Resistance: la recensione del film che racconta la storia vera del giovane Marcel Marceau nella lotta contro il nazismo

25 giugno 2020
3 di 5
15

Jesse Eisenberg interpreta un giovanissimo Marcel Marceau che prima come mimo e poi come militante della resistenza intrattené e poi salvo migliaia di bambini orfani ebrei nella Francia occupata dai nazisti.

Resistance: la recensione del film che racconta la storia vera del giovane Marcel Marceau nella lotta contro il nazismo

Una carriera celebrata in tutto il mondo come artista del palcoscenico, addirittura inventore di una forma di comunicazione e arte corporea, la persona a cui Michael Jackson copiò il moonwalking. Ma l’alsaziano Marcel Mangel, noto con il nome d’arte di Marcel Marceu, da ventenne fece qualcosa che oggi è poco noto, ma che lo rese un uomo prima che un artista degno di essere ricordato fra i giusti della terra. Resistance di Jonathan Jakubowicz ce la racconta con Jesse Eisenberg nei panni del giovane irrequieto erede di una famiglia di macellai ebrei di Strasburgo con la passione per l’arte, cresciuto con il culto di Charlie Chaplin, che andava sempre in giro con dei baffetti finti.

Se l’arte può salvare il mondo, Marcel Marceau, ancora agli inizi della sua carriera artistica che l’avrebbe portato a diventare l’indiscusso re della pantomima, il più grande mimo della storia, ha iniziato con il suo linguaggio universale dei gesti a intrattenere, a salvare dal mutismo del trauma migliaia di bambini ebrei orfani, poi lo ha fatto usando le sue qualità, il suo sangue freddo, per insegnare ai piccoli a sopravvivere nella Francia occupata totalmente dai nazisti negli ultimi anni della Seconda guerra mondiale, militando nella Resistenza francese di stanza a Lione. Lo ha fatto sempre con la sua prospettiva inconsueta come cui guardava la vita, che vedeva da un punto di vista eccentrico, insegnando ai bambini l'arte del silenzio, anche arrampicandosi sugli alberi nelle montagne, in cima alle alpi francesi, verso la Svizzera neutrale, verso la libertà, finalmente non più sottoposti alla barbarie di uno dei più spietati criminali del regime nazista. Si chiamava Klaus Barbie, nessun ufficiale di alto rango della Gestapo aveva così tanto potere così giovane. Era a capo della Francia meridionale occupata, passò alla storia come il boia di Lione.

Un boia all’interno di una tragedia come quella della Shoah e dello sterminio di rom, disabili, omosessuali e tante altre minoranze che per il regime hitleriano non erano semplicemente degne di vivere nel Terzo Reich millenario. Anche i bambini, soprattutto i bambini. Ne morirono un milione e mezzo, un milione dei quali ebrei. Marcel Marceau ne salvò migliaia, molti di più in maniera indiretta. Resistance racconta la loro storia e la storia di un attore - per carità non dovevate chiamarlo pagliaccio o in altri modi simili -, un artista che sapeva parlare la lingua dei più piccoli senza aprire bocca, un giusto come tanti, prima di diventare celebre in tutto il mondo per la sua arte, quando anonimo, insieme ad altri senza nome, rischiò la vita per mantenere un minimo di umanità in un mondo cupo e sull’orlo del baratro.

Jonathan Jakubowicz fa un onesto lavoro, prende spunto da molti classici per costruire la tensione che diventa insopportabile quando i “nostri” rischiano di essere scoperti, come nel corso di una lunga, ben costruita sequenza in treno davvero piena di suspense, o in un bosco innevato di notte. Jesse Eisenberg è molto convincente in questo ruolo di eroe per caso, sempre misurato e credibile, come tutto il film, che rimane sotterraneo, nascosto, come i protagonisti della storia che racconta. Particolarmente efficace anche Matthias Schweighhoefer nei panni di Barbie, il cattivo della storia,  il giovane che amava le bionde e professava vicinanza alle arti mentre portava a termine con violenza inaudita, senza dubitare un secondo, il suo mandato di opprimere ogni dissidenza e schiacciare i “diversi”.



  • critico e giornalista cinematografico
  • intervistatore seriale non pentito
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento