Schede di riferimento
News Serie TV

Warrior Nun, 1899 e le altre serie cancellate: Netflix si difende e spiega i motivi delle sue decisioni

73

I CEO del servizio di video in streaming Ted Sarandos e Greg Peters rispondono dopo aver ricevuto una valanga di critiche dai fan infuriati per le cancellazioni fiume degli ultimi mesi: "Non abbiamo mai cancellato uno show di successo".

Warrior Nun, 1899 e le altre serie cancellate: Netflix si difende e spiega i motivi delle sue decisioni

La rivoluzione social messa in atto dai fan di diverse serie recentemente cancellate da Netflix (Warrior Nun e 1899 in primis, ma anche Fate: The Winx Saga e altri titoli che potevano contare su una solida fanbase) non ha lasciato indifferenti i vertici del servizio di video in streaming. Intervistati da Bloomberg, i CEO di Netflix Ted Sarandos e Greg Peters hanno difeso la scelta di non portare avanti alcune serie spiegandone i motivi e affermando che "Netflix non ha mai cancellato uno show di successo".

Perché molte serie tv sono state cancellate? Le spiegazioni di Netflix

Solo negli ultimi mesi Netflix ha fatto grande pulizia nel suo catalogo rinunciando a diverse serie tv senza preoccuparsi di lasciarle, peraltro, prive di un finale adeguato. È il caso della serie di fantascienza tedesca dai creatori di Dark 1899 e del fantasy Warrior Nun, ma anche della sitcom animata Inside Job e della serie Resident Evil, basata sull'omonimo videogioco di successo. Alcune scelte dello streamer hanno fatto infuriare particolarmente i fan i quali hanno lanciato petizioni e fatto partire un "bombardamento" social sotto ogni post delle pagine ufficiali di Netflix. L'hashtag #CancelNetflix ha continuato ad essere in tendenza su Twitter mentre gli spettatori più affezionati manifestavano insoddisfazione e delusione per la cancellazione di alcuni titoli che pure erano stati acclamati dalla critica (andando più indietro nel tempo, possiamo citare The OA, Gentefied e Santa Clarita Diet).

Le dichiarazioni di Ted Sarandos

Ma cosa c'è dietro queste cancellazioni? Niente di più semplice: si trattava di serie molto costose ma con un pubblico limitato, per quanto fedele. La resa di questi show, insomma, non giustificava il budget. "Molti di questi show erano partiti bene, ma parlano a un pubblico molto ristretto con un budget molto elevato", ha spiegato chiaramente Ted Sarandos. "La chiave è essere in grado di parlare a un pubblico ristretto con un budget limitato e a un vasto pubblico con un budget elevato. Se lo fai bene, puoi farlo per sempre", ha aggiunto il co-CEO di Netflix citando come esempio virtuoso l'enorme successo della serie coreana Squid Game.

Leggi anche Warrior Nun: I fan vogliono la terza stagione e cercano una "nuova casa" per la serie cancellata da Netflix

Sarandos, inoltre, ha rivendicato l'anima "generalista" di Netflix definendo il servizio come "in parti uguali HBO, AMC, FX, Food Network, HGTV, Comedy Central e Lifetime". Per il dirigente, la piattaforma può soddifare spettatori diversi e con gusti diversi. L'importante è che la parola chiave resti "qualità". "Prima dovevi cercare tra 500 canali via cavo per trovare diverse cosa e ora saranno su Netflix", ha detto Sarandos. "La misura della qualità sta in 'se ami un dating show, rendilo buono come The Ultimatum, rendilo buono come Love is Blind'. Non c'è differenza nella qualità televisiva e nel prestigio di ciascuno di questi generi se sono prodotti fatti bene".

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
Schede di riferimento
  • Giornalista professionista
  • Appassionata di Serie TV e telespettatrice critica e curiosa
Suggerisci una correzione per l'articolo