News Serie TV

La regina degli scacchi da record: È la miniserie Netflix più vista di sempre

358

62 milioni di account hanno visto in streaming il drama con Anya-Taylor Joy nelle prime quattro settimane dall'uscita.

La regina degli scacchi da record: È la miniserie Netflix più vista di sempre

Con La regina degli scacchi Netflix ha decisamente fatto una mossa vincente. Il drama con Anya Taylor-Joy nei panni della stella degli sacchi Beth Harmon è ufficialmente la miniserie più vista sul servizio di video in streaming fino ad oggi. Lo ha comunicato il servizio facendo sapere che ben 62 milioni di account hanno scelto di seguire la storia della giovane orfana prodigio dal 23 ottobre a oggi, nelle prime quattro settimane dall'uscita.

Il successo de La regina degli scacchi e il criterio di misurazione di Netflix

Già 62 milioni è un risultato enorme per una miniserie (numeri simili, 64 milioni, erano stati raggiunti dal fenomeno Tiger King ma in quel caso si trattava di una docuserie e non di una miniserie con sceneggiatura). Occorre ricordare che Netflix considera una serie tv vista se un account vede almeno due minuti della stessa. Una metodologia, questa, che non tiene conto né delle visioni multiple di uno stesso utente né del fatto che magari più persone utilizzano un unico account per guardare lo stesso contenuto, tantomeno del fatto che diversi utenti abbiano potuto vedere il primo episodio o soltanto pochi minuti e poi abbiano abbandonato la serie. Pertanto, le persone che si sono appassionate all'avvincente storia di Beth Harmon basata sul romanzo di Walter Tevis potrebbero essere - come è più probabile - molte di più, o qualcuna in meno. Netflix fa notare inoltre come La regina degli scacchi si sia posizionata nella Top 10 dei contenuti più visti sulla piattaforma in ben 92 paesi e al primo posto della stessa in 63, compresi Regno Unito, Argentina, Israele, Sudafrica (e, aggiungiamo noi, ovviamente anche l'Italia dove la quarta stagione di The Crown non è ancora riuscita a toglierle il primato).

La regina degli scacchi

Peter Friedlander, vicepresidente delle serie originali di Netflix ha voluto congratularsi con l'ideatore della miniserie Scott Frank scrivendo: "Questo successo testimonia l'abilità di Scott come scrittore e regista nell'essere stato in grado di dare vita alla storia e ai dettagli delle molte partite di scacchi che si vedono nella serie". Poi l'elogio anche alla troupe, che ha curato con estrema precisione i dettagli: "Scott ha avuto anche un enorme aiuto dal talentuoso team. L'uso squisito di motivi a scacchiera della costumista Gabriele Binder nel guardaroba di Beth, la colonna sonora del compositore Carlos Rafael Rivera, i montaggi avvincenti del montatore Michelle Tesoro, le scelte vibranti dello scenografo Uli Hanisch che sembrano venire fuori dal schermo in ogni scena, e il direttore della fotografia Steven Meizler, il cui lavoro ha trasformato ogni incontro in un una scena drammatica mozzafiato".

Leggi anche 5 Serie TV da vedere dopo La regina degli scacchi

Tutti pazzi per gli scacchi

Non c'è da stupirsi se, come conseguenza dell'enorme popolarità della miniserie, si registra ora un rinnovato interesse per il gioco degli scacchi. Entertainment Weekly riporta che i direttori marketing di due aziende leader del settore dei giochi da tavolo, Goliath Games e Spin Master, hanno riferito di un incremento nelle vendite degli scacchi, fino al 300%. Allo stesso modo, il romanzo di Walter Tevis The Queen's Gambit - uscito nel lontano 1983 - è entrato nell'elenco dei bestseller del New York Times. Per non parlare, come sottolinea Deadline, delle ricerche delle parole "scacchi" e simili su Google raddoppiate in poche settimane e il numero di nuovi giocatori sul sito Chess.com quintuplicato.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
  • Giornalista professionista
  • Appassionata di Serie TV e telespettatrice critica e curiosa
Suggerisci una correzione per l'articolo