La mummia – La tomba dell’imperatore dragone: la nostra recensione

24 settembre 2008
1

Confezionato con la solita cura delle produzioni ad alto budget, il terzo capitolo della saga dedicata alla mummia risente in positivo del cambio di regista, e si rivela un prodotto capace di divertire tendendo ben presenti le coordinate del cinema d’intrattenimento.

La mummia – La tomba dell’imperatore dragone: la nostra recensione

La mummia – La tomba dell’imperatore dragone: la recensione

Se il cinema d’evasione hollywoodiano, quello caratterizzato da sfarzoso impiego di effetti speciali e da budget stellari, ha subito negli ultimi anni un vistoso calo a livello qualitativo, ciò è dovuto probabilmente anche alla mancanza dei cosiddetti “artigiani”, ovvero a quella schiera di registi specializzati nelle mega-produzioni che garantivano pellicole di sicuro affidamento. Se in passato i cosiddetti blockbuster erano affidati a nomi del calibro di Cecil B. De Mille o Joseph Mankiewicz, adesso il nome di punta per questo tipo di produzioni può essere considerato il comunque affidabile Michael Bay; a livelli decisamente inferiori si deve invece collocare Stephen Sommers, autore dei primi due episodi della saga de La mummia e responsabile dell’ancora più risibile Van Helsing. Già quindi scoprire che al timone di questo terzo episodio è stato messo un altro regista, Rob Cohen, lasciava intravedere quel minimo di speranza di assistere ad uno spettacolo almeno non dozzinale come quelli precedenti.

La sorpresa è stata quindi totale alla fine della proiezione, quando ci si è resi immediatamente conto che Cohen ha realizzato un action-fantasy di tutto rispetto, molto ben dosato nell’alternare lo spettacolo puro con intermezzi delegati all’intrattenimento più leggero; sotto questo punto di vista la presenza di una “spalla” comica come il consumato caratterista John Hannah è stata ancora una volta garanzia di affidabilità e di una discreta quantità di buon humour. Ma i pregi de La mummia – la tomba dell’imperatore dragone non si fermano qui: costruito su una sceneggiatura che riesce in maniera non meccanica a far fluire la storia secondo le direttive più classiche del genere, il film possiede poi almeno un paio di sequenze di fattura assolutamente pregiata, come ad esempio lo splendido duello nel pre-finale tra Jet Li e Michelle Yeoh.

Se certo non si può paragonare questo lungometraggio alle vette artistiche raggiunte di recente da altri film destinati al grande pubblico come ad esempio Il cavaliere oscuro, il lavoro di Cohen rimane allo stesso modo perfettamente funzionale al suo scopo primario, forse unico, che è quello di intrattenere il pubblico pagante. Confermato protagonista della saga il baldanzoso Brendan Fraser, il terzo capitolo ha visto invece cambiare il volto della sua amata Evelyn, che è passato da quello austero ed elegante di Rachel Weisz a quello più ironico di Maria Bello: il cambio tutto sommato non nuoce al valore complessivo del tutto, anzi forse lo migliora, in quanto la Bello si sta sempre più confermando un’attrice dotata di una grande versatilità, ed in questo caso anche capace di sciorinare una buona dose d’ironia e di divertimento.

Se anche non oseremmo mettere questo La mummia – la tomba dell’imperatore dragone nella lista dei migliori film del 2008, resta comunque il fatto che quello diretto da Rob Cohen è nettamente il capitolo migliore della serie, e si presenta come un prodotto di discreta resa cinematografica, che possiede oltretutto almeno un paio di guizzi cinefili in grado di soddisfare anche un pubblico più esigente.

Un’ultima annotazione: dopo il recentissimo Kung Fu Panda, il film di Cohen è il secondo prodotto uscito in poche settimane quasi interamente ambientato in Cina, segno tangibile che anche Hollywood sta tentando di conquistare spazi commerciali in un mercato in continua espansione, di cui anche l’industria cinematografica più potente del mondo non può non tenere conto.



  • Critico cinematografico
  • Corrispondente dagli Stati Uniti
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento