Earth - Un giorno straordinario Recensione

Titolo originale: Earth: One Amazing Day

40

Earth - Un giorno straordinario: recensione del docu-film della BBC narrato da Diego Abatantuono

- Google+
Earth - Un giorno straordinario: recensione del docu-film della BBC narrato da Diego Abatantuono

Sarà per via dell’imprinting infantile datomi da quella dolce mollezza post-prandiale aperta dall’Aria sulla quarta corda di Bach, sarà per una sincera e radicata fascinazione per le meraviglie sorprendenti della Natura, ma per i documentari sugli animali ho sempre avuto un debole.
Solo che Earth - Un giorno straordinario non è un semplice documentario: perché dai tempi gloriosi del Quark di Piero Angela il documentario naturalistico si è evoluto (anche, e soprattutto, formalmente), perché questo è un docu-film, più che un doc vero e proprio, e perché la rappresentazione visiva per le meraviglie sorprendenti della natura raggiunge qui vette finora mai toccate: le stesse del materiale che è alla base di questa operazione cinematografica, la serie di documentari della BBC Planet Earth 2.

Sul grande schermo la potenza delle immagini di Planet Earth esplodono, e rivelano come già alla base di quel prodotto televisivo ci fossero idee di ripresa e di montaggio fortemente cinematografiche, che in Earth - Un giorno straordinario vengono esaltate anche dalla struttura narrativa, oltre che dal formato delle immagini.
Esempio principe di tutto questo è il segmento che racconta delle giovani iguane marine cacciate e inseguite sai serpenti delle Galapagos, diventato virale online qualche mese fa, all’epoca della prima messa in onda di Planet Earth 2: e come e più di allora, al cinema se ne apprezza la straordinarietà delle riprese, sì, ma anche un montaggio che ne fa un corrispettivo “naturale” di una scena d’azione e d’inseguimento di un grande maestro del cinema contemporaneo.

E così anche le legnate che si assestano quegli animali solitamente eleganti e placidi - nonché incredibili, come usciti dalle pagine di romanzo di fantascienza, al pari di tante altre creature che popolano il nostro pianeta - che sono le giraffe, qui, sembrano uscire da un film della serie di I Mercenari; e gli orsi che si grattano la schiena contro gli alberi sono i Jim Carrey + Jack Black del mondo naturale; e la magia che evocano le riprese sottomarine dei capodogli, e del loro sonno in posizione verticale, è la stessa dei grandi film di Miyazaki.
Solo che, qui, non c’erano set, prove, copioni, attori. Qui a scrivere la sceneggiatura è la Natura, e non ci sono secondi, terzi, quarti, trentesimi ciak. Qui è solo buona la prima, fatto salvo il periodo di attesa e di preparazione, e la prima è incredibile. Sempre.

Bradipi indolenti, narvali misteriosi, pinguini instancabili, cuccioli di zebra, insetti che vivono solo ventiquattr’ore o semplici - si fa per dire - lucciole, in Earth - Un giorno straordinario emozionano come grandi attori hollywoodiani. E il film, capace di lasciare a bocca aperta chi non è insensibile alla bellezza (non solo della Natura, ma alla bellezza tout court), aiuta a ricordarci quanto sia importante preservare il pianeta sul quale viviamo, e la bellezza della diversità straordinaria che ospita.

Earth - Un giorno straordinario
Il trailer italiano del film - HD
4569


Lascia un Commento