Il profeta - la recensione del film

18 marzo 2010
3.5 di 5

Sbarca nelle nostre sale il celebratissimo film di Jacques Audiard, premiato ed osannato in patria come all'estero. Un film indubbiamente di grande impatto e di evidente potenza, che però a tratti pecca per eccesso di zelo.

Il profeta - la recensione del film

Il profeta - la recensione



Che Jacques Audiard fosse un regista di ottime capacità, che sa girare molto bene lo sapevamo già dai tempi di Sulle mie labbra e ancora di più di Tutti i battiti del mio cuore: film non perfetti ma comunque dotati di grande fascino visivo e di spunti narrativi non banali. Il profeta – storia carceraria che racconta dell’ “evoluzione” di Malik, un 19enne sbattuto in galera dove lentamente e progressivamente imparerà a trasformarsi da manovale obbligato di una banda di corsi in un personaggio scaltro ed in grado di badare ai suoi interessi (alla faccia della riabilitazione) – conferma i molti pregi del cinema del francese, pur non evitando quanche difetto.

Il profeta è un magniloquente ed ambiziosissimo affresco, dove agli stereotipi tipici del cinema carcerario (usati tutti con misura e intelligenza) vengono progressivamente assommate caratteristiche e dinamiche delle grandi epopee gangsteristiche della storia del cinema recente e non. Ci si perde con piacere nel nugolo di situazioni e personaggi propostici da Audiard, che è capace di farci osservare come con occhi nuovi meccanismi e dinamiche risapute ma non per questo meno affascinanti, e si vivono sensazioni quasi tattili nelle attente ricostruzione delle dinamiche interne ed esterne al carcere dove Malik sconta la sua pena. E di Malik, soprattutto, seguiamo passo passo un’evoluzione interiore che è tutta incentrata sulla crescita personale ma anche sull’indurimento e sulla sedimentazione di tutte quelle particelle criminali che facevano parte di lui all’ingresso nella prigione e che sono andate solo aumentando ogni giorno trascorso tra quelle mura.

Per quanto apparentemente ottimistica nella sua risoluzione finale, la parabola di Malik è tragica e crudele. Una tragedia nel senso alto del termine, che racconta dell’impossibilità non solo e non tanto della banale “redenzione”, ma di una qualsiasi forma di crescita e di evoluzione che non sia basata sul sangue versato o fatto versare: è anzi il primo, terribile gesto cui Malik è costretto una volta in carcere – l’omicidio di un altro detenuto – che per lui sarà sì un ingombrante, metaforico e  letterale fantasma con il quale confrontarsi ma anche il presagio continuo (profetico, appunto) di un cammino al quale è oramai impossibile sottrarsi. Persino la possibilità di una mescolanza etnica e razziale, pare essere negata, in Il profeta, a dispetto della natura chiaramente multietnica della sua produzione.

Audiard mira alto, lo dimostra non solo con lo spessore di queste tematiche ma anche con alcune scelte narrative e formali spiazzanti e coraggiose: tanto in alto, però, da far andare a volte fuori tempo la sua orchestrazione sinfonica, steccare qualche isolata nota, perdere il ritmo, specie dalla seconda parte del film in poi. Dilatata nell’arco delle due ore e mezza tonde di durata, distratta da alcune evasioni più autoriali dello stile (via via più frequenti), la storia di Malik si dipana in rivoli che rischiano di sottrarre invece che aggiungere, pecca in qualche raccordo tra dura concretezza e profetica astrazione. E così Il profeta, comunque film potente ed efficace, perde del potenziale che rimane paradossalmente inespresso per ansia di esplicitazione.



  • Critico e giornalista cinematografico
  • Programmatore di festival
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento