News Serie TV

La casa di carta, Jaime Lorente non ha retto il successo improvviso: "Sono andato in terapia"

1

In attesa dell'uscita dell'ultima stagione della serie spagnola su Netflix, l'interprete di Denver ha parlato dei problemi che ha affrontato a causa dell'inaspettata notorietà.

La casa di carta, Jaime Lorente non ha retto il successo improvviso: "Sono andato in terapia"

La fama spesso dà alla testa ma l'importante è saperla gestire. Lo sa bene Jaime Lorente, attore spagnolo diventato famoso per i ruoli di Nano in Elite e di Denver ne La casa di carta e che abbiamo recentemente ritrovato anche nella serie di Prime Video El Cid. Attore di televisione e di teatro, testimonial di noti brand e persino autore di poesie, Lorente si è dimostrato particolarmente versatile. Ma, per lui, gli ultimi anni sono stati un caleidoscopio di emozioni in seguito all'enorme popolarità raggiunta soprattutto grazie a La casa di carta. Ora che la serie si avvia alla conclusione (la prima parte della quinta e ultima stagione arriverà su Netflix il 3 settembre), l'interprete di Denver si è confidato con GQ Spagna e, in una lunga intervista, ha svelato di essere andato in terapia per gestire l'improvvisa notorietà e non soccombere sotto il peso della fama.

Jaime Lorente si confessa: "Il successo è stato pesante"

Parlando del suo rapporto con la fama e della gestione dell'inaspettata notorietà arrivata dopo il boom de La casa di carta su Netflix, Lorente ha detto:

"Ho avuto bisogno di una terapia, ne ho bisogno e ne avrò bisogno, di sicuro. Ho una persona che mi dà una serie di linee guida perché, alla fine, quello che ho sofferto nel bene e nel male è stato improvviso, è stato molto intenso, è stato pesante, ed è successo tutto in pochissimo tempo, quindi per l'impegno verso me stesso e verso le persone che mi vogliono bene ho dovuto lasciarmi aiutare a fare tutto nel miglior modo possibile"

L'attore ha ammesso di aver vissuto molto male una situazione in cui, spesso, i fan non facevano differenza tra persona e personaggio che ha interpretava:

"Il mio successo per me sta in qualche luogo artistico, che forse non ho ancora scoperto e sto per scoprire, ma non nel concetto di trionfo che si vede dall'esterno. Quel tipo di successo è arrivato perché è così che gli altri l'hanno pensato, non io. È stato più un problema di esposizione che di espressione. Questa imposizione esterna del concetto di successo è riuscita a superare ciò che ero. La gente mi conosceva per qualcosa che non faceva parte di me. Sì ok, faceva anche parte di me, vero, ma non ha niente a che vedere con chi sono davvero. E c'è stato un momento in cui ho pensato: 'Wow! Questo mi sta divorando, e non voglio che mi divori ma che mi completi e voglio essere in grado di trarne vantaggio, voglio che abbia un senso.' E per questo ho cercato aiuto"

Jaime Lorente dice addio a Denver

Nonostante le difficoltà, Jaime Lorente sa di dover essere molto grato al suo Denver per avergli dato la possibilità di essere conosciuto in tutto il mondo. Come dirà addio al suo personaggio? "Lo sto facendo, ci sto provando. Ricordo che iniziare le riprese è stato come l'inizio della fine, qualcosa di molto raro. Lo paragono a una sorta di duello, per seppellire definitivamente qualcosa, per uccidere non solo una serie ma anche un personaggio che è con me da tanto tempo. Quindi sono ancora in questa fase del duello, non so esattamente cosa sia, ma sono ancora lì", ha concluso l'attore.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
  • Giornalista professionista
  • Appassionata di Serie TV e telespettatrice critica e curiosa
Suggerisci una correzione per l'articolo