Il Trono di Spade: Il finale dei libri sarà diverso? La risposta di George R. R. Martin

-
280
Il Trono di Spade: Il finale dei libri sarà diverso? La risposta di George R. R. Martin

La fine de Il Trono di Spade non coincide con la fine di Westeros, dovreste saperlo nel caso in cui queste fossero ore di desolazione per voi. Una delle serie di maggior successo nella storia della tv si è conclusa domenica sera dopo otto stagioni le quali hanno raccontato solo una parte della storia millenaria del continente immaginario. Molte altre cose sono accadute in passato, e saranno probabilmente altre produzioni a narrarle, mentre altre ancora sono state toccate solo marginalmente (o per niente) dall'opera di David Benioff e D.B. Weiss, perché i tempi televisivi non consentivano altro.

Con un po' di pazienza, molta pazienza a dire il vero, George R. R. Martin, lo scrittore che con i suoi romanzi ha dato i natali a tutti questi personaggi, espanderà le vicende attorno alla conquista de Trono di Spade con i romanzi The Winds of Winter e A Dream of Spring, sesto e settimo libro della saga Cronache del Ghiaccio e del Fuoco. Avendo a un certo punto la serie di HBO superato il lavoro di Martin, prendendosi anche per questo diverse libertà narrative, è lecito chiedersi a questo punto quanto l'arco conclusivo della saga letteraria sarà simile a quello visto in tv. Se non altro perché, come stiamo riportando da ore, quest'ultimo ha diviso pubblico e critica.

L'argomento è toccato da Martin in un post pubblicato poche ore fa nel suo Not A Blog. L'autore comincia il suo discorso con un lungo preambolo su Il Trono di Spade, su dove tutto era cominciato e su come gli ultimi anni siano trascorsi incredibilmente veloci, nonché sui tantissimi premi vinti e sugli attori che hanno dato vita alle sue creazioni - giovani sconosciuti diventati in poco tempo celebrità internazionali. La definisce "una corsa sfrenata", prima di passare ai dovuti ringraziamenti. A Benioff, a Weiss e allo sceneggiatore Bryan Cogman ("La terza testa del drago, come l'ho definito in un recente pezzo di Vanity Fair", scrive di lui), e ovviamente "alla grande squadra a HBO. Su qualsiasi altra rete, Game of Thrones non sarebbe stata la stessa. La maggior parte delle altre reti, questa serie non l'avrebbe mai neppure prodotta".

Poi arriva la parte in cui Martin parla di se stesso e del suo lavoro sugli ultimi romanzi di Cronache del Ghiaccio e del Fuoco. "L'inverno sta arrivando, ve l'ho detto, tanto tempo fa, ed è così" scrive riferendosi all'uscita di The Winds of Winter, attesa da otto anni. "È molto in ritardo, lo so, lo so, ma uscirà. Non dirò quando, ci ho provato in passato, deludendovi... Ma lo completerò, e poi ci sarà A Dream of Spring". Lo scrittore affronta quindi la questione del finale: "Come finirà tutto? Sento che molti me lo chiederanno. Sarà lo stesso finale della serie? Sarà diverso? Beh... sì. E no. E sì. E no. E sì. E no. E sì. Sto lavorando su un media molto diverso rispetto a David e Dan, non dimenticatelo mai. Loro avevano sei ore per quest'ultima stagione. [Mentre] mi aspetto che questi miei due ultimi libri riempiranno 3,000 pagine prima che abbia finito... e se ne serviranno altre, altri capitoli e altre scene, le aggiungerò".

Martin parla infine dell'"effetto farfalla". "Quelli di voi che seguono Not A Blog, sapranno che ne parlo sin dalla prima stagione. Ci sono personaggi che non sono mai arrivati sullo schermo e altri che sono morti nella serie ma vivono ancora nei libri. Quindi, se non altro, i lettori scopriranno cos'è successo a Jeyne Poole, Lady Stoneheart, Penny e il suo maiale, Skahaz Shavepate, Arianne Martell, Darkstar, Victarion Greyjoy, Ser Garlan il Valoroso, Aegon VI e una miriade di altri personaggi grandi e piccoli che il pubblico della serie non ha mai avuto la possibilità di conoscere. E sì, ci saranno degli unicorni... in un certo qual modo". E conclude: "Libri o serie, quale sarà il 'vero' finale? È una domanda stupida. Io lo scriverò. Voi lo leggerete. Poi ognuno potrà decidere da solo e discuterne su Internet".



Emanuele Manta
  • Redattore specializzato in Serie TV
  • Appassionato di animazione, videogame e fumetti
Lascia un Commento
Schede di riferimento
Lascia un Commento