Ho ucciso Napoleone Recensione

Titolo originale: Ho ucciso Napoleone

2

Ho ucciso Napoleone: recensione della commedia di Giorgia Farina con Micaela Ramazzotti

-
Ho ucciso Napoleone: recensione della commedia di Giorgia Farina con Micaela Ramazzotti

Cosa hanno in comune l’americana Uma Thurman e l’italiana Micaela Ramazzotti oltre al talento, ai capelli biondi e a un compagno di vita che fa il regista? Ora che esiste Ho ucciso Napoleone, possiamo dire che le due attrici condividono anche una "lady vendetta", un personaggio femminile ferito nell’orgoglio che lancia al nemico una terribile contro-offensiva, non ripagandolo assolutamente con la stessa moneta.
Certo, fra la sposa di Kill Bill e l'accanita lavoratrice del secondo film di Giorgia Farina qualche differenza c’è, ma la rabbia è la stessa, così come il coraggio e l’impossibilità di scendere a compromessi.

Come già aveva fatto in Amiche da morire, la giovane regista romana racconta una storia di solidarietà femminile, tratteggiando un microcosmo nel quale la dolcezza protettiva e l’affettuoso ascolto normalmente attribuiti a piccoli e grandi ginecei vengono spazzati via da un atteggiamento fattivo e da una sorprendente capacità organizzativa, come a dire: "Ehi, maschi, guardate che noi il fazzoletto lo abbiamo buttato via da tempo".

E’ una dark lady implacabile la protagonista del film Anita, una vera cattiva che non si preoccupa di circondarsi di un' allure di sensualità e mistero. Più gelida della Miranda Priesly de Il diavolo veste Prada , è soprattutto una donna pratica, che invece di agitare sempre al vento una capigliatura alla Veronica Lake predilige pettinature pratiche come lo chignon. Il che è molto originale.
Tuttavia, se a interpretare questo algido robot che cammina come un soldatino non fosse stata chiamata la Ramazzotti, il personaggio avrebbe corso il rischio di risultare caricaturale.
Bisogna anche precisare che la Farina ha scelto di allontanarsi il più possibile da una recitazione naturalistica e di scartare il realismo a favore del fumetto, un fumetto fatto di colori forti, dialoghi essenziali e uomini e donne che sembrano archetipici.

Abbiamo detto "sembrano", non "sono", perché la vivacissima Giorgia a un certo punto cambia le carte in tavola, rivelando, tanto in Anita quanto in coloro che le ruotano intorno, un lato nascosto: vulnerabile nei villain e maligno nei buoni.
Nonostante questi voltafaccia, non succede tutto e il contrario di tutto in Ho ucciso Napoleone, pochi personaggi vanno da un punto A ad un punto B. Cambiano le sfumature, piuttosto, e qualche angolo viene smussato, ma in fondo al cuore ognuno è quel che è, e la responsabilità è delle famiglie in cui si è cresciuti. E’ questo il messaggio schietto che ci arriva attraverso alcuni flashback in cui ottusi genitori danneggiano in maniera permanente i figli. Non è una lezione scontata e sappiamo bene che dietro c’è il vissuto della regista.

Meno interessante, forse, il discorso sulle donne in carriera: quelle che vivono la maternità come un fastidio, quelle multitasking e iper organizzate, quelle che invece di volere una cosa la pretendono. Non è un contenuto nuovo, ma siccome è nuova – o meglio innovativa ­– la forma del film, cambia la nostra maniera di percepirlo.

Giorgia Farina è una regista che sa girare e tirare fuori il meglio da Libero De Rienzo, Adriano Giannini, Elena Sofia Ricci & Co., ma inseguendo il ritmo rutilante del suo racconto e la sua voglia di essere diversa dagli altri, dimentica di scaldarci il cuore con una grande storia.
Noi che amiamo il cinema siamo avidi di grandi storie, anche diquelle già sentite, perché sono il dono più bello che un film possa darci.
La diavolessa/paperina Anita, però, ce la porteremo comunque dietro, sperando di diventare come lei solamente all’occorrenza.



Carola Proto
  • Giornalista specializzata in interviste
  • Appassionata di cinema italiano e commedie sentimentali
Lascia un Commento