los Angeles viene flagellata da ben 3 mega tornado che risucchiano dal mare centinaia di voracissimi squali vivi, che piombano sulla testa dei malcapitati, divorandoli, e contro i quali combatte un improbabile gruppetto di attori dalla recitazione approssimativa, con la presenza – a sorpresa -del veterano John Heard. Acclamati anche i 18 minuti in anteprima di Need for Speed, film tratto dalla celebre serie di videogame motoristici della Electronic Arts, distribuito da Kock Media e affollata la proiezione di Ender's Game, spettaccolare film di fantascienza con Harrison Ford, già nelle sale italiane distribuito dalla Eagle Pictures. E grazie a Nexo Digital, ad appassionati e neofiti di Frankenstein Junior, in uscita per un giorno il 26 novembre, è stato possibile assistere a una proiezione del capolavoro di Mel Brooks, preceduta dalla trasformazione live dell'attore Fabrizio Corucci nel Mostro nella versione del musical di Brooks realizzata dalla Compagnia della Rancia. Per celebrare l'uscita del cofanetto speciale dedicato a Wolverine, il mutante di casa Fox è stato oggetto di una maratona serale e altre iniziative.

Una vetrina davvero impressionante, quella di questa edizione di Lucca Movie, che ha presentato anche due piccole perle di animazione come il premiato Arrugas-Tartarughe di Paco Roca, in uscita limitata in Italia con la EXIT Media, che presenta un divertente ma onesto e doloroso spaccato sulla vecchiaia e le case di riposo, e il bel film italiano L'arte della felicità diretto da Alessandro Rak, una produzione indipendente (di cui avremo modo di riparlare approfonditamente), distribuita da Istituto Luce Cinecittà, interamente realizzata da talenti partenopei. Un lungometraggio che ci fa sedere nel taxi di un uomo inquieto e arrabbiato con se stesso e col mondo, che, in una Napoli sporca e sull'orlo di un'apocalisse, dopo la morte del fratello molto amato e lontano da anni, cerca una risposta al suo dolore nelle strade, negli incontri, nelle voci e nei ricordi: un film sulla vita e sulla morte che è pieno di colori, suoni e parole mai banali, realizzato senza pianificazione, anarchico e imprevedibile come la vita stessa.



Daniela Catelli
  • Saggista e critico cinematografico
  • Autrice di Ciak si trema - Guida al cinema horror e Friedkin - Il brivido dell'ambiguità
Lascia un Commento
Lascia un Commento