News Serie TV

House of the Dragon: Paddy Considine ha tratto ispirazione da una tragica esperienza personale per interpretare re Viserys

L'attore che ha offerto una toccante interpretazione di re Viserys nello spin-off de Il Trono di Spade si è ispirato a una vicenda personale: "Ho perso anche io persone care".

House of the Dragon: Paddy Considine ha tratto ispirazione da una tragica esperienza personale per interpretare re Viserys

La sua toccante interpretazione di un re Viserys Targaryen sofferente e poi morente in House of the Dragon potrebbe (e dovrebbe) riservargli un Emmy. Mesi dopo la messa in onda degli emozionanti episodi che lo hanno visto protagonista, Paddy Considine ne ha parlato lucidamente con Variety rivelando tutte le difficoltà e le vulnerabilità che ha messo in gioco per entrare nei panni di un personaggio complesso e ricco di sfumature. In particolare l'attore ha rivelato che, per immedesimarsi meglio in Viserys e rendere più credibile la sua sofferenza fisica, ha pensato a quanto attraversato dai suoi genitori, entrambi colpiti da terribili malattie.

House of the Dragon: La malattia di Viserys

Nella prima stagione di House of the Dragon, la serie spin-off de Il Trono di Spade che sta raccontando le lotte intestine della famiglia Targaryen (disponibile su Sky e NOW), abbiamo assistito alla parabola discendente di re Viserys. Il sovrano Targaryen era affetto da una malattia degenerativa, una forma di lebbra che gli procurava ferite sul corpo e deteriorava le sue ossa. La malattia, come spiegato dallo stesso Considine, era anche una "metafora dell'essere re, dello stress e della tensione che comporta questo compito, e delle conseguenze fisiche e mentali". Viserys alla fine è morto, nell'episodio 8, dando ufficialmente inizio alla guerra tra due diverse fazioni dei Targaryen nota come Danza dei draghi.

Leggi anche House of the Dragon: La spiegazione del finale dell'episodio 8, cosa dice Viserys?

La sofferenza di Viserys ispirata dalle tragedie personali di Paddy Considine

Intervistato da Variety, Considine ha parlato di come si è preparato per interpretare Viserys, sapendo che doveva dare tutto in una sola stagione e che avrebbe dovuto rendere il declino fisico del personaggio, sempre più grave episodio dopo episodio:

"C'erano molte esperienze emotive a cui potevo relazionarmi. Ho figlie adolescenti; potevo identificarmi in certe situazioni. Nella mia vita ho perso persone che amo; potevo ispirarmi a quello"

Ma non solo. Considine ha visto da vicino la sofferenza fisica visto che entrambi i suoi genitori l'hanno vissuta in prima persona:

"Mio padre è morto di cancro, e quel lento declino, con quella perdita di peso, è una cosa orribile da vedere. Mia madre è diventata cieca e ha perso entrambe le gambe a causa del diabete. Aveva davvero quelle qualità che aveva anche Viserys. Ha cercato di rimanere dignitosa, ma c'era una parte di lei che aveva appena rinunciato a se stessa. È stata una cosa difficile da guardare come figlio"

Per l'ultima toccante scena, quando Viserys si trova sul letto di morte, Considine ha dett di aver avuto difficoltà a guardare l'episodio:

"Alla fine, quando Viserys era sdraiato sul letto, è stato molto scioccante per me, perché ho guardato l'immagine di mio padre quando stava morendo di cancro. Era la sua immagine. Interpretare qualcuno che sta morendo è una cosa strana, specialmente una morte prolungata. Quando lo fai per giorni e il tuo respiro è superficiale, il mio livello di ossigeno ha iniziato a scendere. Ho dovuto lasciare un po' il set eprendere aria fresca, perché stavo quasi svenendo. È quasi come se il tuo cervello iniziasse a dire al tuo corpo che sei malato. È davvero piuttosto strano"

L'attore ha ammesso di aver pensato proprio alla sofferenza di suo padre mentre girava l'episodio:

"Si, pensavo a mio padre. Mio padre stava davvero combattendo. Sono arrivate le infermiere, hanno detto che aveva 24 ore. Poi sono passati tre giorni ed era ancora lì, non so cosa lo facesse andare avanti. Ricordo che un giorno lo guardai negli occhi e gli dissi solo: 'Papà ...papà, lasciati andare. Lasciami andare, papà'. E non poteva. Non voleva lasciarsi andare. Sai, questa è roba grossa, ma alcune volte nella sua vita ha tentato di togliersi la vita. E poi, quando l'ho visto morire, non ero sicuro se alla fine avesse detto ìIn realtà, voglio davvero vivere' o 'Sono fottutamente terrorizzato all'idea di morire'. Ancora oggi non lo so. Ma a volte quando le persone vanno oltre, mi sembra che lo sappiano. È come quando un cane va a morire da solo. E l'ho sentito molto con Viserys".

Intanto, le riprese della seconda stagione di House of the Dragon sono attualmente in corso nel Regno Unito e in Spagna, naturalmente senza Paddy Considine. "Amavo davvero Viserys e mi manca. Per la seconda stagione auguro ogni bene ai miei compagni, ma provo anche pizzico di gelosia. Perché penso "Ah, non posso rifarlo". Ma almeno ho avuto modo di raccontare una storia completa. Aveva un inizio e aveva una fine. E la fine è stata piuttosto spettacolare", ha concluso l'attore.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
  • Giornalista professionista
  • Appassionata di Serie TV e telespettatrice critica e curiosa
Suggerisci una correzione per l'articolo