Shadowhunters: Conversazioni in corso per evitare la chiusura anticipata

- Google+
79
Shadowhunters: Conversazioni in corso per evitare la chiusura anticipata

Le storie di Shadowhunters potrebbero non fare in tv la stessa fine che ha fatto al cinema. Poco più di un mese dopo l'annuncio che l'adattamento di Freeform degli amati romanzi di Cassandra Clare si concluderà anticipatamente, alcune dichiarazioni fatte dal produttore Martin Moszkowicz indicano che la grande campagna messa in piedi dai fan per salvare la serie ha prodotto un primo importante risultato, incoraggiando chi di dovere a rimettere in discussione tale decisione.

"Ci sono conversazioni in corso con la rete e Netflix su come possiamo continuare a portare in televisione la visione di Cassandra Claire", ha detto Moszkowicz a Deadline. Il produttore ha assicurato che gli sforzi compiuti dai fan con la campagna #SaveShadowhunters (non solo negli Stati Uniti ma in tutto il mondo) non sono passati inosservati ai dirigenti, aggiungendo che allo studio Constantin Film sono rimasti "stupiti della dedizione e della perseveranza degli straordinari fan di Shadowhunters".

All'inizio dello scorso mese, spinta probabilmente dalle medie d'ascolto in calo, Freeform ha annunciato che Shadowhunters si concluderà la prossima primavera con uno speciale in due parti che andrà ad aggiungersi ai restanti 10 episodi inediti della terza stagione già ordinati da tempo. Delusi, i fan si sono organizzati per far sentire la propria voce sui social network e nel mondo reale. Un aeroplano con lo striscione "Save Shadowhunters" è stato fatto volare nei pressi del quartier generale di Netflix a Los Angeles. A New York è stato acquistato uno schermo pubblicitario a Times Square, mentre a Seul, nella Corea del Sud, la metropolitana è stata tappezzata di manifesti della campagna.



Lascia un Commento
Schede di riferimento
Lascia un Commento