Pappa e ciccia: ABC cancella il revival dopo un tweet razzista di Roseanne Barr

-
83
Pappa e ciccia: ABC cancella il revival dopo un tweet razzista di Roseanne Barr

Ha del clamoroso quanto accaduto nelle ultime ore attorno a Roseanne, revival della sitcom degli Anni '90 Pappa e ciccia. La rete americana ABC, che lo scorso marzo ne aveva ordinato una seconda stagione immediatamente dopo lo straordinario successo di pubblico e critica dei primi episodi, ha cancellato la serie poche ore dopo che la star, ideatrice e produttrice esecutiva Roseanne Barr ha pubblicato un tweet razzista contro Valerie Jarrett, consigliera dell'ex Presidente degli Stati Uniti d'America Barack Obama, un'afroamericana.

Rispondendo a un messaggio che accusava Jarrett di aver contribuito a coprire presunte malefatte dell'amministrazione Obama, Barr ha scritto: "La fratellanza musulmana e il pianeta delle scimmie hanno avuto un bambino = vj", usando in quest'ultimo passaggio le iniziali della consigliera. Il tweet ha scatenato l'immediato sdegno dell'intera comunità di Hollywood e non solo, portando più tardi l'attrice a scusarsi pubblicamente. "Mi scuso con Valerie Jarrett e tutti gli americani", ha scritto. "Sono davvero dispiaciuta per aver fatto una pessima battuta sulle sue politiche e il suo aspetto. Avrei dovuto capirlo. Perdonatemi, la mia battuta era di cattivo gusto". E benché Barr avesse annunciato spontaneamente il suo ritiro da Twitter, la presa di posizione di ABC è stata inevitabile e decisa. "Quanto dichiarato da Roseanne su Twitter è aberrante, ripugnante e incoerente con i nostri valori, ragione per cui abbiamo deciso di cancellare il suo show", ha dichiarato la presidente di ABC Entertainment Channing Dungey.

Prima dell'annuncio della cancellazione di Roseanne, la co-star Sara Gilbert (interprete di Darlene) aveva dichiarato: "Le recenti parole di Roseanne su Valerie Jarrett sono aberranti e non riflettono le convinzioni del nostro cast, della troupe o di chiunque lavori nel nostro show. Sono a dir poco delusa dalle sue azioni". E mentre la consulente di produzione Wanda Sykes definiva la propria indignazione annunciando che non sarebbe tornata nella nuova stagione, Emma Kenney (Harris) aveva tweettato: "Sono ferita, imbarazzata e delusa. Le parole razziste e sgradevoli di Roseanne sono imperdonabili", aggiungendo più tardi: "Ho telefonato al mio agente per interrompere i rapporti con lo show, e mi ha detto che è stato cancellato. Mi sento ispirata da Wanda Sykes, Channing Dungey e da chiunque a ABC per aver difeso la moralità contro l'abuso di potere. I bulli non vinceranno mai". Parole quelle della Barr che hanno prodotto anche una spaccatura nei rapporti con la sua agenzia, la ICM Partners, che ha deciso di allontanarla, e l'immediato ritiro dalle reti TV Land, Paramount Network e CMT, così come dal servizio di video in streaming Hulu, degli episodi in replica. Inoltre, ABC, che cancellando la seconda serie più seguità della tv americana si è trovata costretta a prendere una decisione certamente difficilissima, ha annunciato di aver sospeso la campagna a sostegno della candidatura di Roseanne alla prossima edizione degli Emmy.

"A nome di tutti gli sceneggiatori e produttori, abbiamo lavorato duramente per creare una serie che fosse straordinaria", è stato il commento dello showrunner del revival Bruce Helford. "Sono stato personalmente inorridito e rattristato da quelle parole e non riflettono in alcun modo i valori delle persone che hanno lavorato così duramente per rendere questo show l'icona che è". Sulla vicenda è intervenuta anche Shonda Rhimes, una delle voci più distintive di ABC, che da più di un decennio lotta contro le ingiustizie attraverso le voci dei suoi personaggi in Grey's Anatomy, Scandal e Le regole del delitto perfetto. "La parte peggiore è che tutti gli innocenti di talento che hanno lavorato a quella serie ora soffrono a causa di questo", ha scritto su Twitter. "Ma, sinceramente, ha avuto ciò che si meritava. Come dico a mio figlio di 4 anni, si fa una scelta con le proprie azioni. Roseanne ha fatto una scelta. Di essere razzista. ABC ne ha fatta un'altra. Di essere umana".

La tumultuosa giornata si è conclusa con nuove dichiarazioni della Barr. "Non dispiacetevi per me, gente!! Voglio solo scusarmi con le centinaia di persone, i meravigliosi sceneggiatori (tutti liberali) e gli attori di talento che hanno perso il lavoro nel mio show a causa del mio stupido tweet". E ha aggiunto: "Sono profondamente dispiaciuta per i miei commenti su Twitter. Soprattutto, voglio scusarmi con Valerie Jarrett, così come con ABC, il cast e la troupe di Roseanne. Mi dispiace di aver fatto senza pensare una battuta che non riflette i miei valori - amo tutte le persone e mi dispiace molto. Oggi le mie parole hanno fatto sì che centinaia di persone laboriose perdessero il lavoro. Mi scuso sinceramente anche con il pubblico che ha abbracciato il mio lavoro per decenni. Mi scuso dal profondo del mio cuore e spero possiate trovare nei vostri la forza di perdonarmi".



Emanuele Manta
  • Redattore specializzato in Serie TV
  • Appassionato di animazione, videogame e fumetti
Lascia un Commento
Schede di riferimento
Lascia un Commento