Hustle: la recensione del film Netflix con Adam Sandler

08 giugno 2022
3.5 di 5
1

Sandler in versione seria, e efficacissima, in questo sport drama prodotto da LeBron James e popolato di leggende della NBA di ieri, di oggi e di domani che mescola con attenzione malinconia, umorismo e riscatto sportivo e personale. In streaming dall'8 giugno su Netflix.

Hustle: la recensione del film Netflix con Adam Sandler

"I love this game". Amo questo gioco.
Molti di voi magari se lo ricorderanno questo slogan, che veniva usato dalla NBA per promuovere sé stessa e la cultura del basket negli anni Novanta, quelli dominati dai Bulls di Michael Jordan.
Anche Adam Sandler lo ripete spesso, in Hustle. "I love this game". Di più: spiega al suo pupillo - al talentuosissimo ragazzo spagnolo che ha scovato per caso in un playground di Madrid, e ha portato con sé a casa, a Philadelphia, per farlo entrare nell'NBA e rientrare così lui stesso nel giro che conta dalla porta principale - che amare il gioco non basta. Nemmeno il talento, da solo, basta. Bisogna essere ossessionati, da quel gioco lì, per arrivare in cima.

Non è fallo da spoiler dire che, alla fine di Hustle, il giovane Bo Cruz (che poi è il giocatore degli Utah Jazz Juan Hernangómez, bravo pure come attore e non solo sul parquet) e lo Stanley di Sandler riusciranno entrambi nel loro intento. Perché le regole dello sport drama sono precise, e questo film di Jeremiah Zagar scritto da Taylor Materne e Will Fetters (quello di A Star is Born), le rispetta tutte.
Il che magari lo rende prevedibile, ma comunque rassicurante, e soprattutto equilibrato. Senza contare che, come spesso accade in questo genere di film, il valore aggiunto è quello si cela nei dettagli, nelle sfumature.
Nelle interpretazioni, anche.

Adam Sandler, quindi. The Sandman, come lo chiamano i suoi fan.
Qui, in questo film, si chiama Stanley Sugarman, è un ex talento del college basketball che ha dovuto rinunciare alla carriera a causa di un incidente stradale, che è uno dei migliori scout in circolazione e che è stato appena nominato assistant coach dei 76ers dal loro proprietario, quando questi muore lasciando la franchigia nelle mani di un figlio che odia Stanley, lo rimetterà a fare lo scout in giro per il mondo, e cercherà anche di boicottarlo nell'operazione Bo Cruz.
Adam Sandler, che qui forse non è bravo come in Diamanti grezzi, film per cui avrebbe meritato un Oscar, ma anche due (e invece ha preso solo l'Independent Spirit Award), ma che sicuramente è bravo quanto era stato bravo in Ubriaco d'amore, Reign Over Me o The Meyerowitz Stories. E cito solo i suoi film "seri", perché in troppi avete ancora troppi problemi per capire il valore del Sandler comico. A differenza mia e di P.T. Anderson.

Lo Stanley di Sandler, qui, assomiglia un po' al Ben Affleck di Tornare a vincere, ma con molto meno alcool, una quantità simile di la stessa disillusione ("gli uomini sulla cinquantina non hanno sogni", dice, "hanno gli incubi e l'eczema"), ma anche un po' più ossessione. Determinazione. Quella cosa che gli fa dire, e ripetere, "Never back down", non arrendersi mai. Lo impara anche il Bo di Hernangómez.
Che poi lui, Juancho, non è mica l'unica star della NBA che appare nel film. In Hustle ci sono vere e proprie leggende della NBA di ieri e non: dal grande Doctor J fino a Sixers di oggi come Tyrese Maxey, Tobias Harris e Matisse Thybulle, passando per gente come Trae Young, Charles Barkley, Allan Iverson, Shaquille O'Neal, Kyle Lowry, Anthony Edwards e Kenny Smith.
I love this game, e mi piace Sandler. Per promuovere Hustle, sport drama solido, attento nel miscelare malinconia, riscatto e umorismo, e avvicente il giusto, basta e avanza.
Gli appassionati calcio non si offendano, mi raccomando, per un paio di battutacce di Sandler contro lo sport che lì, in America, chiamano soccer.



  • Critico e giornalista cinematografico
  • Programmatore di festival
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento