Vicini del terzo tipo - la recensione della commedia con Ben Stiller

07 novembre 2012
3.5 di 5

Se alla voce "stupido" si legge "esilarante", Vicini del terzo tipo è stupido nell'idea, nei dialoghi, nei personaggi, nello sviluppo.

Vicini del terzo tipo - la recensione della commedia con Ben Stiller

Ben Stiller è l'attore americano che maggiormente incarna l’americano medio. Quando non va sopra le righe, come in Zoolander o Tropic Thunder, interpreta generalmente l'uomo ordinario, con un lavoro ordinario e una vita sempre appena al di sotto dell'ordinarietà, affinché la sua missione nella storia sia di riportare il suo personaggio al livello standard. Vicini del terzo tipo - scritto tra gli altri da Seth Rogen e diretto da un prolifico autore del Saturday Night Live - non fa eccezione anche se l’intero film tenta un mix di generi pur mantenendo quell’ironia tipica delle commedie del frat pack (soprannome dato a quel numero di attori comici di Hollywood sulla cresta dell’onda da una decina d’anni, come Carell, Ferrell, Stiller, Vaughn, i due Wilson e Jack Black). Stavolta Stiller è ben accompagnato e quel detto (che forse non esiste, ma che le donne pensano) “se i maschi sono due, la stupidità raddoppia”, calza a meraviglia per Vicini del terzo tipo. Dove i maschi in libera uscita sono quattro.

Volendo leggere “esilarante” alla voce “stupido”, questo film è stupido nell’idea, nei dialoghi, nei personaggi e nello sviluppo. Oltre a Stiller, l’egregio incarico di rendere reale l’idiozia del maschio di mezza età è svolto con bravura anche da Vince Vaughn, che recita su toni molto meno dimessi. Per la fascia più giovane ci pensa Jonah Hill, mentre Richard Ayoade è l’intruso che aggiunge quella ricercata eccentricità, per il suo essere fuori luogo nel cast, come improbabile vicino britannico di una cittadina di provincia americana e per quell’accento cockney che si perde col doppiaggio. Dopo l’assassinio di un uomo, Stiller decide di fondare nientemeno che una ronda di quartiere, come andavano di moda in Italia pochi anni fa. I quattro si fanno paladini della cittadina senza sapere che il pericolo incombente non è proprio di questo pianeta. Gli alieni sono di tendenza al cinema e ironizzarci sopra, male non fa. Soprattutto se la stupidità tiene fede a se stessa, è di buona fattura e non vuole andare da nessuna parte.





  • Giornalista cinematografico
  • Copywriter e autore di format TV/Web
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento