News Serie TV

Il prequel de Il Trono di Spade: Nuove rivelazioni da George R. R. Martin

123

Il produttore parla di geopolitica, casate, creature e del probabile titolo.

Il prequel de Il Trono di Spade: Nuove rivelazioni da George R. R. Martin

Mentre le riprese del primo episodio - l'unico per ora ordinato dalla rete americana HBO - sono in corso nell'Irlanda nel Nord, il produttore esecutivo George R. R. Martin, nonché autore dei libri che hanno ispirato la serie di straordinario successo Il Trono di Spade, conclusasi di recente, ha condiviso con Entertainment Weekly diversi dettagli inediti del prequel intitolato provvisoriamente The Long Night. Sapevamo finora che la potenziale nuova serie sarà ambientata circa 5,000 anni prima delle Cronache del ghiaccio e del fuoco e che racconterà la discesa del mondo dall'Età d'oro degli Eroi al suo periodo più buio, quell'inverno durato una generazione conosciuto come la Lunga Notte. Quindi un'epoca antecedente ai Targaryen e ai draghi, ma non agli Stark, né agli Estranei.

Martin ha rivelato intanto che in questo primo prequel (ce ne potrebbero essere degli altri) Westeros sarà diviso in circa cento regni. "C'erano sette regni ai tempi della Guerra di Conquista di Aegon. Ma, se si torna indietro, ce n'erano nove, e ancora prima dodici, fino ad arrivare a cento piccoli regni. E questa è l'era di cui parliamo qui", ha detto. Ovviamente, con una tale divisione, Westeros sarà ancora più caotico e pericoloso di quanto non sia stato al tempo dei Sette Regni. Un mondo senza legge, più di quanto non lo sia stato ne Il Trono di Spade, come un Selvaggio West.

Come detto poc'anzi, ci saranno gli Stark, e anche i metalupi. Il che sembra logico, discendendo la nota casata del Nord dai Primi Uomini. "Gli Stark sono sicuramente lì", ha confermato Martin. E sebbene nel prequel non ci sarà traccia di draghi, questo non significa che non ci imbatteremo in altre creature. "Ovviamente ci sono gli Estranei - o come vengono chiamati nei miei libri, gli Altri", ha detto lo scrittore. Poi ha aggiunto: "Ci sono cose come i metalupi e i mammut". Non ci saranno invece i Lannister, con la loro dimora occupata da un'altra casata. Martin anticipa infatti che "i Lannister non ci sono ancora, ma sicuramente c'è Castel Granito; è come Rocca di Gibilterra. Attualmente è occupato dai Casterly", estinti ai tempi di Game of Thrones. La leggenda vuole che i Casterly siano stati espulsi da Castel Granito da Lann l'Astuto (che ha poi fondato Casa Lannister) con un trucco. Non è chiaro però se questa storia sarà raccontata nel prequel.

Martin ha detto poi che, allo stesso modo de Il Trono di Spade, il prequel sarà una serie corale, senza protagonisti assoluti: "Esito a usare la parola 'protagonista'. Come saprete, per Il Trono di Spade non abbiamo mai proposto qualcuno come attore protagonista o attrice protagonista [durante la stagione dei premi]; lo abbiamo fatto sempre come non protagonisti, perché era una serie d'insieme. Penso che sia vero anche in questo caso".

Infine, il produttore si è espresso sulla questione del titolo, ancora non ufficializzato, suggerendo che sarà con ogni probabilità un po' diverso da quello che aveva suggerito egli stesso, The Long Night. Infatti, dietro le quinte, quest'ipotesi è diventata sempre meno affascinante dopo che lo stesso è stato scelto come titolo per il terzo episodio dell'ottava e ultima stagione di GOT. Lui continua a preferire The Long Night, ma ha suggerito che la scelta potrebbe ricadere su qualcosa di analogo. "Ho sentito dire che potrebbe chiamarsi The Longest Night, una variazione che non mi dispiacerebbe", ha concluso.



  • Redattore specializzato in Serie TV
  • Appassionato di animazione, videogame e fumetti
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming