Schede di riferimento
News Serie TV

A casa tutti bene - La serie: recensione del primo episodio

A tre anni di distanza dal film A casa tutti bene, Gabriele Muccino riprende per mano i personaggi del film e li rende protagonisti di una serie Sky Original intitolata A casa tutti bene – La serie e che debutta nel mese di dicembre. Il primo episodio di è stato presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma.

A casa tutti bene - La serie: recensione del primo episodio

Ci sono storie che non finiscono mai veramente e personaggi abbandonati al proprio destino di infelicità e irrequietezza che meritano una catarsi o una risolutiva ed eroica caduta negli abissi. Ci sono vicende umane, insomma, che non è bene lasciare in sospeso. E’ questo che ha capito e pensato Gabriele Muccino mentre girava A casa tutti bene, che riuniva, in una casa su un'isola battuta da una pioggia torrenziale, i componenti di una famiglia allargata non da Mulino Bianco ma un po' disfunzionale, dolente, irrisolta e abbandonata, come un’imbarcazione di fortuna, a una bufera implacabile di rancori.

Trasformando il film in una serie tv in 8 episodi, il regista dei sentimenti che diventano tempesta e assalto ha voluto riabbracciarli tutti quegli uomini e quelle donne dissanguati dal risentimento e bloccati in un eterno non detto. Chi ha visto il film li conosce bene. Gli altri hanno a disposizione un primo episodio che, come ogni pilota che si rispetti, ha la precisa funzione di introdurre i protagonisti, di mostrarli dapprima e brevemente immersi ciascuno nel proprio milieu per poi riunirli per una festa, come accade in un film di Woody Allen, Mario MonicelliIngmar Bergman o Thomas Vinterberg. Fin qui Muccino segue le regole della grande serialità televisiva, ma fin dall'inizio non può fare a meno di parlare tanto il linguaggio del cinema quanto del suo personalissimo cinema: unico, riconoscibile, mosso, un cinema delle emozioni al cardiopalma, del profluvio di sensazioni che si mescolano a velocità vorticosa, degli scoppi, degli scatti, del passato che ritorna e agita gli animi. Come faceva fin da quando girava corti per Ultimo Minuto, il regista sceglie la fluidità e il tempo del reale che coincide con il tempo del cinema, iniziando con un portentoso piano-sequenza e muovendosi fra i locali e i tavoli del ristorante della famiglia Ristuccia, gestito da Pietro e da sua moglie Alba, aiutati dai figli Sara e Carlo: è il segnale che entro breve, lo spettatore verrà trascinato dentro il vortice di gioia e dolore, rimpianto e rimorso che attraversa ogni personaggio della storia.

E’ difficile giudicare A casa tutti bene - La Serie solo dal primo episodio, ma Gabriele Muccino muove la sua macchina da presa come ha sempre fatto, girando intorno ai personaggi e cedendo giusto a qualche primo piano in più, visto che la destinazione è il piccolo e non il grande schermo. Ogni protagonista ha il suo giusto spazio e il suo dramma personale e, sullo sfondo, si apprende l'esistenza di un terribile segreto che ha causato odio e distacco e si fa quindi strada quell'elemento crime che per il regista de L'ultimo bacio è un'assoluta novità.

Gabriele, in tutto ciò, torna a parlare della famiglia come di inferno in Terra, scintilla che accende guerre di trincea. E’ una cosa che gli riesce benissimo, lo sappiamo, e con poche pennellate il regista intesse trame destinate a diventare fitte e intricate. Fra litigi e sfuriate, i Ristuccia assurgono dunque a simbolo di una comédie humaine che riesce anche a rimandare al 700 francese e all'operetta, e questo perché, abilmente, Muccino va a scomodare "La gazza ladra" di Rossini, già utilizzata da Stanley Kubrick in Arancia meccanica. Vuole forse suggerire ferocia e vendetta? Oppure prepararci a un balletto dei sentimenti che può concedere attimi di leggerezza? Lo scopriremo nei prossimi episodi della serie. Con il pilot, in ogni modo, Muccino è riuscito a suscitare la nostra curiosità.

Si lascia apprezzare, infine, il cast della serie, che intelligentemente non è lo stesso del film, cosicché i volti nuovi arrivano a far rima con personaggi nuovi benché noti e con avventure umane inedite e perciò cariche di quel pathos che quasi solo il buon Gabriele, nel panorama italiano, è capace di scatenare.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
Schede di riferimento